Sabato 16 Febbraio 2019 | 20:53

NEWS DALLA SEZIONE

Il premio
Ex Ilva Taranto, azienda di pulizie da 100 euro a chi non si fa male sul lavoro

Ex Ilva Taranto, azienda di pulizie dà 100 euro a chi non si fa male sul lavoro

 
La denuncia sui social
Teppisti a Triggiano, lanciano sasso con fionda e colpiscono una donna

Teppisti a Triggiano, lanciano sasso con fionda e colpiscono una donna

 
Serie B
Foggia, finisce 1-1 con il Padova: sfuma al 90esimo il match salvezza

Foggia-Padova, 1-1 al 90esimo: tifoso ferito

 
La manifestazione
Taranto, anche Caparezza sostiene la fiaccolata per i bimbi morti di cancro

Taranto, anche Caparezza sostiene la fiaccolata per i bimbi morti di cancro

 
Controlli
Corato, chiuso il Jubilee di Corato: problemi con i Vigili del fuoco

Chiuso il Jubilee di Corato: problemi con i Vigili del fuoco

 
Incontri d'autore
Ex-Otago ospiti della «Gazzetta del Mezzogiorno»: segui la diretta

Ex-Otago ospiti della «Gazzetta»: rivedi la diretta

 
Il processo
Acque reflue a Torre Guaceto, assolti dirigenti Regione e Aqp

Acque reflue a Torre Guaceto, assolti dirigenti Regione e Aqp

 
L'annuncio
Tolo Tolo, il nuovo film di Checco Zalone nelle sale a Natale 2019

«Tolo Tolo», il nuovo film di Checco Zalone nelle sale a Natale 2019

 
Il caso
Autonomia, M5S Puglia: «Guai a creare cittadini di serie A e B»

Autonomia, M5S Puglia: «Guai a creare cittadini di serie A e B»

 
Controlli Nas e Asl
Lecce, farmaci e dispositivi medici scaduti in ospedale: due denunciati

Lecce, farmaci e dispositivi medici scaduti in ospedale: due denunciati

 

NEWS DALLE PROVINCE

TarantoIl premio
Ex Ilva Taranto, azienda di pulizie da 100 euro a chi non si fa male sul lavoro

Ex Ilva Taranto, azienda di pulizie dà 100 euro a chi non si fa male sul lavoro

 
BariL'appello
Puglia, i giovani di Forza Italia: «Il rilancio del partito passa da noi»

Puglia, i giovani di Forza Italia: «Il rilancio del partito passa da noi»

 
LecceVerso le elezioni
Lecce, il centrodestra ufficializza le primarie

Lecce, il centrodestra ufficializza le primarie

 
MateraIl caso
matera bari

Matera, svaligiavano appartamenti: in manette 3 ladri baresi

 
BatDavanti al porto
Trani, anziana in acqua: soccorsa in tempo, rischiava assideramento

Trani, anziana in acqua: soccorsa in tempo, rischiava assideramento

 
BrindisiAi domiciliari
Cocaina e 1700 euro in tasca: un arresto a San Donaci

Cocaina e 1700 euro in tasca: un arresto a San Donaci

 
PotenzaDal gip di Potenza
Lavello, donna di mezza età in crisi col marito amava «partner» under 18: condannata

Lavello, donna 40enne in crisi col marito amava «partner» under 18: condannata

 
FoggiaSfiducia al sindaco
San Giovanni Rotondo, al Comune arriva il commissario

San Giovanni Rotondo, al Comune arriva il commissario

 

Minacce e sfruttamento

Caporalato a Brindisi
arrestati madre e figlio

Una terza persona sottoposta ad obbligo di dimora. Condizioni di lavoro degradanti a fronte di retribuzioni palesemente sproporzionate

Le mani della mafia dell’Est  sul «business» delle badanti

BRINDISI - Fino a tredici braccianti stipati in un furgone, altri in auto, per trascorrere fino a 14 ore al giorno sui campi: da Villa Castelli, nel Brindisino, a Noicattaro nel barese, ben 170 chilometri in tutto per andare a raccogliere l’uva su commissione di un’azienda. E’ quanto hanno rilevato attraverso indagini compiute con l’ausilio di intercettazioni telefoniche i carabinieri della compagnia di Francavilla Fontana (Brindisi) che stamattina hanno arrestato e posto ai domiciliari due persone, madre e figlio, su ordinanza di custodia cautelare chiesta dal pm Raffaele Casto e disposta dal gip Tea Verderosa. Si tratta di Chiara Vecchio, 45 anni e Vito Antonio Caliandro, di 29 anni, entrambi di Villa Castelli, che rispondono di intermediazione illecita e sfruttamento del lavoro.
Le indagini sono ancora in corso ma a quanto rilevato erano più di 30 i braccianti sfruttati, quasi tutti italiani. Costretti a vivere in condizioni di indigenza: una di esse stamattina è stata scovata dai carabinieri in un garage di pertinenza dell’abitazione dei presunti caporali. Dormiva in un luogo angusto, adibito a deposito.
L’inchiesta è partita dalla denuncia di una bracciante, disperata per le condizioni in cui il figlio veniva costretto a lavorare. Quando i carabinieri oggi all’alba hanno bloccato gli indagati, i due erano alle prese con l’allestimento di un nuovo viaggio verso Noicattaro. Risulta irreperibile una terza complice, una romena di 45 anni, per cui è stato disposto l'obbligo di dimora.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su

Caratteri rimanenti: 400