Mercoledì 23 Giugno 2021 | 03:58

NEWS DALLA SEZIONE

Clima torrido
Puglia bollente, a Loconia è record: 43,7 gradi. Foggia città più calda d’Italia con 41,3 gradi

Puglia bollente, a Loconia è record: 43,7 gradi. Foggia città più calda d’Italia con 41,3 gradi

 
Il caso
Ex Ilva: a Potenza l'avvocato Amara parla con i pm

Ex Ilva: a Potenza l'avvocato Amara parla con i pm

 
economia
Bari e la super zona franca doganale: la grande scommessa

Bari e la super zona franca doganale: la grande scommessa

 
L'appuntamento
Città e futuro, Med 2021 sceglie Bari

Città e futuro, Med 2021 sceglie Bari

 
La crisi
Cgil: soffre il mercato del lavoro in Puglia

Cgil: soffre il mercato del lavoro in Puglia

 
Strage di api
Squinzano, un incendio distrugge oltre 100 arnie

Squinzano, un incendio distrugge oltre 100 arnie. Poche ore prima un altro incendio a Torre dell'Orso

 
Migranti
Sbarco in Salento di 4 pachistani e un cingalese: intercettati dalla Guardia Costiera

Salento, terzo sbarco in 3 giorni: 4 pachistani e un cingalese intercettati dalla Guardia Costiera

 
Lotta al virus
Vaccini in Puglia, somministrato il 94,9% delle dosi, ma c'è carenza di Pfizer

Vaccini Puglia, somministrato il 94,9% delle dosi, ma carenza di Pfizer. Covid, salgono a 40 i casi nel carcere di Taranto

 
Il caso
Dj salentino morto impiccato, i genitori scrivono a Mattarella

Dj salentino morto impiccato, i genitori scrivono a Mattarella

 
Il bollettino nazionale
Covid in Italia, 835 nuovi casi e 31 morti nelle ultime 24 ore

Covid in Italia, 835 nuovi casi e 31 morti nelle ultime 24 ore. Dal 28 addio alle mascherine all'aperto

 
Il progetto
Martano, la lettura arriva in piazza e nei campi scuola estivi

Martano, la lettura arriva in piazza e nei campi scuola estivi

 

GDM.TV

Il Biancorosso

Serie C
Bari in ritiro a Storo dal 16 al 30 luglio

Bari in ritiro a Storo dal 16 al 30 luglio

 

NEWS DALLE PROVINCE

FoggiaClima torrido
Puglia bollente, a Loconia è record: 43,7 gradi. Foggia città più calda d’Italia con 41,3 gradi

Puglia bollente, a Loconia è record: 43,7 gradi. Foggia città più calda d’Italia con 41,3 gradi

 
TarantoIl caso
Ex Ilva: a Potenza l'avvocato Amara parla con i pm

Ex Ilva: a Potenza l'avvocato Amara parla con i pm

 
BariOrgoglio pugliese
Conversano, i giovani ingegneri di Nextome vincono il Mirabilia top of the Pid 2020

Conversano, i giovani ingegneri di Nextome vincono il Mirabilia top of the Pid 2020

 
LecceStrage di api
Squinzano, un incendio distrugge oltre 100 arnie

Squinzano, un incendio distrugge oltre 100 arnie. Poche ore prima un altro incendio a Torre dell'Orso

 
FoggiaLa sentenza
Foggia, estorsione all'imprenditore agricolo: quattro condanne in Appello

Foggia, estorsione all'imprenditore agricolo: quattro condanne in Appello

 
Brindisitask force anti-caporalato
Brindisi, imprenditore nei guai: extracomunitari assunti irregolarmente

Brindisi, imprenditore nei guai: extracomunitari assunti irregolarmente

 
PotenzaNel Potentino
Tifoso Vultur investito e ucciso: ultras della squadra avversaria condannato per omicidio stradale

Tifoso Vultur investito e ucciso: ultras della squadra avversaria condannato per omicidio stradale

 
MateraSport
Hockey, titolo italiano alle ragazze della Roller Matera

Hockey, titolo italiano alle ragazze della Roller Matera

 

i più letti

Originario di Policoro

Pozzovivo, l'orgoglio del vecchio Sud: «Sogno di vincere nel tappone di Cortina»

«Dopo la grande paura nel 2019, essere qui è una grande vittoria. Fra un anno smetto»

Pozzovivo, l'orgoglio del vecchio Sud: «Sogno di vincere nel tappone di Cortina»

Il campione purtroppo si è ritirato dopo la caduta nella sesta tappa. Riportiamo comunque l'intervista in edicola sul giornale di oggi

«Alla mia età, arrivare nei primi dieci non sarebbe una soddisfazione da poco». Così Domenico Pozzovivo, 38enne ciclista del Team Qhubeka Assos, all’immediata vigilia di una sesta tappa del Giro d’Italia che, tra pioggia, vento e ventagli, lo ha relegato lontano dalle prime posizioni. Dopo l’arrivo ad Ascoli Picerno (San Giacomo), la Corsa Rosa potrebbe però aprire nuove prospettive al Dottore, lontano dai giochi per la classifica generale. Vincere una tappa sarebbe un bel premio alla carriera. E che sente la nostalgia delle tappe nel meridione, in un’edizione che ha nella partenza da Foggia, domani, il punto più a Sud.

Da bambino sognava di correre il Giro, ora è all’edizione personale numero 15: qual è il ricordo più bello?
«La vittoria a Lago Laceno nel 2012, che fu tra virgolette una vittoria dichiarata. Avevo riposto grandi attese in quella tappa e riuscire a fare quello che avevo in mente, davanti a tanta gente che mi aspettava, è stato gratificante».


E il rimpianto più grande?
«Non essere salito sul podio nell’edizione 2018, in cui ero in gran ottime condizioni e ho pagato l’unica giornata negativa: l’avrei meritato».

A quanti giri ha intenzione di arrivare?
«Penso di poter arrivare a sedici: il 2022 sarà l’ultimo anno di carriera».

Sette mesi fa il Giro passò da casa sua, quest’anno tra Puglia e Basilicata ci sarà solo una partenza di tappa. Come ci si sente a essere l’unico rappresentante apulo-lucano in un’edizione con pochissimo sud?
«Un’edizione senza è il sud è un’edizione un po’ monca. Mi piace molto attraversare i nostri splendidi paesaggi, le nostre strade: durante quelle tappe faccio anche da Cicerone. Per me è un orgoglio mostrare le nostre bellezze. Quest’anno non avrà questa possibilità e per me sarà una perdita a livello emotivo. Per il resto, cercherò di rappresentare il sud nel migliore dei modi».

Qual è la tappa che sogna di vincere e quale quella più adatta a Pozzovivo, oggi?
«Sogno di vincere quella di Cortina, con le salite mitiche del Giro. L’arrivo più adatto a me è quello a Sega di Ala».

Due anni fa ha temuto per la sua carriera, dopo l’incidente in Calabria. Di momenti critici ne ha vissuti diversi: che cos’è che l’ha resa così forte, da non mollare mai?
«La mia carriera è stata costellata di momenti critici, ognuno dei quali è stato una prova di forza. Nel 2019 oltre che per la mia carriera ho temuto per la vita, ma mi sono focalizzato sulla possibilità di non arrendermi e tornare competitivo come atleta. Nessun medico mi avrebbe appoggiato in questa sfida, sono orgoglioso di quello che ho fatto: essere tornato a questi livelli è già una vittoria».


La Puglia con Monaco può vantare un ciclista professionista dopo 10 anni, la Basilicata vede nell’under 23 Verre il possibile erede di Pozzovivo: che prospettive hanno questi ragazzi?
«Conosco personalmente Monaco: siamo stati assieme in una selezione della Nazionale al Trofeo Matteotti. È un passista-scalatore che si può difendere su terreni misti e può essere perfetto per cercare la vittoria con una fuga in un grande giro. Non conosco personalmente Verre, ma sto seguendo il suo percorso: è uno scalatore, ma arrivando dal cross ha anche attitudine agli sforzi brevi e una certa esplosività. Non vorrei caricarli di pressione eccessiva, ma potrebbero anche far meglio di me. Io ho posto un’asticella, spero che qualcuno possa superarla ben presto».

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su

Caratteri rimanenti: 400

LE RUBRICHE

Speciale Abbonamento - Scopri le formule per abbonarti al giornale quotidiano della Gazzetta
Gazzetta Necrologie