Venerdì 19 Luglio 2019 | 00:15

NEWS DALLA SEZIONE

La tragedia
Bari, bagno di sera a Pane e Pomodoro: muore stroncato da malore 70enne russo

Bari, 70enne russo muore dopo bagno a Pane e Pomodoro: forse un malore

 
Il caso
Manduria, anziano pestato a morte: uno dei maggiorenni va ai domiciliari

Manduria, anziano pestato a morte: uno dei maggiorenni va ai domiciliari

 
Il caso
Porti Taranto, il Tar di Lecce dà il via libera a concessione Ylport

Porti Taranto, il Tar di Lecce dà il via libera a concessione Ylport

 
All'asta
Il Castello di Caprarica del Capo è in vendita a 4,2 milioni di euro

Il Castello di Caprarica del Capo è in vendita a 4,2 milioni di euro

 
In piazza Luigi di Savoia
Bari, anziana investita da un'auto guidata da 80enne: muore in ospedale

Bari, anziana investita da un'auto guidata da 80enne: muore in ospedale

 
Valido dal 1 gennaio 2019
Inps, ecco il bonus Sud per chi assume a tempo indeterminato under 35

Inps, ecco il bonus Sud per chi assume a tempo indeterminato under 35

 
Bari
Stadio S.Nicola, commissione dice sì alla gestione quinquennale della SSC Bari

Stadio S.Nicola, commissione dice sì alla gestione quinquennale della SSC Bari

 
La tragedia a Triggiano
Domatore sbranato, Lav denuncia: «Le 8 tigri ancora in una gabbia di 20mq»

Domatore sbranato, Lav denuncia: «Le 8 tigri ancora in una gabbia di 20mq»

 
L'intervista
Fitto: «La Von der Leyen? Persa una occasione per spezzare l’asse franco-tedesco»

Fitto: «La Von der Leyen? Persa una occasione per spezzare l’asse franco-tedesco»

 
Le dichiarazioni
Lecce calcio, La Mantia: «Concorrenza in attacco? Uno stimolo»

Lecce calcio, La Mantia: «Concorrenza in attacco? Uno stimolo»

 
L'inchiesta
Magistrati arrestati a Trani, Scimè: «Mai truccato i processi»

Magistrati arrestati a Trani, Scimè: «Mai truccato i processi»

 

Il Biancorosso

L'AMICHEVOLE
Tanti sperimenti, poche emozioniIl Bari pareggia con la Fiorentina

Tanti esperimenti, poche emozioni
Il Bari pareggia con la Fiorentina

 

NEWS DALLE PROVINCE

LecceDopo la sentenza della Consulta
Lecce, Ordine degli avvocati, si dimettono in 6: «Pressioni calunniose»

Lecce, Ordine degli avvocati, si dimettono in 6: «Pressioni calunniose»

 
BatL'incidente
Minervino Murge, auto fuori strada: muore donna di 58 anni

Minervino Murge, auto fuori strada: muore donna di 58 anni

 
BariLa tragedia
Bari, bagno di sera a Pane e Pomodoro: muore stroncato da malore 70enne russo

Bari, 70enne russo muore dopo bagno a Pane e Pomodoro: forse un malore

 
TarantoIl caso
Manduria, anziano pestato a morte: uno dei maggiorenni va ai domiciliari

Manduria, anziano pestato a morte: uno dei maggiorenni va ai domiciliari

 
PotenzaDegrado in città
Rifiuti, scatta la tolleranza zero a Potenza: «multe salatissime»

Rifiuti, scatta la tolleranza zero a Potenza: «multe salatissime»

 
MateraNel Materano
Ricercato in Kazakistan, polizia lo arresta in vacanza a Policoro

Ricercato in Kazakistan, polizia lo arresta in vacanza a Policoro

 
BrindisiNel Brindisino
Ruba 6 quintali di meloni in un'azienda, pizzicato al posto di blocco: arrestato 35enne

Ruba 6 quintali di meloni in un'azienda, pizzicato al posto di blocco: arrestato 35enne

 
FoggiaEmergenza abitativa
Foggia, da 14 anni vivono in container invasi da topi e blatte: la protesta delle mamme

Foggia, da 14 anni in container invasi da topi e blatte: secondo giorno di protesta delle mamme

 

i più letti

All’età di 73 anni

Morto il medioevalista
Raffaele Licinio

raffaele Licinio

Si è spento ieri a Foggia all’età di 73 anni Raffaele Licinio, medievista a lungo in cattedra nell’Università «Aldo Moro» di Bari. Era nato nel 1945 a Bari-Ceglie del Campo. È stato un protagonista del Sessantotto pugliese e negli anni Settanta un dirigente del Partito comunista italiano (segretario della sezione «Eugenio Curiel» di Bari). Oggi alle 15.30 l’ultimo saluto nell’auditorium «Santa Chiara» a Foggia.

di Pietro Sisto

Si è spento all’età di 73 anni Raffaele Licinio uno dei più apprezzati e stimati docenti della Facoltà di Lettere e Filosofia e della scuola medievistica di Bari. Allievo di Giosuè Musca, ordinario di Storia medievale, ha anche insegnato negli ultimi anni nell’Università di Foggia, distinguendosi non solo per il rigore scientifico dei suoi numerosi studi, ma anche per una continua opera di divulgazione tra i giovani e gli studenti nonché per una non comune attenzione agli aspetti più propriamente didattici della disciplina. Direttore per diversi anni del Centro di Studi Normanno-Svevi, è stato anche organizzatore delle «Giornate normanno-sveve» destinate a diventare un’importante occasione di incontro e di riflessione tra studiosi italiani e stranieri su un periodo così importante e decisivo per la storia della Puglia e dell’intero Mezzogiorno d’Italia.

Animatore e fondatore della scuola di perfezionamento in «Storia del Mezzogiorno medievale» e in «Cinema e Storia» e della Scuola Laboratorio di Medievistica di Troia (Foggia) fece parte della redazione della rivista «Quaderni medievali» diretta da Giosuè Musca e pubblicata dalle Edizioni Dedalo per le quali svolse anche una preziosa attività di consulenza e collaborazione redazionale.

Al suo interesse per gli orientamenti allora più attuali e stimolanti che provenivano soprattutto dalla Francia e dalla Scuola delle Annales si deve tra l’altro l’edizione italiana per la casa editrice allora diretta da Raimondo Coga di un importante testo di quella straordinaria stagione di studi come il volume Per una storia delle malattie di J. Le Goff e J.Ch. Sournia (insieme a F. Porsia 1986).

Sulla base delle più accreditate metodologie della storiografia italiana ed europea ha sempre rivolto la sua attenzione soprattutto ai rapporti sociali e alle tecniche produttive, all’assetto del territorio e alle istituzioni politico-amministrative del Mezzogiorno bassomedievale, con una appassionata attenzione alla Puglia e all’Italia meridionale. Tra i suoi interessi più specifici e ricorrenti quelli dedicati al sistema castellare, alla figura e all’opera di Federico II nonché all’importante ruolo ricoperto dagli ordini cavallereschi; tra i testi più importanti Uomini e terre nella Puglia medievale. Dagli Svevi agli Aragonesi (Edizioni dal Sud 2009), Castelli medievali. Puglia e Basilicata: dai Normanni a Federico II e Carlo I d’Angiò (Caratteri mobili 2010), Il naso del templare. Sei saggi storici su templari, corsari, viaggiatori, mastri massari e monstra medievali (insieme a Franco Cardini, Caratteri mobili 2012) e Uomini terre e lavoro nel Mezzogiorno medievale (Istituto Storico Italiano per il Medioevo 2017).

Quanto mai utile per comprendere il suo metodo di studio e la sua passione per la Puglia e l’imperatore svevo il volume Castel del Monte e il sistema castellare nella Puglia di Federico II (Ed. dal Sud 2001) che ancora oggi appare non solo come una sorta di «manuale di resistenza» contro il «diluvio» della divulgazione storico-esoterica di cui il maniero è stato oggetto negli ultimi decenni da parte di storici più o meno accreditati e attendibili, di teorie più o meno incongrue e improbabili, ma come uno studio che evidenzia l’originaria identità e la straordinaria complessità di un castello medievale dalle molteplici funzioni: da lui coraggiosamente spogliato dei misteri e degli enigmi neo-templari ed efficacemente, persuasivamente inserito all’interno di un preciso «sistema castellare» che l’imperatore ideò allora per controllare il territorio pugliese e poi per «stupire il mondo».

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su

Caratteri rimanenti: 400

LE RUBRICHE

Speciale Abbonamento - Scopri le formule per abbonarti al giornale quotidiano della Gazzetta
Gazzettaffari - Portale di annunci de La Gazzetta del Mezzogiorno
Gazzetta Necrologie