Mercoledì 20 Febbraio 2019 | 08:23

NEWS DALLA SEZIONE

La nomina
Apulia film commission, l'architetta Dellomonaco è la nuova presidente

Apulia film commission, l'architetta Dellomonaco è la nuova presidente

 
Il vicepremier
Migranti, Salvini annuncia chisura del Cara di Borgo Mezzanone

Migranti, vicepremier: chiuderà Cara Borgo Mezzanone a Foggia

 
Il leader della lega in città

Salvini a Bari, in visita alla villa sequestrata alla mafia La diretta

 
A Gallipoli
Nigeriano sventa rapina in supermercato: Emiliano lo premia

Nigeriano sventa rapina in supermercato: Emiliano lo premia

 
L'analisi
Lecce scopre nuove «frecce» nella rincorsa verso la A

Lecce scopre nuove «frecce» nella rincorsa verso la A

 
Componente di una banda
Rubavano in case mentre i proprietari erano al mare, arrestato un barese

Rubavano in case mentre i proprietari erano al mare, arrestato un barese

 
Le dichiarazioni
Confindustria, Boccia: «Economia rallenta, dati devono far riflettere»

Confindustria, Boccia: «Economia rallenta, dati devono far riflettere»

 
In via Milizia
Scritte su sede Movimente 5 Stelle a Lecce, si segue pista anarchica

Scritte su sede Movimento 5 Stelle a Lecce, si segue pista anarchica

 
L'emergenza
Xylella, conclusa l'inchiesta alla Camera: «Si può solo eradicare, non ci sono cure»

Xylella, conclusa l'inchiesta alla Camera: «Si può solo eradicare, non ci sono cure»

 
L'iniziativa
Le strade di Bari si colorano con i murales dei Lego, grazie allo street artist Pao

Le strade di Bari si colorano con i murales dei Lego, grazie allo street artist Pao

 
Accoltellato un libico
Non vuole pagare uno dei suoi lavoratori e tenta di ucciderlo: arrestato sudanese nel Tarantino

Non vuole pagare uno dei suoi lavoratori e tenta di ucciderlo: arrestato sudanese nel Tarantino

 

NEWS DALLE PROVINCE

LecceComponente di una banda
Rubavano in case mentre i proprietari erano al mare, arrestato un barese

Rubavano in case mentre i proprietari erano al mare, arrestato un barese

 
MateraNel Materano
Rubano tubi di rame da ditta, individuati 4 minorenni

Rubano tubi di rame da ditta, individuati 4 minorenni

 
BariInaugura il 21 febbraio
Sculture da indossare: la mostra di Anna Maria Di Terlizzi all'archivio di Stato di Bari

Sculture da indossare: la mostra di Anna Maria Di Terlizzi all'archivio di Stato di Bari

 
TarantoAl Teatro Fusco
La nuova vita di Diodato, senza confini ma con emozioni

La nuova vita di Diodato, senza confini ma con emozioni

 
BrindisiA Mesagne
Rapinò bar con mazza da baseball, rintracciato 19enne

Rapinò bar con mazza da baseball, rintracciato 19enne

 
BatDopo la denuncia
Estorcono denaro a un collega: 2 contadini arrestati

Estorcono denaro a un collega: 2 contadini arrestati

 
FoggiaLa storia
«Nonno Libero», il barbone più longevo di Foggia, avrà una casa

«Nonno Libero», il barbone più longevo di Foggia, avrà una casa

 
HomeLa nomina
Basilicata, Berlusconi presenta il candidato unico del centro destra: è Bardi

Basilicata, Bardi candidato unico del centrodestra

 

ilva

Commissari straordinari
alla famiglia Riva
«Vogliamo 2 miliardi di danni»

Nell’istanza, depositata nei giorni scorsi al Tribunale civile di Milano, si parla di «abusi di direzione e coordinamento»

MILANO - I tre commissari dell’Ilva, in amministrazione straordinaria, hanno chiesto 2 miliardi di danni ai Riva, a Riva Fire e anche a Riva Forni Elettrici. Nell’istanza, depositata nei giorni scorsi al Tribunale civile di Milano, si parla di «abusi di direzione e coordinamento».

La maxi richiesta è stata avanzata dai tre commissari, Piero Gnudi, Corrado Carrubba ed Enrico Laghi, «al fine di reintegrare il patrimonio di Ilva anche (se non soprattutto) nell’interesse dei creditori concorsuali" inoltre in questo modo si sta tentando di recuperare il miliardo e 200 milioni sequestrato ai Riva nell’ambito dell’indagine della Procura milanese per evasione fiscale e che si trova 'congelatò in Svizzera a causa di un ricorso delle due figlie di Emilio Riva, il patron del gruppo morto due anni fa. Tale somma, 'sbloccata' dal giudice Fabrizio D’Arcangelo, sarebbe dovuta servire per la bonifica ambientale dell’azienda di Taranto.

Secondo i tre commissari, gli ex soci di controllo di Ilva, «riconducibili a Riva Fire e alla famiglia Riva» nel 2012 avrebbero «ideato e attuato con lucida determinazione nell’arco di sei mesi» un disegno articolato in più fasi, attraverso un’operazione societaria, la quale «anzichè accompagnare» il colosso siderurgico «nell’ormai inevitabile percorso di risanamento ambientale» l’hanno privata «delle risorse finanziarie occorrenti (...)per attuare gli ingenti investimenti» per la bonifica e per garantire la continuità del gruppo. In sostanza, il disegno degli eredi Riva sarebbe stato all’origine degli interventi della magistratura tarantina e avrebbe portato una società che quattro anni fa valeva duemila miliardi all’attuale stato di insolvenza.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su

Caratteri rimanenti: 400