Mercoledì 20 Febbraio 2019 | 07:54

NEWS DALLA SEZIONE

La nomina
Apulia film commission, l'architetta Dellomonaco è la nuova presidente

Apulia film commission, l'architetta Dellomonaco è la nuova presidente

 
Il vicepremier
Migranti, Salvini annuncia chisura del Cara di Borgo Mezzanone

Migranti, vicepremier: chiuderà Cara Borgo Mezzanone a Foggia

 
Il leader della lega in città

Salvini a Bari, in visita alla villa sequestrata alla mafia La diretta

 
A Gallipoli
Nigeriano sventa rapina in supermercato: Emiliano lo premia

Nigeriano sventa rapina in supermercato: Emiliano lo premia

 
L'analisi
Lecce scopre nuove «frecce» nella rincorsa verso la A

Lecce scopre nuove «frecce» nella rincorsa verso la A

 
Componente di una banda
Rubavano in case mentre i proprietari erano al mare, arrestato un barese

Rubavano in case mentre i proprietari erano al mare, arrestato un barese

 
Le dichiarazioni
Confindustria, Boccia: «Economia rallenta, dati devono far riflettere»

Confindustria, Boccia: «Economia rallenta, dati devono far riflettere»

 
In via Milizia
Scritte su sede Movimente 5 Stelle a Lecce, si segue pista anarchica

Scritte su sede Movimento 5 Stelle a Lecce, si segue pista anarchica

 
L'emergenza
Xylella, conclusa l'inchiesta alla Camera: «Si può solo eradicare, non ci sono cure»

Xylella, conclusa l'inchiesta alla Camera: «Si può solo eradicare, non ci sono cure»

 
L'iniziativa
Le strade di Bari si colorano con i murales dei Lego, grazie allo street artist Pao

Le strade di Bari si colorano con i murales dei Lego, grazie allo street artist Pao

 
Accoltellato un libico
Non vuole pagare uno dei suoi lavoratori e tenta di ucciderlo: arrestato sudanese nel Tarantino

Non vuole pagare uno dei suoi lavoratori e tenta di ucciderlo: arrestato sudanese nel Tarantino

 

NEWS DALLE PROVINCE

LecceComponente di una banda
Rubavano in case mentre i proprietari erano al mare, arrestato un barese

Rubavano in case mentre i proprietari erano al mare, arrestato un barese

 
MateraNel Materano
Rubano tubi di rame da ditta, individuati 4 minorenni

Rubano tubi di rame da ditta, individuati 4 minorenni

 
BariInaugura il 21 febbraio
Sculture da indossare: la mostra di Anna Maria Di Terlizzi all'archivio di Stato di Bari

Sculture da indossare: la mostra di Anna Maria Di Terlizzi all'archivio di Stato di Bari

 
TarantoAl Teatro Fusco
La nuova vita di Diodato, senza confini ma con emozioni

La nuova vita di Diodato, senza confini ma con emozioni

 
BrindisiA Mesagne
Rapinò bar con mazza da baseball, rintracciato 19enne

Rapinò bar con mazza da baseball, rintracciato 19enne

 
BatDopo la denuncia
Estorcono denaro a un collega: 2 contadini arrestati

Estorcono denaro a un collega: 2 contadini arrestati

 
FoggiaLa storia
«Nonno Libero», il barbone più longevo di Foggia, avrà una casa

«Nonno Libero», il barbone più longevo di Foggia, avrà una casa

 
HomeLa nomina
Basilicata, Berlusconi presenta il candidato unico del centro destra: è Bardi

Basilicata, Bardi candidato unico del centrodestra

 

Tar di Lecce: la bonifica
del sito Vergine a Taranto
è a carico del gestore

Il Comune di Taranto non può imporre ai proprietari dei terreni su cui insiste la discarica la bonifica delle aree. Il principio affermato dal Tar di Lecce

rifiuti

TARANTO - Il Comune di Taranto non può imporre ai proprietari dei terreni su cui insiste la discarica Vergine la bonifica delle aree. E’ questo il principio affermato dal Tar di Lecce che, con ordinanza pubblicata questa mattina, ha accolto il ricorso cautelare proposto dall’avv.Luigi Quinto nell’interesse dei proprietari dell’area (che fa capo a un imprenditore di Firenze) contro il provvedimento con il quale il sindaco di Taranto, Ippazio Stefano aveva imposto agli stessi proprietari alcuni interventi di bonifica consistenti, tra l'atro, nella rimozione immediata del percolato.

L’ordine di bonifica resta invece valido ed efficace nei confronti del gestore dell’impianto, la società Vergine srl, che al di là dell’omonimia non ha nulla a che vedere con i proprietari dell’area: Giuseppe, Giovanna, Anna Maria e Dino Vergine. Il Tar, spiega in una nota Quinto, «ha osservato come manchi un accertamento di una qualche responsabilità dei proprietari nella causazione del danno ed altresì come la responsabilità costituisca il presupposto indefettibile per imporre un obbligo di bonifica in virtù del principio di derivazione comunitaria del 'chi inquina pagà.

Sono quindi liberati da ogni obbligo i proprietari dei terreni della discarica Verginè. Il legale fa presente, infine, che «da quanto è dato sapere, la società concessionaria non dispone di risorse finanziarie adeguate ad adempiere all’ordine di bonifica per il cui completamento sono necessari circa 20 milioni di euro. Non sembra quindi esserci alternativa se non quella di ricercare un altro imprenditore che possa subentrare nella gestione sobbarcarsi l’onere di bonifica». L’area, nei pressi di Lizzano, si trova nell’isola amministrativa di Taranto.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su

Caratteri rimanenti: 400