Lunedì 08 Marzo 2021 | 22:45

NEWS DALLA SEZIONE

La manifestazione
Ilva, salta integrazione salario per i1700: il 12 sciopero e sit in dei lavoratori

Ilva, salta integrazione salario per 1700: il 12 sciopero e sit in dei lavoratori

 
Il bollettino nazionale
Covid in Italia, 13.902 casi e 318 morti nelle ultime 24 ore. Superati i 100mila morti

Covid in Italia, 13.902 casi e 318 morti nelle ultime 24 ore. Superati i 100mila morti

 
8 marzo
Festa della donna, Emiliano: «Puglia prepara Agenda di Genere. Stop a divari»

Festa della donna, Emiliano: «Puglia prepara Agenda di Genere. Stop a divari»

 
Il bollettino regionale
Coronavirus in Puglia, su 4560 tamponi 594 nuovi positivi: 25 i morti. Tasso di positività al 13%

Puglia, 594 nuovi positivi (13%) e 25 morti. Boom di ricoveri: +58 in 24 ore. «Vaccini ai più fragili da fine marzo»

 
Viabilità
Puglia, Maurodinoia: «Strada regionale 8 da riqualificare tutelando il paesaggio»

Puglia, Maurodinoia: «Strada regionale 8 da riqualificare tutelando il paesaggio»

 
L'inaugurazione
8 marzo a Bari, ecco la panchina rossa dedicata a Noemi Durini

8 marzo a Bari, ecco la panchina rossa dedicata a Noemi Durini

 
Il bollettino regionale
Covid in Basilicata, i dati del weekend: su 1880 tamponi di cui 180 positivi, 2 morti

Covid in Basilicata, i dati del weekend: su 1880 tamponi 180 nuovi positivi, 2 morti

 
Il caso
Leuca, a bordo di una barca a vela sbarcano 112 migranti: sono famiglie con 31 bambini

Leuca, a bordo di una barca a vela sbarcano 112 migranti: sono famiglie con 31 bambini

 
Lotta al virus
Vaccini anti Covid, Lopalco: «In Puglia somministrato oltre l'85% delle dosi ricevute»

Vaccini anti Covid, Lopalco: «In Puglia somministrate oltre l'85% delle dosi ricevute». Speranza: «Tutti vaccinati entro l'estate»

 
Il blitz
Foggia, droga fino all'Abruzzo: smantellato narcotraffico: 9 arresti

Foggia, droga fino all'Abruzzo: smantellato narcotraffico, 9 arresti

 
Il caso
Bari, raffica di multe per controlli anti Covid, sorpreso in un circolo: prende a calci carabiniere

Bari, raffica di multe per controlli anti Covid, sorpreso in un circolo: prende a calci carabiniere

 

Il Biancorosso

Serie c
Bari messo ko dal Potenza al San Nicola: 0-2

Bari messo ko dal Potenza al San Nicola: 0-2

 

NEWS DALLE PROVINCE

TarantoLa manifestazione
Ilva, salta integrazione salario per i1700: il 12 sciopero e sit in dei lavoratori

Ilva, salta integrazione salario per 1700: il 12 sciopero e sit in dei lavoratori

 
LecceL'iniziativa
Leuca, hotel dedica stanza a Rena Fonte, ex assessore Nardò uccisa dalla mafia

Leuca, hotel dedica stanza a Renata Fonte, ex assessore Nardò uccisa dalla mafia

 
PotenzaLa novità
Marsico Nuovo ottiene il titolo onorifico di «città»

Marsico Nuovo ottiene il titolo onorifico di «città»

 
FoggiaL'iniziativa
8 marzo a Lucera, al Lastaria mimose, cioccolatini e sorrisi per le pazienti dell'Oncologico

8 marzo a Lucera, al Lastaria mimose, cioccolatini e sorrisi per le pazienti dell'Oncologico

 
BariL'inaugurazione
8 marzo a Bari, ecco la panchina rossa dedicata a Noemi Durini

8 marzo a Bari, ecco la panchina rossa dedicata a Noemi Durini

 
MateraIl caso
Mafia, estorsioni nel Materano: due uomini arrestati

Mafia, estorsioni nel Materano: due uomini arrestati

 
BatIl caso
Barletta ,oltraggiato il monumento di Conteduca

Barletta ,oltraggiato il monumento di Conteduca

 

i più letti

«Gema», il crac del secolo La Finanza sequestra beni per oltre 17 milioni 

di ERNESTO TARDIVO 
FOGGIA - Piove sul bagnato sulla vicenda Gema. Diluvia su Chicco Tavasci e la sua famiglia. Prima l’arresto per il crac, poi le accuse, quindi - ne abbiamo dato notizia ieri - il suo convolgimento insieme ad altre sei persone (perlopiù familiari, moglie e figlia) a conclusione delle indagini della Procura che ha ipotizzato reati pesanti (peculato, associazione per delinquere, falso in bilancio ed altro) ora il sequestro del patrimonio, i gioielli di famiglia a decretare la fine di una saga e di un’epoca, quella degli Alberini-Tavasci
«Gema», il crac del secolo La Finanza sequestra beni per oltre 17 milioni 
di ERNESTO TARDIVO 

FOGGIA - Piove sul bagnato sulla vicenda Gema. Diluvia su Chicco Tavasci e la sua famiglia. Prima l’arresto per il crac, poi le accuse, quindi - ne abbiamo dato notizia ieri - il suo convolgimento insieme ad altre sei persone (perlopiù familiari, moglie e figlia) a conclusione delle indagini della Procura che ha ipotizzato reati pesanti (peculato, associazione per delinquere, falso in bilancio ed altro) ora il sequestro del patrimonio, i gioielli di famiglia a decretare la fine di una saga e di un’epoca, quella degli Alberini-Tavasci. 

C’erano una volta i grandi riscossori di tributi... Ora gli hanno tolto anche gli orologi di marca e le tenute negli agri «in» della Toscana e delle colline senesi, fors’anche la barca ormeggiata in Turchia. Beni per un ammontare complessivo di 17 milioni e mezzo di euro sigillati, tolti alla disponibilità di Tavasci. Tra i beni sequestrati 5 immobili della Gema tra cui le sedi della ditta a Foggia e in provincia di Lecce, una proprietà di Tavasci in provincia di Siena (si tratta di un casale in Badia San Salvatore) e quattro quote societarie: la Mival Multiservice srl Foggia che si occupa dell’af fitto di beni a terzi e la Ecologia 2000 srl che si occupa di servizi (quote di Tavasci) la Canam srl e la Comit Consulting di Corriero. 

Già, perchè secondo le ipotesi accusatorie Tavasci e Corriero prendevano direttamente dalle casse della Gema per proprie finalità: riscontrato dalla Guardia di Finanza un acquisto di Corriero anche di un orologio Rolex. Tavasci avrebbe utilizzato i fondi della Gema per pagare l’ormeggio della sua barca in Turchia, per finanziare il Foggia Calcio e anche per pagare i marinari nel corso delle sue crociere in Turchia. Gli indagati - a giudizio della Finanza che ha svolto le indagini - sapevano della loro situazione economica e che avrebbero perso ogni appalto dai comuni per questo Corriero avrebbe svolto alcuni viaggi in Sardegna, e in altre parti di Italia come Milano e Roma per cercare di ottenere appalti in altri enti. In questo modo con i soldi che avrebbero ricevuto da questi altri enti avrebbero coperto i buchi con gli altri comuni. 

La storia del crac è nota: la Gema invece di riversare ai comuni i tributi li avrebbe utilizzati per propri interessi. E’ quanto scoperto dalla Guardia di finanza e della procura di Foggia che hanno sequestrato beni immobili e mobili per un valore di 17milioni e mezzo di euro ai sette indagati coinvolti nell’inchiesta sulla Gema, l’azienda che un tempo si occupava della riscossione dei tributi in provincia di Foggia e in altre zone della Penisola.

Ieri il sostituto procuratore Antonio Laronga - è noto -ha inviato l’avviso delle conclusioni delle indagini ai sette indagati: a Lanfranco Tavasci, ex presidente della Gema, alla moglie Mirella Alberini, alla figlia Valentina Tavasci, a Giuseppe Corriero ex amministratore delegato della società, a Giovanni Fanelli e a Vincenzo Laricchia, che facevano parte del consiglio di amministrazione e – per una posizione marginale – anche a Giulio Gentile. Per loro le accuse, a vario titolo, sono di associazione per delinquere e peculato: si sarebbero appropriati di oltre 22milioni di euro, i tributi che la Gema avrebbe dovuto riversare ai 44 comuni pugliesi, per conto dei quali svolgeva l’attività di riscossione. 

(La notizia completa sull'edizione della Gazzetta in edicola o scaricabile qui)

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su

Caratteri rimanenti: 400

LE RUBRICHE

Speciale Abbonamento - Scopri le formule per abbonarti al giornale quotidiano della Gazzetta
Gazzettaffari - Portale di annunci de La Gazzetta del Mezzogiorno
Gazzetta Necrologie