Martedì 26 Maggio 2020 | 09:35

NEWS DALLA SEZIONE

la crisi
Caso Gazzetta, giovedì tavolo...

Caso «Gazzetta», giovedì tavolo a Palazzo Chigi

 
nel foggiano
San Severo, blitz dei cc: arresti per usura ai danni di un imprenditore, perquisizioni per armi e droga

Blitz cc a San Severo: usura, armi e droga, arresti e perquisizioni

 
L'intervista
Bari, parla Decaro, un anno da sindaco: «Ma il virus ha cambiato tutto»

Bari, parla Decaro, un anno da sindaco: «Ma il virus ha cambiato tutto»

 
L'ordinanza
Coronavirus in Basilicata, Bardi riapre da domani palestre e piscine

Coronavirus in Basilicata, Bardi riapre da oggi palestre e piscine

 
Serie c
Bari calcio, Simeri: «Non vogliamo favori, ma solo giocare»

Bari calcio, Simeri: «Non vogliamo favori, ma solo giocare»

 
La richiesta
Penalisti Bari e il «Requiem della Giustizia», l'appello a Bonafede: «Dia segno che lo Stato c'è»

Penalisti Bari e il «Requiem della Giustizia», l'appello a Bonafede: «Dia segno che lo Stato c'è»

 
La lettera
Bari, l'appello di un commerciante: «Io e la mia famiglia guariti dal Covid, ora ci ucciderà la crisi»

Bari, appello di un commerciante: «Io e la mia famiglia guariti dal Covid, ora ci ucciderà la crisi»

 
Il siderurgico
ArcelorMittal, ministro Catalfo: «Massimo 10 giorni per soluzione definitiva». Ma all'ex Ilva resta stato d'agitazione

ArcelorMittal, Catalfo: «10 giorni per soluzione definitiva». I sindacati: «Stato entri in azionariato»

 
il dibattito
Giornata nazionale dei bimbi scomparsi: Mauro, Salvatore, molti i casi in Puglia. La diretta

Giornata nazionale dei bimbi scomparsi: molti i casi in Puglia. Segui la diretta

 
La richiesta
Crisi Gazzetta, l'appello di Svimez: «Imprenditori del Sud intervenite»

Crisi Gazzetta, l'appello di Svimez: «Imprenditori del Sud intervenite»

 
Il bollettino nazionale
Coronavirus Italia, 300 nuovi contagi: mai così pochi dall'inizio dell'epidemia. 92 i morti

Coronavirus Italia, 300 nuovi contagi: mai così pochi dall'inizio dell'epidemia. 92 i morti

 

Il Biancorosso

SERIE C

Il Bari vuole e prepara lo sprint. L’eventuale stop fa meno paura

 

NEWS DALLE PROVINCE

BariL'idea
Bari, «Una barba a metà simbolo di una vita a metà», la protesta artistica contro il Covid

Bari, «Una barba a metà simbolo di una vita a metà», la protesta artistica contro il Covid

 
BatAmbiente
La discarica di Trani verso la bonifica

La discarica di Trani verso la bonifica: ora inquina di meno

 
Foggianel foggiano
San Severo, blitz dei cc: arresti per usura ai danni di un imprenditore, perquisizioni per armi e droga

Blitz cc a San Severo: usura, armi e droga, arresti e perquisizioni

 
PotenzaL'ordinanza
Coronavirus in Basilicata, Bardi riapre da domani palestre e piscine

Coronavirus in Basilicata, Bardi riapre da oggi palestre e piscine

 
TarantoLa provocazione
Taranto, i vucumprà si attrezzano contro il Coronavirus e vendono mascherine in spiaggia

Taranto, i vucumprà si attrezzano contro il Coronavirus e vendono mascherine in spiaggia

 
BrindisiSanità
Ospedale Ostuni, finiti i lavori a Chirurgia generale: restyling prosegue

Ospedale Ostuni, finiti i lavori a Chirurgia generale: restyling prosegue

 
LecceIl rilancio del turismo
OTRANTO

La bellezza di Otranto d'estate in totale sicurezza: lo spot con Lele Spedicato

 

i più letti

Le verità di Antonio«Quelli come menon vincono mai»

Le verità di Antonio«Quelli come menon vincono mai»

GENOVA - E’ ripartito dalla Sampdoria dopo una stagione da incubo a Parma e la rescissione del contratto in anticipo, prima che la barca affondasse del tutto. Antonio Cassano si racconta a Tiki Taka, il programma di Italia 1, e parla di tutto tra battute e verità anche amare, come quando ammette: «Io talento sprecato? Ormai sono dieci anni che va avanti questa storia. Il problema è che mi sono rovinato da solo, sono uno sfaticato che non ha mai fatto niente per rendere al massimo. Però nella vita bisogna essere felici e io lo sono. Chi vincerà il campionato? Spero l’Inter, ma c’è il mio amico Insigne, uno dei tre veri che ho nel calcio. Se l’Inter non dovesse vincere, spero vinca il Napoli. L’ultimo incontro con Buffon? Ci siamo abbracciati, abbiamo parlato di un paio di cose e poi mi ha detto che era l’ultima volta che avremmo fatto il cambio di maglia all’intervallo, perché poi gli faccio sempre gol».

A proposito di Juve e rimanendo in tema Napoli, tra Higuain e Dybala Fantantonio sceglie «tutta la vita Higuain. Dybala è un buon giocatore, però un conto è fare 3-4 mesi buoni, un conto è fare la differenza da dieci anni al River, al Real e al Napoli. Insieme a Suarez è il più forte attaccante del mondo. Tecnicamente è formidabile, usa il destro e il sinistro, è forte di testa. E’ anni luce davanti a tutti gli altri. Più forte di Cavani che faceva gol e basta. Fare 130 gol in 5 anni al Real non è da tutti».

Nel Milan fece bene con Allegri che recentemente si è ritrovato di fronte da avversario in Samp-Juve. «E’ fantastico nel gestire i campioni, riesce a farti sentire importante e a bastonarti quando deve. E’ stato bravissimo in questa stagione - continua Cassano - a gestire il gruppo dopo le partenze di Tevez, Pirlo e Vidal e a oggi la Juve è la favorita. Non mi aspettavo che riuscisse a recuperare così in fretta, ma ha caratura e temperamento forti: raggiungono tutti i risultati che vogliono; quelli come loro vincono, quelli un po’ fuori di testa come me non vincono niente».

Poi Cassano torna su Insigne e parla anche di Nazionale ed Euro2016. «Insigne è diverso da me, io sono un 10 particolare, lui fa tutta la fascia, corre, ha una qualità pazzesca e con Higuain stanno facendo grandissime cose, guidati da un super allenatore. Conte non guarda in faccia a nessuno, Insigne sta avendo una continuità straordinaria, è l’italiano più forte in questo momento e non vedo perché non dovrebbe chiamarlo. Io ho una possibilità su un miliardo, Conte vuole giocatori che si sacrificano, per questo ho cambiato atteggiamento negli allenamenti, io ci spero anche se è quasi impossibile. Se non mi convocherà tiferò l’Italia e Insigne da casa».

Poi un altro “mea culpa” da parte del barese: «L’allenatore ideale per me? Se lo trovo troppo rigido mi ribello, se è troppo molle mi addormento: la verità è che il problema ero io, l’ho capito troppo tardi». Il suo talento non è mai stato messo in discussione. «Quelli come me e Totti in via di estinzione? Il problema sono i vivai, dove non c’è programmazione: da altri paesi, se si è bravi, si gioca. Un campione con cui vorrei rigiocare? Pirlo, è stratosferico, ti mette sempre la palla dove vuoi. Sono stato fortunato ad aver giocato con lui. Ho giocato con Totti che è uno dei più forti della storia del calcio. Io ho imparato moltissimo da lui e penso che possa ancora fare la differenza».

Sull’Inter dice: «Handanovic uno dei punti di forza? E’ uno dei portieri più forti al mondo. Lui, la difesa e l’allenatore sono i punti fermi dell’Inter, sono i fattori che stanno facendo la differenza. Se Mancini riesce a trovare un giocatore che gioca per Icardi penso che rischia seriamente di vincere lo scudetto. A me Mauro piace moltissimo ma il problema è che gli danno una palla ogni tre domeniche. Ci vorrebbe il Cassano di 4-5 anni fa..».

La Sampdoria sarà l’ultima squadra della carriera? «Sì, sto bene qui, chiuderò qui, anche perché chi si prende la responsabilità di gestirmi?».

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su

Caratteri rimanenti: 400

LE RUBRICHE

Speciale Abbonamento - Scopri le formule per abbonarti al giornale quotidiano della Gazzetta
Gazzettaffari - Portale di annunci de La Gazzetta del Mezzogiorno
Gazzetta Necrologie