Sabato 21 Maggio 2022 | 00:56

In Puglia e Basilicata

Guerra in Ucraina

La portaerei americana saluta la Puglia: si riapre il «fronte» tra Grecia e Turchia

Scudo antisottomarini fra Adriatico e Jonio

La Truman ha effettuato una tappa tecnica a trieste di alcuni giorni. nicosia avvia l’estrazione di idrocarburi al largo

30 Aprile 2022

Marisa Ingrosso

La portaerei a propulsione nucleare USS Harry S. Truman ha lasciato il Mare Adriatico, diretta forse verso un nuovo-vecchio fronte: quello tra Grecia e Turchia.

I 332,8 metri di lunghezza di questa fortezza galleggiante, nelle scorse ore sono sfilate lungo la costa pugliese. Stando alle fonti non secretate disponibili, la nave ha sostanzialmente circumnavigato la regione diretta probabilmente, nell’Egeo.

Sono due mesi che questo colosso (può imbarcare fino a 90 velivoli ad ala fissa o rotante e superare le 6.000 persone a bordo) fa la spola tra Adriatico e Ionio, nell’ambito di esercitazioni certo, ma anche, inutile negarlo, nell’ambito delle tensioni geopolitiche innescate, il 24 febbraio scorso, dall’invasione dell’Ucraina, a opera della Russia. Mentre è chiaro il «messaggio» che la sua presenza comporta, in termini di «rassicurazione» dei Paesi aderenti all’Alleanza, non è chiaro a quali esigenze risponda questo rischieramento nel Mediterraneo, che fa seguito ad una «sosta tecnica operativa» di alcuni giorni a Trieste. Ovviamente non viaggia sola, fa parte di un nutrito gruppo di sei unità navali (come il cacciatorpediniere della Marina degli Stati Uniti «Bainbridge» appartenente alla classe Arleigh Burke), e - econdo la testata greca Pentapostagma.gr - il riposizionamento della Truman farebbe seguito al «rifiuto di Ankara di assistere la Nato con unità di superficie e sottomarini nel Mar Nero».

«A Creta - riporta Pentapostagma.gr - sono stati attivati ​​i missili antiaerei greci S-300, in combinazione con i voli di AWACS greci (l’Awacs è un sistema radar aviotrasportato utilizzato per la sorveglianza aerea; ndr) e HERON UAV (aeromobili a pilotaggio remoto; ndr) nell’Egeo, il che dimostra che l’esercito greco si sta preparando per tutti gli scenari nel prossimo futuro».

La stampa turca, dal canto suo, avrebbe già riportato le proteste del ministero degli Esteri per violazioni, reiterate, del proprio spazio aereo.

Sullo sfondo, ma mica poi tanto, mercoledì Nicosia ha emesso un Natex (un avviso ai naviganti) annunciando l’inizio di attività di perforazione nel sud-ovest di Cipro, a caccia di idrocarburi vitali, oggi più che mai, per l’Italia e l’Europa tutta.

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Lascia un commento:

Condividi le tue opinioni su

Caratteri rimanenti: 400

Carica altre news...

 

PODCAST

 

PRIMO PIANO

 
 
 
 
- News dai Territori -
 
Editrice del Mezzogiorno srl - Partita IVA n. 08600270725