Sabato 20 Luglio 2019 | 02:48

NEWS DALLA SEZIONE

Calcio
Lecce, record di abbonamenti: oltre 13mila per la serie A

Lecce, record di abbonamenti: oltre 13mila per la serie A

 
Il caso
Dress-code alle corsiste: confermati i domiciliari a ex giudice Bellomo

Dress-code alle corsiste: confermati i domiciliari a ex giudice Bellomo

 
Al rione Salinella
Taranto, uccisero pregiudicato sparando tra la gente: 20 anni a 2 fratelli

Taranto, uccisero pregiudicato sparando tra la gente: 20 anni a 2 fratelli

 
Il rapporto
Relazione semestrale Dia: «Mafia foggiana più efferata della 'ndrangheta»

Relazione semestrale Dia: «Mafia foggiana più efferata della 'ndrangheta»

 
A taranto
ArcelorMittal, sindacato Usb: «Materiale ferroso in insalata a mensa»

ArcelorMittal, sindacato Usb: «Materiale ferroso in insalata a mensa»

 
Società fallì nel 2011
Bancarotta, Riesame restituisce 1mln di euro a imprenditore barese Degennaro

Bancarotta, Riesame restituisce 1mln di euro a imprenditore barese Degennaro

 
L'incidente
Teana, travolto da trattore mentre lavorava i campi: morto 77enne

Teana, travolto da trattore mentre lavorava i campi: morto 77enne

 
Le dichiarazioni
Lecce, Petriccione: «La serie A? Un'avventura stimolante»

Lecce, Petriccione: «La serie A? Un'avventura stimolante»

 
L'evento
Otranto, il Faro di Punta Palascìa apre al pubblico

Otranto, il Faro di Punta Palascìa apre al pubblico

 
Sfruttamento del lavoro
Caporalato, conferenza permanente in Prefettura a Foggia

Caporalato, conferenza permanente in Prefettura a Foggia

 
Il pluriomicidio
Sava, ex carabiniere uccise padre, sorella e cognato: condannato all'ergastolo

Sava, ex carabiniere uccise padre, sorella e cognato: condannato a 30 anni

 

Il Biancorosso

CALCIO MERCATO
Cornacchini aspetta altri rinforziIl Bari va a caccia di difensori

Cornacchini aspetta altri rinforzi
Il Bari va a caccia di difensori

 

NEWS DALLE PROVINCE

TarantoAl rione Salinella
Taranto, uccisero pregiudicato sparando tra la gente: 20 anni a 2 fratelli

Taranto, uccisero pregiudicato sparando tra la gente: 20 anni a 2 fratelli

 
BariSocietà fallì nel 2011
Bancarotta, Riesame restituisce 1mln di euro a imprenditore barese Degennaro

Bancarotta, Riesame restituisce 1mln di euro a imprenditore barese Degennaro

 
PotenzaL'incidente
Teana, travolto da trattore mentre lavorava i campi: morto 77enne

Teana, travolto da trattore mentre lavorava i campi: morto 77enne

 
LecceL'evento
Otranto, il Faro di Punta Palascìa apre al pubblico

Otranto, il Faro di Punta Palascìa apre al pubblico

 
MateraIl progetto
Huwaei sbarca all'Università della Basilicata: in arrivo una sede Academy

Huawei sbarca all'Università della Basilicata: in arrivo una sede Academy

 
BrindisiPer un valore di 1000 euro
Da Brindisi al Coin di Lecce per rubare profumi: arrestati tre giovani

Da Brindisi al Coin di Lecce per rubare profumi: arrestati tre giovani

 
BatL'istanza
Bat, stop al fumo in spiaggia: via libera della Prefettura

Bat, stop al fumo in spiaggia: via libera della Prefettura

 

i più letti

a bernalda

«Quei pini non si tagliano»
E Silvana si lega all'albero

Sono lì da circa 150 anni e costituiscono, stagionalmente, una stabile dimora per i falchi grillai che, sulla cima vengono a nidificare

Silvana legata ai pini

di ANGELO MORIZZI

BERNALDA - Ha deciso di far sentire la sua voce di dissenso alla strage di pini marittimi che, in questi giorni vengono abbattuti sul territorio urbano di Bernalda e Metaponto. Silvana Di Pace, 50 anni di Bernalda, si è legata a uno dei due giganteschi pini secolari presenti a ridosso della sua abitazione, in via Ferri a Bernalda. L’iniziativa nasce e si sviluppa a seguito dell’ordinanza dirigenziale del febbraio scorso, che ha sentenziato l’eliminazione degli alberi monumentali, ritenuti invasivi e, soprattutto pericolosi per la pubblica incolumità. La decisione della signora Di Pace ha immediatamente richiamato le attenzioni di ambientalisti, cittadini e navigatori del web. Sul posto sono giunti anche i Carabinieri, per monitorare la situazione, pur trattandosi di un’iniziativa del tutto pacifica e dimostrativa.

«Non è possibile assistere a questo scempio – dice alla Gazzetta la signora attaccata all’albero -. In Germania, dove ho vissuto per alcuni anni, queste cose non succedevano e non sarebbero mai avvenute. Non permetterò che vengano sacrificati esemplari di pino, come quelli presenti nella zona di via Ferri. Sono lì da circa 150 anni e costituiscono, stagionalmente, una stabile dimora per i falchi grillai che, sulla cima vengono a nidificare e, stando a quanto mi dicono gli esperti, costituiscono dei posti dormitorio per gli uccelli migratori. Al di là del mio gesto, ho messo in azione anche delle denunce alle autorità competenti e numerose segnalazioni alle associazioni ambientaliste territoriali e nazionali, ma anche al Dipartimento Ambiente della Regione Basilicata. Ho depositato ai Carabinieri una denuncia contro ignoti e mi sono mossa con l’aiuto di legali e della Lipu di Matera. Mi auguro che vengano prese in considerazione, prima che si verifichino gli ennesimi abbattimenti».

Dopo l’incatenamento della signora Di Pace, avvenuto martedì, ieri la giornata è trascorsa abbastanza tranquilla. I pini restano, però numerati, cerchiati in rosso, la chiara segnalazione di un imminente taglio. «Io amo la natura – osserva Silvana Di Pace -. Perché è vita. Se c’è un effettivo pericolo per l’incolumità della gente, che si provveda, ma dietro appositi riscontri scientifici, senza timori che dietro ci sia altro. Ho avuto anche un serrato confronto dialettico in merito con l’assessore comunale all’Ambiente Vincenzo Grippo. Voglio essere positiva, ma continuerò a vigilare perché tutto abbia un senso».

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su

Caratteri rimanenti: 400

LE RUBRICHE

Speciale Abbonamento - Scopri le formule per abbonarti al giornale quotidiano della Gazzetta
Gazzettaffari - Portale di annunci de La Gazzetta del Mezzogiorno
Gazzetta Necrologie