Mercoledì 23 Giugno 2021 | 04:41

NEWS DALLA SEZIONE

Clima torrido
Puglia bollente, a Loconia è record: 43,7 gradi. Foggia città più calda d’Italia con 41,3 gradi

Puglia bollente, a Loconia è record: 43,7 gradi. Foggia città più calda d’Italia con 41,3 gradi

 
Il caso
Ex Ilva: a Potenza l'avvocato Amara parla con i pm

Ex Ilva: a Potenza l'avvocato Amara parla con i pm

 
economia
Bari e la super zona franca doganale: la grande scommessa

Bari e la super zona franca doganale: la grande scommessa

 
L'appuntamento
Città e futuro, Med 2021 sceglie Bari

Città e futuro, Med 2021 sceglie Bari

 
La crisi
Cgil: soffre il mercato del lavoro in Puglia

Cgil: soffre il mercato del lavoro in Puglia

 
Strage di api
Squinzano, un incendio distrugge oltre 100 arnie

Squinzano, un incendio distrugge oltre 100 arnie. Poche ore prima un altro incendio a Torre dell'Orso

 
Migranti
Sbarco in Salento di 4 pachistani e un cingalese: intercettati dalla Guardia Costiera

Salento, terzo sbarco in 3 giorni: 4 pachistani e un cingalese intercettati dalla Guardia Costiera

 
Lotta al virus
Vaccini in Puglia, somministrato il 94,9% delle dosi, ma c'è carenza di Pfizer

Vaccini Puglia, somministrato il 94,9% delle dosi, ma carenza di Pfizer. Covid, salgono a 40 i casi nel carcere di Taranto

 
Il caso
Dj salentino morto impiccato, i genitori scrivono a Mattarella

Dj salentino morto impiccato, i genitori scrivono a Mattarella

 
Il bollettino nazionale
Covid in Italia, 835 nuovi casi e 31 morti nelle ultime 24 ore

Covid in Italia, 835 nuovi casi e 31 morti nelle ultime 24 ore. Dal 28 addio alle mascherine all'aperto

 
Il progetto
Martano, la lettura arriva in piazza e nei campi scuola estivi

Martano, la lettura arriva in piazza e nei campi scuola estivi

 

GDM.TV

Il Biancorosso

Serie C
Bari in ritiro a Storo dal 16 al 30 luglio

Bari in ritiro a Storo dal 16 al 30 luglio

 

NEWS DALLE PROVINCE

FoggiaClima torrido
Puglia bollente, a Loconia è record: 43,7 gradi. Foggia città più calda d’Italia con 41,3 gradi

Puglia bollente, a Loconia è record: 43,7 gradi. Foggia città più calda d’Italia con 41,3 gradi

 
TarantoIl caso
Ex Ilva: a Potenza l'avvocato Amara parla con i pm

Ex Ilva: a Potenza l'avvocato Amara parla con i pm

 
BariOrgoglio pugliese
Conversano, i giovani ingegneri di Nextome vincono il Mirabilia top of the Pid 2020

Conversano, i giovani ingegneri di Nextome vincono il Mirabilia top of the Pid 2020

 
LecceStrage di api
Squinzano, un incendio distrugge oltre 100 arnie

Squinzano, un incendio distrugge oltre 100 arnie. Poche ore prima un altro incendio a Torre dell'Orso

 
FoggiaLa sentenza
Foggia, estorsione all'imprenditore agricolo: quattro condanne in Appello

Foggia, estorsione all'imprenditore agricolo: quattro condanne in Appello

 
Brindisitask force anti-caporalato
Brindisi, imprenditore nei guai: extracomunitari assunti irregolarmente

Brindisi, imprenditore nei guai: extracomunitari assunti irregolarmente

 
PotenzaNel Potentino
Tifoso Vultur investito e ucciso: ultras della squadra avversaria condannato per omicidio stradale

Tifoso Vultur investito e ucciso: ultras della squadra avversaria condannato per omicidio stradale

 
MateraSport
Hockey, titolo italiano alle ragazze della Roller Matera

Hockey, titolo italiano alle ragazze della Roller Matera

 

i più letti

L'emergenza

Scuola, il Tar Puglia deciderà il ritorno in presenza

L'associazione «Priorità alla scuola» spiega le ragioni del ricorso

Scuola,  il Tar Puglia deciderà il ritorno in presenza

Bari - L'associazione «Priorità alla scuola»  ha presentato nei giorni scorsi un ricorso al Tar contro la cosiddetta «scuola a scelta» vale a dire il provvedimento con il quale il governatore Emiliano ha lasciato alle famiglie la scelta di far rientrare o meno i propri figli in classe. La decisione dell'associazione ha creato un intenso dibattito tra gli addetti ai lavori, tanto da spingere lo stesso organismo a chiarire le ragioni del ricorso presentato ai giudici amministrativi. «La sclerotizzazione del dibattito in Puglia che ha condotto ad una narrazione polarizzata su due fronti – proDad e proPresenza – ha semplificato troppo le posizioni di ciascuno, impedendone la piena comprensione reciproca e ha contestualmente alimentato la parallela narrazione secondo la quale vi siano pregiudizi politici contro il presidente della Regione Puglia da parte nostra e analogamente sostegno politico da parte dei cosiddetti "genitori proDad". In realtà vorremmo sgombrare il campo dal secondo importante equivoco: nessuno di noi sta conducendo una battaglia allo scopo di far valere misteriose ragioni al di fuori di permettere che anche in Puglia sia garantito il diritto universale all’istruzione come previsto dalla Costituzione italiana, che non prevede alcuna arbitrarietà lasciata alla scelta delle singole famiglie».

Secondo l'associazione, l'introduzione della «libera scelta» voluta da Emiliano è soltanto un modo per «nascondere abilmente le deficienze del sistema che ruota intorno alla scuola pugliese: ovvero l’assenza di tracciamento e screening periodici e gli inesistenti investimenti dei trasporti, come peraltro ha riconosciuto con encomiabile candore lo stesso Presidente Emiliano in una recente dichiarazione».

 «Le nostre iniziative pertanto - spiega ancora Priosità alla scuola - non saranno da giudicarsi quale esito di un gruppo di pasdaran ciechi di fronte ai rischi per la salute (come pure siamo stati dipinti in alcune occasioni dallo stesso Governo Regionale) o caparbiamente legati ad un ritorno in presenza "senza se e senza ma". Non siamo neppure ingenui o velleitari, credendo che un presunto braccio di ferro, condotto alla fine dell'anno scolastico, possa offrire un sufficiente risarcimento alla presenza perduta; semmai si dovrà intendere la nostra iniziativa quale monito introdotto allo scopo di scongiurare una prosecuzione della scuola "a scelta" a settembre. In altre parole, tali iniziative, nel pieno rispetto delle prerogative della democrazia, non vogliono che svolgere il ruolo di richiesta di interventi immediati, mancanti fino ad oggi, rivolti al Governo Regionale affinché attivi ogni misura o strumento in suo potere perché la scuola pugliese torni a essere scuola italiana e che la grande tradizione pedagogica del nostro Paese – che, mediante la carta costituzionale, ha stabilito la centralità della scuola nel progresso dello Stato - rimetta finalmente radici anche in Puglia. Speriamo di aver chiarito finalmente il nostro pensiero nell’augurio che tornino presto serenità e normalità nella scuola pugliese, che ha bisogno di investimenti, dedizione, potenziamento e non certo deresponsabilizzazione istituzionale, come avvenuto con l’introduzione della scuola a scelta».

 

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su

Caratteri rimanenti: 400

LE RUBRICHE

Speciale Abbonamento - Scopri le formule per abbonarti al giornale quotidiano della Gazzetta
Gazzetta Necrologie