Mercoledì 10 Agosto 2022 | 13:33

In Puglia e Basilicata

Giunta

Regione Puglia, Barone (M5s) ha accettato assessorato al Welfare con riserva

Regione Puglia, Barone (M5s) ha accettato assessorato al Welfare con riserva

Crimi: «Il voto dei nostri iscritti in Puglia potrà poi confermare o meno questa scelta»

26 Gennaio 2021

Redazione online

BARI - «Abbiamo deciso di accettare di buongrado questa nomina perché in un momento critico come quello che sta vivendo tutto il nostro Paese, e di conseguenza anche la Regione Puglia, non potevamo lasciare vacante un assessorato così importante». Così la consigliera regionale del Movimento 5 Stelle, Rosa Barone, commenta la nomina ad assessore regionale al welfare, entrando di fatto nella giunta Emiliano.
«Come già annunciato dal nostro capo politico Vito Crimi, attendiamo sempre di conoscere il voto sulla piattaforma Rousseau, perché per noi il volere dei cittadini resta prioritario - prosegue -. Se nel caso il voto dovesse essere negativo sono pronta a rimettere il mandato». «Voto che - conclude Barone - dovrebbe essere espresso superata questa crisi di Governo. Nel mentre però iniziamo a lavorare»

CRIMI: «DECIDE REFERENDUM» - «Il nostro gruppo consiliare» in Puglia «ha adesso la possibilità di incidere maggiormente, entrando sia in maggioranza che nella giunta». Lo scrive su Facebook il capo politico reggente del M5S Vito Crimi, spiegando che la decisione sarà vincolata al risultato della consultazione online sulla piattaforma Rousseau.

«Ai nostri consiglieri è stato proposto un incarico da assessore regionale. La scelta sarà sottoposta al voto degli iscritti, che avverrà tra alcuni giorni. Tuttavia, è dall’atto della formazione della giunta pugliese che la giunta è priva di un assessore, e questa situazione non fa il bene dei cittadini pugliesi. Pertanto ho autorizzato i nostri consiglieri ad accettare la proposta, con riserva. Il voto dei nostri iscritti in Puglia potrà poi confermare o meno questa scelta, e la loro decisione sarà insindacabile». 

 

IL GOVERNATORE EMILIANO - «Esiste una buona politica - dichiara il presidente Emiliano - che parla di programmi, di persone, di scelte condivise. Che si ritrova su obiettivi comuni, stabiliti prima del voto e consacrati dalla legittimazione popolare, attraverso percorsi trasparenti, pubblici, rivolti solo ed esclusivamente al bene comune. L’allargamento della nostra Giunta al Movimento 5 Stelle nasce con questo spirito. Ringrazio la maggioranza di centro sinistra per aver accompagnato questo processo con lo sguardo sempre rivolto in avanti e animo costruttivo e inclusivo. E ringrazio il Movimento 5 Stelle, a cominciare dal capo politico Vito Crimi che oggi ha ripercorso i passi istituzionali e i valori comuni che ci hanno condotto sino a qui. Spero che questo percorso possa trovare adesso un’ulteriore spinta anche dalla base del Movimento, perché più uniti saremo, più forte sarà la voce della Puglia in Italia e in Europa. Siamo pronti a iniziare un confronto serrato non solo con le forze politiche di maggioranza ma anche con il popolo degli elettori che hanno consentito alla Puglia di proseguire il suo cammino rivoluzionario. Il popolo pugliese è un cervello collettivo che deve trovare continuo ascolto e condivisione nella sintesi della democrazia diretta, caratteristica delle liste civiche e del M5S, con la democrazia rappresentativa, incarnata dalle istituzioni e dai partiti. Sono pronto a girare la Puglia per incontrare anche coloro ai quali non abbiamo ancora saputo spiegare l’importanza per la Puglia e per l’Italia di questa sperimentazione politica umile e aperta».

BARONE: IN GIUNTA PER INTERESSE DEI PUGLIESI - Sono «legittime le polemiche» ma «non stiamo cambiando, come M5S entriamo in maggioranza con gli stessi principi di sempre": lo ha dichiarato la neo assessora al Welfare della Regione Puglia, Rosa Barone (M5S). Ieri Barone ha ricevuto la delega dal governatore Michele Emiliano, sancendo l'ingresso dei pentastellati in maggioranza, anche se l’accordo politico dovrà essere legittimato dal voto degli attivisti sulla piattaforma Rousseau. «Tutto è stato fatto - ha spiegato oggi Barone in una diretta su facebook - per gli interessi dei pugliesi, non c'è nessuna corsa alla poltrona. Questo non è l'assessorato di Rosa Barone, ma del M5S. Avremo la possibilità di incidere nella vita di chi ha disagio sociale, economico, disagio fisico. Potremo indicare la via politica per cambiare le vite di queste persone, fare del bene, un bene comune». Ha poi aggiunto: «Non abbiamo deciso noi, non abbiamo rincorso noi Emiliano. I vertici nostri con lo stesso Emiliano hanno pensato che si potesse aprire questa strada, noi abbiamo risposto sì a questa richiesta perché ci sembrava un atto di coraggio e di responsabilità». Infine, ha concluso: «Siamo in un momento storico diverso, la gente ha necessità di vedere soluzioni. Cercheremo di portare a termine quanto promesso nella campagna elettorale dall’interno delle istituzioni».

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Lascia un commento:

Condividi le tue opinioni su

Caratteri rimanenti: 400

Carica altre news...

 

PODCAST

 

PRIMO PIANO

 
 
 
 
- News dai Territori -
 
Editrice del Mezzogiorno srl - Partita IVA n. 08600270725