Mercoledì 23 Gennaio 2019 | 18:27

NEWS DALLA SEZIONE

La vertenza
Gazzetta, incontro tra le parti alla Regione PugliaDi Maio alla Camera: «Sono vicino ai lavoratori»

Gazzetta, incontro tra le parti alla Regione Puglia. Di Maio: «Vicino ai lavoratori»

 
Ambiente
Trivelle nello Ionio, ministro Costa: «Nessun ok o me ne vado»

Trivelle nello Ionio, ministro Costa: «Nessun ok o me ne vado»

 
Sentenze tributarie pilotate
Bari, caso «Gibbanza» Cassazione annulla 2 condanne

Bari, caso «Gibbanza» Cassazione annulla 2 condanne

 
Caccia ai ladri nel leccese
Caprarica, irrompono nell'ufficio postale da un buco nel muro e rubano 18mila euro

Caprarica, irrompono nell'ufficio postale da un buco nel muro e rubano 18mila euro

 
L'evento per grandi e piccini
Putignano, il 17 febbraio via al Carnevale

Putignano, il 17 febbraio via al Carnevale

 
Il caso
Lecce, a 12 anni accusò parroco di molestie, adolescente rivela di aver mentito

Lecce, a 12 anni accusò parroco di molestie, adolescente rivela di aver mentito

 
Inchiesta da Lecce
Trani, magistrati arrestati: «Savasta modificò video per incastrare i cc»

Trani, magistrati arrestati: «Savasta modificò video per incastrare i cc»

 
Nel Foggiano
Robot umanoidi negli ospedali: parte sperimentazione a S.Giovanni Rotondo

Robot umanoidi negli ospedali: parte sperimentazione a S.Giovanni Rotondo

 
Dai cc forestali
Campo volo elicotteri a Ostuni vicino a ulivi e costa: sequestrato

Campo volo elicotteri a Ostuni vicino a ulivi e costa: sequestrato

 
In mattinata
Allarme bomba, evacuato tribunale Bari-Bitonto

Bari, sede tribunale di Bitonto, allarme bomba via mail rientrato

 
I fatti a Messina
Scontri tra tifoserie: domiciliari per ultras Bari

Scontri tra tifoserie: domiciliari per ultras Bari

 

Tra i destinatari il boss Savinuccio

Mafia, nuovo blitz a Bari
23 arresti contro clan Parisi

Mafia, nuovo blitz a Bari23 arresti contro clan Parisi

di Donatella Lopez

BARI - C’e anche il boss Savino Parisi (scarcerato circa due mesi fa, è ritornato in carcere il 9 marzo, arrestato dai carabinieri, per estorsione) tra i destinatari di ordinanza di arresto, nei confronti di 23 persone, eseguita all’alba dalla Polizia. Si tratta di arresti resi possibili in seguito a un’indagine della Squadra Mobile, avviata nel marzo 2011, che ha consentito di documentare l’attività criminale del sodalizio mafioso del clan Parisi, a Bari e provincia, attraverso un capillare e sistematico controllo del territorio gestendo in situazione di monopolio numerose attività illecite. L’ordinanza, che comprende più reati, è stata emessa dal gip di Bari su richiesta della locale Dda. In tutto sono stati 350 gli uomini della Polizia di Stato che hanno portato a termine l’operazione odierna con l’ausilio delle unità cinofile e degli elicotteri.

L'egemonia del clan si era sviluppata in maniera variegata, anche attraverso il monitoraggio e la gestione degli alloggi di edilizia popolare, soprattutto con l’infiltrazione nei cantieri edili. Le attività investigative, grazie anche alle dichiarazioni rese da alcuni imprenditori taglieggiati, nonché da numerose attività tecniche, hanno consentito di acquisire elementi di responsabilità a carico del clan che finiva per condizionare le scelte aziendali, imponendo ditte di fiducia o addirittura “imprese mafiose”, così determinando indirettamente anche i prezzi di forniture e opere, sui quali poi pretendeva una percentuale.

Dagli atti di indagine è emerso con chiarezza che le estorsioni si realizzano non più o non solo tramite la richiesta del “pizzo” o dell’assunzione di un guardiano scelto tra gli uomini di fiducia del sodalizio criminale, ma attraverso un sistema articolato di relazioni tra gli appartenenti al clan Parisi e gli imprenditori del settore che prevedeva l’imposizione delle ditte che dovevano  aggiudicarsi i subappalti o le commesse di forniture e lavori. Questo sistema estorsivo prevedeva il coinvolgimento di imprese amiche, che consentiva al clan di lucrare sui ricavi dei subappaltatori. Oltre ad un imprenditore colpito dalla misura di custodia cautelare, perché ritenuto responsabile di concorso esterno in associazione per delinquere di tipo mafioso, sono coinvolti altri 5 imprenditori edili.

Durante l’operazione sono stati sequestrati 3 immobili, 1 terreno agricolo, 15 autovetture, 13 motoveicoli, 3 imprese individuali, 5 società di capitali per un valore totale di 4.750.000 Euro, nonché, 79 rapporti bancari e finanziari, il cui valore è da quantificare.

Il sindaco di Bari è intervenuto dopo gli arresti.  «Ancora una volta - si legge in una tota - Bari dice no alla criminalità organizzata. I cittadini baresi stanno dalla parte delle donne e degli uomini della magistratura e delle forze dell’ordine che questa mattina ci hanno dimostrato che la luminosità del rispetto della legge e delle regole batte qualsiasi spettacolo di fuochi pirotecnici organizzato dai clan criminali. Nel cielo di Bari oggi brilla una sola luce ed è quella della legalità».

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su

Caratteri rimanenti: 400

Commenti all'articolo

  • gianfranco

    gianfranco

    15 Marzo 2016 - 16:04

    Il Sindaco ha detto: " Nel cielo di Bari oggi brilla una sola luce ed è quella della legalità". Bene,mandiamo i CC tra le case IACP di Japigia: sotto gli occhi di tutti ci sono consolidate illegalità che nessuno fa finta di vedere:In via Siponto un cane tenuto da anni chiuso in un suolo IACP recintato abusivamente, edicola votiva abusiva in via Caduti Partigiani. CC e VV.UU non vedono!!!!

    Rispondi

  • gianfranco

    gianfranco

    15 Marzo 2016 - 11:11

    Già che ci siamo e qualcuno finalmente si sta muovendo, perchè non eliminare anche altri simboli del potere mafioso e del malaffare nel quartiere Japigia? Vedi un'edicola votiva a forma di trullo sorta recentemente su via dei Caduti Partigiani difronte al mercato coperto, per altro su suolo IACP e il piccolo bar posto un isolato dopo e ove recentemente c'è stata una sparatoria!!!!!!!

    Rispondi