Lunedì 19 Agosto 2019 | 03:41

NEWS DALLA SEZIONE

Coppa Italia
Lecce Salernitana

Lecce superstar batte la Salernitana 4-0. Bari, «schiaffo» ad Avellino. Monopoli asfaltato dal Frosinone

 
Vandalismo
Lecce, distrutto il «Tempietto» di via Rubichi. L'ira del vescovo

Lecce, distrutto il «Tempietto» di via Rubichi. L'ira del vescovo

 
Guardia costiera
Polignano, stop bagni a Lama Monachile: pericolo nuovi crolli

Polignano, stop bagni a Lama Monachile: pericolo nuovi crolli. L'Ordinanza

 
La polemica
Lega, scoppia il bubbone a Foggia: espulsioni e «sassolini». Arriva il nuovo segretario

Lega, scoppia il bubbone a Foggia: espulsioni e «sassolini». Arriva il nuovo segretario

 
Melpignano
Notte Taranta, montato il palco: quest'anno il carpet con gli artisti

Notte Taranta, montato il palco: quest'anno il carpet con gli artisti

 
Politica
L'ira di Altieri: «Emiliano rispetti i leghisti pugliesi»

L'ira di Altieri: «Emiliano rispetti i leghisti pugliesi»

 
Bollino rosso
Bari, auto in fiamme sull'A14: coda lunga 4 km e traffico in tilt

Bari, auto in fiamme sull'A14: coda lunga 4 km e traffico in tilt

 
Disagi in spiaggia
Monopoli, sversati liquami in mare: divieto balneazione al Lido Bianco

Monopoli, sversati liquami in mare: divieto balneazione al Lido Bianco

 
Incidenti stradali
Scontro frontale tra due auto tra Laterza e Ginosa: morto 40enne, 3 feriti

Puglia, domenica di sangue sulle strade: 4 morti a Laterza, Trinitapoli e Veglie

 
Il caso
Choc a Monopoli, una «Maria nera» ruba la scena alla «Madonna della Madia»

Choc a Monopoli, una «Maria nera» ruba la scena alla «Madonna della Madia»

 
Sviluppo
Il Sud sorprendente volano per l’avvio di nuove imprese

Il Sud sorprendente volano per l’avvio di nuove imprese

 

Il Biancorosso

Coppa Italia
Bari perde ad Avellino 1-0, sfiorato gol alla fine

Bari perde ad Avellino 1-0, sfiorato gol alla fine

 

NEWS DALLE PROVINCE

LecceVandalismo
Lecce, distrutto il «Tempietto» di via Rubichi. L'ira del vescovo

Lecce, distrutto il «Tempietto» di via Rubichi. L'ira del vescovo

 
HomeGuardia costiera
Polignano, stop bagni a Lama Monachile: pericolo nuovi crolli

Polignano, stop bagni a Lama Monachile: pericolo nuovi crolli. L'Ordinanza

 
FoggiaLa polemica
Lega, scoppia il bubbone a Foggia: espulsioni e «sassolini». Arriva il nuovo segretario

Lega, scoppia il bubbone a Foggia: espulsioni e «sassolini». Arriva il nuovo segretario

 
BrindisiIl caso
Cisternino, si appropriava di auto poste sotto sequestro: denunciato

Cisternino, si appropriava di auto poste sotto sequestro: denunciato

 
HomeIncidenti stradali
Scontro frontale tra due auto tra Laterza e Ginosa: morto 40enne, 3 feriti

Puglia, domenica di sangue sulle strade: 4 morti a Laterza, Trinitapoli e Veglie

 
GdM.TVIl ritrovamento
Scanzano Jonico, sulla spiaggia spunta un granchio tropicale

Scanzano Jonico, sulla spiaggia spunta un granchio tropicale

 
PotenzaIl caso
Castelmezzano, Rubano offerte in chiesa: messi in fuga da 2 parrocchiani

Castelmezzano, rubano offerte in chiesa: messi in fuga da 2 parrocchiani

 
BatL'iniziativa il 22 agosto
Bisceglie dedica a Leopardi la scalinata dell'Infinito

Bisceglie dedica a Leopardi la scalinata dell'Infinito

 

i più letti

ma c'è il sospetto di una trovata turistica

Annuncio turco: «San Nicola
è sepolto da noi a Myra»

Un nuovo caso, con smentite

Annuncio turco: «San Nicola è sepolto da noi a Myra»

di ENRICA SIMONETTI

di ARMANDO FIZZAROTTI

Non c’è pace per San Nicola: dopo le «diatribe» antiche tra Veneziani e Baresi sulla proprietà delle reliquie, dopo il recente «volo» e il ritorno dalla Russia, ci mancava pure la mai sopita rivalità dei turchi... Così ieri, all’improvviso, da Demre, la città che anticamente era detta Myra e che ha dato i natali al santo, è arrivata una «bomba» destinata a fare, forse, tanto rumore per nulla. Ma una «bomba» lo è, perché, secondo il sovrintendente dei monumenti di Antalya, la tomba di San Nicola potrebbe essere ancora in Turchia e non a Bari.

La notizia è comparsa sul giornale turco «Hurriyet Daily News» ed è stata ripresa dalla BBC, ma ovviamente rientra nei tanti tentativi perpetrati (e non solo in Turchia!) di togliere alla Puglia l’onore e il prestigio di ospitare le reliquie nicolaiane. Ecco il fatto: secondo quanto afferma il sovrintendente turco Cemil Karabayram, un tempio ancora intatto è stato scoperto sotto la chiesa di San Nicola nel quartiere Demre. Lo studioso racconta che scavi e lavori tecnologici fanno ipotizzare che la vera tomba potrebbe essere laggiù: tre mesi di operazioni archeologiche avrebbero dato questo risultato. Il tempietto antico sarebbe coperto di mosaici e di pietre che saranno rimosse una ad una. E ancora: «Abbiamo studiato tutti i documenti tra il 1942 e il 1966. C'erano alcune note. Secondo queste note, questa chiesa fu demolita e ricostruita. Durante la ricostruzione, i commercianti di Bari presero le ossa. Ma si dice che queste ossa non appartengano a San Nicola ma ad un altro sacerdote». Uno degli studiosi che avrebbero affermato queste cose sarebbe il professor Yıldız Ötüken, un accademico di Storia dell’arte dell'Hacettepe University. A suo parere, San Nicola si trova in una «sezione speciale».

Sarà tutto da provare dai nuovi scavi che i turchi adesso annunciano, dopo aver nominato otto accademici di rami diversi per lavorare al caso e aver programmato indagini con geo-radar.

L’effetto -bomba della dichiarazione è già chiaro agli studiosi turchi, dato che lo stesso sovrintendente afferma che «gli occhi del mondo saranno qui. Se otteniamo i risultati, il turismo di Antalya guadagnerà un grande slancio. E avvieremo discussioni a livello internazionale dopo gli scavi». E le prove? «In questo momento - sostiene il sovrintendente - non possiamo entrare nel tempio appena trovato, perché gli esperti devono prima lavorare sui mosaici».

Ed è proprio questa ultima affermazione che fa un po’ crollare il castello delle ipotesi, visto che, se ci sono i mosaici e il tempio è intatto, nessuno sa al momento cosa ci sia dentro. Lo stesso Padre Gerardo Cioffari, notissimo studioso nicolaiano, che da decenni approfondisce ogni tematica relativa alla storia del santo di Myra, ci risponde che diversi punti della vicenda lanciata dalla Turchia risultano oscuri e senza una base scientifica esatta. «Sembra tutto un po’ fumoso e tutto un po’ legato alla voglia di turismo, come loro stessi sottolineano», commenta. Diversi i punti interrogativi. «Come fanno - si chiede Cioffari - a dire che i Baresi all’epoca abbiano preso le ossa di un altro prete? Come possono dire che era un prete allora? E poi, se la tomba è intatta, chi può conoscere cosa ci sia dentro?». Cioffari ricorda l’antica versione dei Veneziani, quando sostenevano che i Baresi arrivati a Myra nel 1067 avevano preso e portato in Puglia le reliquie trovate in superficie, mentre loro - secondo i testi del 1120 - avevano scavato più in profondità. Tanto che da sempre la chiesa di San Nicolò del Lido di Venezia racchiude questa «versione» dei fatti. Insomma, i turchi avrebbero copiato questa ipotesi, frutto dell’obsoleta diatriba tra Venezia e Bari. «I commenti da loro fatti sulle possibili ricadute di questa “scoperta” sul turismo in Turchia, sono poi la spia di ciò che probabilmente guida queste ipotesi prive di elementi concreti», dice Cioffari.

Il corpo di Nicola in terra musulmana? Coi tempi che corrono, con le divisioni, i razzismi e i terrorismi che viviamo, con l’orrore dei traffici di migranti, sembra quasi che questa lontana ipotesi rivesta una metafora di pace... Ovunque sia, il «nostro»-«loro» Nicola, il Nicola di tutto il mondo, dimostra sempre più di essere un santo internazionale, veicolo di un messaggio di pace. Senza confini, come dovremmo essere noi. E accidenti, che santo attuale è!

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su

Caratteri rimanenti: 400

LE RUBRICHE

Speciale Abbonamento - Scopri le formule per abbonarti al giornale quotidiano della Gazzetta
Gazzettaffari - Portale di annunci de La Gazzetta del Mezzogiorno
Gazzetta Necrologie