Martedì 16 Luglio 2019 | 00:42

NEWS DALLA SEZIONE

In via Brancaccio
Lecce, crolla facciata di un palazzo del centro: paura tra i residenti

Lecce, crolla facciata di un palazzo del centro: paura tra i residenti

 
Sulla Statale 16
Lesina, auto impatta contro furgone: un morto e un ferito

Lesina, auto impatta contro furgone: un morto e un ferito

 
La lettera d'accompagnamento
Fonti M5s: in Cdm candidatura di Taranto ai Giochi del Mediterraneo

Fonti M5s: in Cdm candidatura di Taranto ai Giochi del Mediterraneo

 
L'evento a Otranto
Giornalisti del Mediterraneo, assegnati i premi Caravella: tra loro la iena Pelazza

Giornalisti del Mediterraneo, assegnati i premi Caravella: tra loro la iena Pelazza

 
Calciomercato
Bari calcio, in squadra arrivano in prestito Costa e Folorunsho

Bari calcio, in squadra arrivano in prestito Costa e Folorunsho

 
Il progetto
Bari, Corso Italia cambia volto: arriva una nuova pista ciclabile

Bari, Corso Italia cambia volto: arriva una nuova pista ciclabile

 
La storia
Nuoto, 21enne autistico tarantino è medaglia d’oro nello stile libero

Nuoto, 21enne autistico tarantino è medaglia d’oro nello stile libero

 
Il riconoscimento
Decaro consegna targa al karateka barese Romanini, argento nazionale

Decaro consegna targa al karateka barese Romanini, argento nazionale

 
L'allarme
Puglia, nuova ondata di maltempo: domani è allerta arancione su tutta la regione

Puglia, nuova ondata di maltempo: domani è allerta arancione su tutta la regione

 
la lotta alle emissioni
Sensori e giochi: così scoviamo il gas radon

Sensori e giochi: così il Politecnico di Bari scova il gas radon

 
Il caso
Strage di San Marco in Lamis, Regione Puglia si costituisce parte civile

Strage di San Marco in Lamis, Regione Puglia si costituisce parte civile

 

Il Biancorosso

Serie C
Bari, squadra parte in ritiro: non ci sarà Brienza

Bari, squadra parte in ritiro: non ci sarà Brienza

 

NEWS DALLE PROVINCE

LecceIn via Brancaccio
Lecce, crolla facciata di un palazzo del centro: paura tra i residenti

Lecce, crolla facciata di un palazzo del centro: paura tra i residenti

 
FoggiaIl video
Meraviglia a Peschici, un delfino e i suoi cuccioli nuotano tra i bagnanti

Meraviglia a Peschici, un delfino e i suoi cuccioli nuotano tra i bagnanti

 
TarantoLa lettera d'accompagnamento
Fonti M5s: in Cdm candidatura di Taranto ai Giochi del Mediterraneo

Fonti M5s: in Cdm candidatura di Taranto ai Giochi del Mediterraneo

 
BariNella zona industriale
Bari, rapinano Banca Popolare di Bari: pistole in faccia ai dipendenti

Bari, rapinano Banca Popolare in via Zippitelli: pistole in faccia ai dipendenti

 
PotenzaIl caso
Potenza, falso avvocato andava in udienza e depositava atti: arrestato

Potenza, falso avvocato andava in udienza e depositava atti: arrestato

 
MateraIl caso
Fiamme nelle campagne del Materano: distrutti 50 ettari

Fiamme nelle campagne del Materano: distrutti 50 ettari di bosco

 
BrindisiDalla polizia
Brindisi, minacciavano e impedivano acquisti alle aste giudiziarie: 4 arresti

Brindisi, minacciavano e impedivano acquisti alle aste giudiziarie: 4 arresti

 
BatArte in cucina
Il volto di Jovanotti su una pizza: così Barletta aspetta il concerto

Il volto di Jovanotti su una pizza: così Barletta aspetta il concerto

 

i più letti

foggia dei diritti

Una sede per Impegno Donna
il centro antiviolenza
si è occupato di 3mila casi

Una risposta al bisogno di protezione, richiesto da donne e i loro figli, vittime di violenza e sopraffazione, in particolare di quella più subdola che si esercita tra le mura domestiche

sportello antiviolenza Foggia

di LORITA BRUNO

FOGGIA - A 23 anni dalla sua nascita “Impegno Donna” realizza il suo sogno: una nuova sede. Nei giorni scorsi l’inaugurazione del centro antiviolenza, situato in via Bagnante. Un’Associazione di volontariato, nata nel ‘94, dall’idea di un gruppetto donne che volevano offrire solidarietà e aiuto a quante nella Capitanata si fossero trovate in stato di disagio, regolarmente iscritta all’albo regionale.

«Per noi avere una sede tutta nostra segna una tappa importante – spiega Franca Dente presidente di Impegno Donna-. Siamo sempre state ospiti graditi di altre associazioni, come l’Arci, ma volevamo uno spazio tutto nostro dove poter svolgere l‘ attività di consulenza oltre ad ospitare i nostri gruppi di lavoro. Continueremo a tenere attivo il Telefono Donna (0881/772499), il lunedì e mercoledì dalle 16 alle 19 e il martedì giovedì e venerdì dalle 9 alle 12. Come funziona la nostra associazione? Solitamente tutto inizia con il contatto telefonico, la nostra operatrice, dopo aver ascoltato il problema, fissa se si desidera il colloquio o la consulenza presso la nostra nuova sede e poi in base al caso si decide di prendere in carico o meno la nostra amica, concordando la figura professionale richiesta dalla situazione o dalla stessa interessata. La presa in carico da parte del Centro, del tutto gratuita, dura sino a quando il caso lo richieda e possibilmente fino all’uscita del problema nei casi in cui le donne abbiano intrapreso il percorso di allontanamento dalla condizione di rischio. Fondamentale è la condivisione, l’ascolto, avere sede tutta nostra rende possibile con tranquillità e privacy ascoltare le nostre amiche che attraversano un brutto momento della loro vita».

L’associazione solo nel 2016 ha ricevuto 186 chiamate di aiuto ed in 20 anni di attività ha ascoltato circa 3mila donne. Impegno Donna rappresenta una risposta al bisogno di protezione, richiesto da donne e i loro figli, vittime di violenza e della sopraffazione di ogni genere, in particolare di quella più subdola che si esercita tra le mura domestiche.

Una richiesta che oggi, a distanza di oltre vent’anni dalla nascita del gruppo di volontariato fa sentire, purtroppo, tutta la sua urgenza e drammaticità.

«Noi lavoriamo molto con i nostri Cav (centri antiviolenza), situati in provincia, come a San Marco in Lamis, San Giovanni Rotondo, Rignano – ha continuato la presidente Dente-. In ogni comune abbiamo un punto di ascolto in cui ci rechiamo una volta settimana. Nei piccoli centri le donne hanno ancora delle difficoltà ad aprirsi, a mettere a nudo la loro vita, temono il giudizio della gente, dei familiari, oltre a possibili ritorsioni da parte del loro compagno. La nostra attività di prevenzione prevede rassegne cinematografiche a tema, eventi come mostre, concorsi di poesia, inoltre andiamo anche nelle scuole, perché è importante parlare di violenza alle nuove generazioni, perché saranno loro i componenti delle famiglie del domani».

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su

Caratteri rimanenti: 400

LE RUBRICHE

Speciale Abbonamento - Scopri le formule per abbonarti al giornale quotidiano della Gazzetta
Gazzettaffari - Portale di annunci de La Gazzetta del Mezzogiorno
Gazzetta Necrologie