Sabato 23 Gennaio 2021 | 11:57

NEWS DALLA SEZIONE

Lotta al virus
Vaccini Covid 19, Lopalco: «Poche dosi in Puglia, non bastano per le richieste»

Vaccini Covid 19, Lopalco: «Poche dosi in Puglia, non bastano per le richieste»

 
Il caso
Indagine Arpal, il commento di Salvini: i pugliesi non meritano questo

Indagine Arpal, il commento di Salvini: i pugliesi non meritano questo

 
L'incidente
Scontro sulla Ss89 Foggia-Manfredonia: muore una 28enne, ferito l'autista del furgoncino

Scontro sulla Ss89 Foggia-Manfredonia: muore una 28enne, ferito l'autista del furgoncino

 
L'iniziativa
Dai vecchi banchi ecco le nuove cucce per i cani: l'idea a Bari

Dai vecchi banchi ecco le nuove cucce per i cani: l'idea a Bari

 
L'indagine
Bari, insieme a Cassano è coinvolta la famiglia. Salvini: «I pugliesi non meritano questo»

Bari, indagine per bancarotta: insieme a Cassano è coinvolta la famiglia. Salvini: i pugliesi non meritano questo

 
Il virus
Casa di riposo di Bitonto assediata dal virus: maxi focolaio con 106 positivi

Casa di riposo di Bitonto assediata dal virus: maxi focolaio con 106 positivi

 
Il caso
Sacerdote lucano «spretato» da Papa Francesco: molestie sessuali ai militari

Sacerdote lucano «spretato» da Papa Francesco: molestie sessuali ai militari

 
Il caso
Senegalese trovato morto a bordo del treno Bari-Lecce: indaga la Polfer

Uomo trovato morto a bordo del treno Bari-Lecce: si tratta di un senegalese, indaga la Polfer

 
Serie C
Calcio Bari, Maita: «Ho passato brutte giornate con il Covid 19»

Calcio Bari, Maita: «Ho passato brutte giornate con il Covid 19»

 
Il caso
Blitz dei Nas in due case di riposo a Brindisi e Potenza: chiuse per carenze igieniche

Blitz dei Nas in due case di riposo a Brindisi e Potenza: chiuse per carenze igieniche

 
Occupazione
Anci Puglia seleziona 170 giovani per il servizio civile

Anci Puglia seleziona 170 giovani per il servizio civile

 

Il Biancorosso

Serie C
Calcio Bari, Maita: «Ho passato brutte giornate con il Covid 19»

Calcio Bari, Maita: «Ho passato brutte giornate con il Covid 19»

 

NEWS DALLE PROVINCE

FoggiaIl virus
Covid 19, Brusaferro in collegamento a Foggia: «In Italia lieve decrescita»

Covid 19, Brusaferro in collegamento a Foggia: «In Italia lieve decrescita». Anelli: «No a vaccini a chi non è a rischio»

 
BariLa curiosità
Il dialetto si trasforma in luce e accende le vie del borgo antico di Palo del Colle

Il dialetto si trasforma in luce e accende le vie del borgo antico di Palo del Colle

 
MateraLa situazione in Basilicata
Covid 19, vaccini che scarseggiano: esclusi già 8mila lucani

Covid 19, vaccini che scarseggiano: esclusi già 8mila lucani

 
LecceLotta al virus
Vaccinazioni contro il Coronavirus, il primato di Maglie

Vaccinazioni contro il Coronavirus, il primato di Maglie

 
TarantoLa decisione
Un tarantino ai vertici dei servizi segreti, nominato da Conte l'ammiraglio Massagli

Un tarantino ai vertici dei servizi segreti, nominato da Conte l'ammiraglio Massagli

 
BatL'inchiesta
«Chiavi della città», il 12 febbraio la decisione del gup di Trani

«Chiavi della città», il 12 febbraio la decisione del gup di Trani

 
PotenzaIl caso
Sacerdote lucano «spretato» da Papa Francesco: molestie sessuali ai militari

Sacerdote lucano «spretato» da Papa Francesco: molestie sessuali ai militari

 
BrindisiL'inchiesta
Fasano, maxi-truffe on line scoperta su scala nazionale: rinviato a giudizio

Fasano, maxi-truffe on line scoperte su scala nazionale: rinviato a giudizio imprenditore

 

i più letti

sanità lucana

La Basilicata modello
sul fronte vaccinazioni

vaccino

di PIERO MIOLLA

La Basilicata è ai vertici in Italia per la vaccinazione attiva gratuita. La media di vaccinazione lucana, infatti, è superiore alla soglia minima del 95% e, nel 2015, si è attestata al 97,83%, con un lieve decremento rispetto al 98% del 2014. In Basilicata, dunque, sembrerebbe non esserci quella sfiducia nelle vaccinazioni che, pure, si è notata a livello nazionale e che ha motivazioni molteplici: etico-morali, culturali, personali e complottistiche.
«I vaccini – ha spiegato Maria Sileo, pediatra di famiglia e referente Rete Vaccini Fimp (Federazione italiana medici pediatri) e Sip (Società italiana di pediatria) Basilicata - sono il farmaco più sicuro in assoluto e una delle più grandi scoperte medico-scientifiche: hanno salvato e salvano ogni giorno vite umane permettendo alle nostre generazioni di vivere in salute e più a lungo. Rappresentano l’unico strumento sicuro ed efficace contro le malattie prevenibili ed hanno permesso, grazie ad un sforzo congiunto mondiale, di eradicare il vaiolo».

Vaccinarsi, dunque, «protegge l’individuo e la collettività attraverso la cosiddetta immunità di gregge. Per questo è importante raggiungere un elevato livello di copertura vaccinale e si è fissato come limite di sicurezza il 95%, che permette di proteggere anche chi, per controindicazioni, non può vaccinarsi. L’anno scorso è scattato l’allarme perché la media nazionale era scesa al di sotto di questa soglia di sicurezza». La dottoressa Sileo ha anche ricordato che «negli ultimi anni la ricerca scientifica ha messo a punto vaccini che non solo ci proteggono da malattie infettive, ma anche da patologie tumorali, come il vaccino anti epatite B e anti papillomavirus, a proposito del quale la Regione Basilicata è stata la prima ad introdurlo, nel 2007, e soprattutto lo ha offerto in maniera attiva e gratuita a 4 fasce di età, cercando di proteggere più donne possibili contro il tumore della cervice uterina. Le nuove evidenze scientifiche hanno dimostrato che questo vaccino protegge anche da altre patologie tumorali che interessano il genere maschile e, presto, sarà offerto anche a loro a 11 anni».

Oltre ad avere un valore sociale, la vaccinazione rappresenta anche «la migliore tecnologia sanitaria in termini di valore economico, soprattutto in un periodo storico di risorse limitate». In Italia ogni regione ha un suo calendario vaccinale: il nuovo Piano nazionale supererà questa disomogeneità per uniformare tutto il Paese al calendario della Vita. Basilicata all’avanguardia nella prevenzione, dunque. «Un risultato – ha spiegato Sileo – reso possibile grazie all’impegno dei medici e, in particolare, dei pediatri, visto che le vaccinazioni sono più concentrate nell’infanzia e la Regione Basilicata ha sempre promosso le nuove vaccinazioni in forma attiva e gratuita, perché ha creduto nel suo valore come investimento sulla salute dei lucani».
Qualche dato, infine: nel 2015, per poliomelite, difterite, tetano, pertosse, epatite B e hib la copertura è stata, in Basilicata, del 97,83% (nel 2014 era del 98,84), mentre per morbillo, parotite e rosolia del 90,25% (90 nel 2014), del 76,95% per la varicella (72,47 l’anno prima), dell’85,83 per il meningococco C coniugato (86,33 l’anno prima) e del 97,08 per il pneumococco coniugato (98,47 nel 2014).

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su

Caratteri rimanenti: 400

LE RUBRICHE

Speciale Abbonamento - Scopri le formule per abbonarti al giornale quotidiano della Gazzetta
Gazzettaffari - Portale di annunci de La Gazzetta del Mezzogiorno
Gazzetta Necrologie