Lunedì 27 Maggio 2019 | 11:37

NEWS DALLA SEZIONE

Le proiezioni sui seggi
Gli europarlamentari pugliesi elettiGentile in forse, la Matera non ce la fa

Gli europarlamentari pugliesi eletti
Fuori la Gentile (Pd) e Matera (FI)

 
Scrutini dopo le 14
Bari, i dati di M5S e Lega sulle comunali e l'influenza sul ballottaggio

Bari, i dati di M5S e Lega sulle comunali e l'influenza sul ballottaggio

 
Mafia
Foggia, colpo al clan Sinesi-Francavilla: arrestate 8 persone

Foggia, colpo al clan Sinesi-Francavilla: arrestate 8 persone

 
A Bari, Monopoli e Corato
Telefonini in cabina: due denunciati nel Barese: «Mi dici come devo votare?»

Telefonini in cabina, tre denunce: «Mi dici come devo votare?»

 
Elezioni
Europee, gli exit poll: Lega primo partito Pd avanti al M5S, seguono Fi e Fdi Puglia e Basilicata, al via gli scrutini

Europee, in Puglia M5S crolla ma è primo partito al 26%, Lega avanza al 25%, Pd al 16,6%. Basilicata, pentastellati al 29,6% Salvini al 23%

 
Il caso in Salento
Novoli, sbagliano il nome del candidato sindaco: sulla scheda un "De" in più

Novoli, sbagliato il nome del candidato sindaco sulla scheda: un «De» in più

 
In piazza
Canosa, incendiata auto di avvocato ex assessore regionale

Canosa, incendiata auto di avvocato ex assessore regionale

 
La sentenza
Xylella, sì del Tar alla zona-cuscinetto «Una scelta basata sui dati scientifici»

Xylella, sì del Tar alla zona-cuscinetto «Una scelta basata sui dati scientifici»

 
Curiosità
Bari, «le donne ora non possono entrare»: code e proteste in un seggio

Bari, «Le donne per ora devono aspettare»: proteste al seggio

 
Mala sanità
«Ceglie Messapica, cala il silenzio sull'ospedale»

Ceglie Messapica, fisiatra in aspettativa: niente riabilitazione dopo incidente

 
Ricerca
Fisica, i ricercatori dell’Università di Bari tornano al Polo Nord

Fisica, i ricercatori dell’Università di Bari tornano al Polo Nord

 

Il Biancorosso

L'INTERVISTA
Bellinazzo.: "Il Bari in serie A un affareVarrebbe tra i 70 e gli 80 milioni di euro"

Bellinazzo: «Bari in serie A un affare tra i 70 e gli 80 mln di euro»

 

NEWS DALLE PROVINCE

TarantoMaltrattamenti
Ginosa, botte e ingiurie alla convivente: in carcere un 25enne

Ginosa, botte e ingiurie alla convivente: in carcere un 25enne

 
FoggiaI dati
Europee, nei paesi foggiani del Premier Conte vince il M5S

Foggia, M5S vince nei paesi del Premier. Lega, effetto vacanze di Salvini

 
BariScrutini dopo le 14
Bari, i dati di M5S e Lega sulle comunali e l'influenza sul ballottaggio

Bari, i dati di M5S e Lega sulle comunali e l'influenza sul ballottaggio

 
LecceIl caso in Salento
Novoli, sbagliano il nome del candidato sindaco: sulla scheda un "De" in più

Novoli, sbagliato il nome del candidato sindaco sulla scheda: un «De» in più

 
MateraAlcuni disagi
Matera, elettori non trovano più i seggi: erano stati cambiati

Matera, elettori non trovano più i seggi: erano stati cambiati

 
BatIn piazza
Canosa, incendiata auto di avvocato ex assessore regionale

Canosa, incendiata auto di avvocato ex assessore regionale

 
BrindisiMala sanità
«Ceglie Messapica, cala il silenzio sull'ospedale»

Ceglie Messapica, fisiatra in aspettativa: niente riabilitazione dopo incidente

 
PotenzaControlli del Noe
Rifiuti, quattro ditte non in regola in Basilicata: multe e denunce

Rifiuti, quattro ditte non in regola in Basilicata: multe e denunce

 

i più letti

vertice al ministero

L'Eni ammette: petrolio
sversato sui terreni

400 tonnellate di petrolio dal Centro oli

L'Eni ammette: petroliosverato sui terreni

di Antonella Inciso

Quattrocento tonnellate di petrolio si sono sversate nei terreni dentro e fuori il Centro oli dal mese di agosto dello scorso anno. E a causarle non è stato il serbatoio A del Cova di Viggiano, come emerso fino ad oggi, ma quello D. L’Eni lo ha spiegato, ieri, al tavolo che il Governo ha convocato sulla questione inquinamento Cova. Aggiungendo, anche, che entro la fine di maggio, avrà concluso la messa in sicurezza dell’area interessata e che il lavoro fatto è ad ottimo punto, tanto che parte del liquido che fuoriusciva è stato bloccato al primo piano della fascia.

Ma le rassicurazioni, le parole tese a rasserenare gli animi, non sono state sufficienti a chiudere la questione. Da ieri, la vicenda Cova ed il suo impianto sono divenuti casi «di rilevante interesse nazionale». Tanto che il Ministero dell’Ambiente e la Regione Basilicata, entro le prossime due settimane, faranno partire un’ispezione. Una sorta di maxi controllo non solo sul Centro oli ma sull’intero processo produttivo: dai pozzi di estrazione della Val d’Agri alle condotte che portano dirette a Taranto. Insomma, ad essere controllato, verificato ed analizzato, avendo come riferimento i parametri nazionali, sarà ogni centimetro dell’impianto di estrazione. Un pool di tecnici del Ministero, dell’Ispra e dell’Arpab, esaminerà le reali condizioni dell’area inquinata, controllerà non solo le eventuali perdite ma eseguirà accertamenti su tutti i passaggi del processo produttivo.

Un risultato giudicato estremamente importante dalla Regione Basilicata e dal suo assessore regionale all’Ambiente, Francesco Pietrantuono, secondo cui «ora si affronta la questione nella sua interezza, non si ragiona più sul pezzettino ma sull’intero processo cercando di elevare gli standard di qualità».

D’altra parte, la stessa compagnia petrolifera, ha assicurato la massima collaborazione e - proprio durante la riunione di ieri - ha confermato anche di aver implementato tutte le attività per la messa in sicurezza totale dell’impianto; di aver recepito nel nuovo piano di caratterizzazione (dopo la bocciatura da parte della Regione della prima stesura del progetto) tutte le prescrizioni che sono state richiesta dal Ministero e soprattutto di lavorare ad un piano di manutenzione straordinario dell’impianto che dovrebbe essere presentato a breve. Piano quest’ultimo che potrebbe contenere anche l’ammodernamento del Cova, come sollecitato da più parti.

Ma questo è tutto da capire. Al momento, si opera ancora alla messa in sicurezza, ai controlli già estesi - come richiesto dalla Regione Basilicata - all’area prossima al fiume Agri e tra qualche giorno si aggiungerà anche l’ispezione. Quella dei vertici di Ispra e Arpab che dalla Val d’Agri setaccerà palmo a palmo tutta la zona dell’impianto di estrazione petrolifera dalla Basilicata fino alla vicina Puglia. Per poi riferire al tavolo del Governo nazionale i risultati alla fine di maggio.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su

Caratteri rimanenti: 400

Commenti all'articolo

  • Polifemo

    05 Maggio 2017 - 11:11

    Sinceramente io non ci credo. Ho perso fiducia nelle istituzioni che a suon di tangenti occultano tutto negando anche l'innegabile. Purtroppo siamo in Italia dove le leggi sono state fatte per favorirsi, ben sapendo che prima o poi saranno presi, ma le sanzioni sono ridicole rispetto a quanto avranno rubato.

    Rispondi