Sabato 25 Giugno 2022 | 18:49

In Puglia e Basilicata

Trasporti

«Ferrovia Napoli-Bari nel 2027? Difficile, più realistico il 2030», parola all'esperto

«Ferrovia Napoli-Bari nel 2027? Difficile, più realistico il 2030», parola all'esperto

Il prof. Cantisani, professore associato di Strade, Ferrovie e Aeroporti alla «Sapienza», è uno dei massimi esperti italiani di infrastrutture viarie e gallerie

20 Maggio 2022

Massimiliano Scagliarini

«In Italia si è fatta la scelta di non ammodernare le cosiddette linee ordinarie, o di farlo solo marginalmente, per accantonarle progressivamente in favore della rete autonoma dell’alta velocità. Questo disegno è stato pressoché completato al centro-nord, mentre il Sud è ancora fermo. La Napoli-Bari sarebbe il primo ramo a integrarsi in questo nuovo sistema». Giuseppe Cantisani, 53 anni, professore associato di Strade, Ferrovie e Aeroporti alla «Sapienza», è uno dei massimi esperti italiani di infrastrutture viarie e gallerie: interviene come esperto nel Consiglio superiore dei lavori pubblici e - da meridionale di Latronico - partecipa con passione al dibattito pubblico sulle grandi opere. E proprio partendo dal tema della galleria dell’Irpinia, i 28 km che sono il cuore della alta capacità Napoli-Bari e che attendono l’apertura dei cantieri, esprime una valutazione sulla possibilità di concludere davvero i lavori nei termini annunciati da Fs. «È probabile - dice - che il 2027 diventi realisticamente il 2030, non abbiamo elementi certi ma è molto verosimile. Esprimo la mia opinione: per un’opera così complessa e importante va bene anche attendere il 2030, ma che non si vada oltre. Il punto è arrivare, perché dopo potrebbero sorgere anche altri problemi pesanti e potenzialmente critici».

Un profano si chiede come sia possibile terminare in 5 anni un’opera che da progetto richiede 8 anni di lavori. C’è una spiegazione tecnica?

«Il discorso delle tempistiche è un problema rilevante. Non è ammissibile comprimere eccessivamente certi ritmi di lavorazione, soprattutto per le gallerie dove serve un passo di avanzamento calibrato rispetto alle caratteristiche geotecniche. Se la previsione iniziale era 8 anni, due sono le cose: o era molto prudenziale e rivedendo il progetto è stato possibile affinare il modello geologico-tecnico, oppure semplicemente non si considera questo vincolo e si trascura la contraddizione che ne deriva. Molte indicazioni deporrebbero per questa seconda ipotesi. Non sarebbe la prima volta che l’annuncio pubblico dice una cosa e la sostanza tecnica ne dice un’altra».

CONTINUA A LEGGERE SULL'EDIZIONE CARTACEA O SULLA NOSTRA DIGITAL EDITION

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Lascia un commento:

Condividi le tue opinioni su

Caratteri rimanenti: 400

Carica altre news...

 

PODCAST

 

PRIMO PIANO

 
 
 
 
- News dai Territori -

BAT

 
Editrice del Mezzogiorno srl - Partita IVA n. 08600270725