Lunedì 25 Gennaio 2021 | 14:50

NEWS DALLA SEZIONE

Il dramma
Coronavirus, a Foggia padre e figlio avvocati muoiono a una settimana di distanza

Coronavirus, a Foggia padre e figlio avvocati muoiono a una settimana di distanza

 
Il caso
Taranto, coppia ruba in un market e investe un dipendente: fermati

Taranto, coppia ruba in un market e investe un dipendente: fermati

 
L'intervista
Flavia Pennetta cuore di Puglia, ogni ritorno un brivido

Flavia Pennetta cuore di Puglia, ogni ritorno un brivido

 
il bollettino
Coronavirus, in Basilicata nel weekend 124 nuovi casi su 1110 tamponi. 7 decessi

Coronavirus, in Basilicata nel weekend 124 nuovi casi su 1110 tamponi. 7 decessi

 
nel Barese
Conversano, scempio in gravina: i bracconieri fanno strage di alberi

Conversano, scempio in gravina: i bracconieri fanno strage di alberi

 
Grandi manovre
I contiani di Puglia? Pronti alle urne

I contiani di Puglia? Pronti alle urne

 
L'intervista
Don Fortunato Di Noto: «Tik Tok è un social molto invasivo L’errore sul web è cedere privacy e identità»

Don Fortunato Di Noto: «Tik Tok è un social molto invasivo L’errore sul web è cedere privacy e identità»

 
Il caso
Foggia, ore d'ansia per un 29enne scomparso: l'appello sui social

Foggia, ore d'ansia per un 29enne scomparso: l'appello sui social

 
nel Tarantino
Massafra, in 4 aggrediscono e rapinano un 21enne: arrestati braccianti

Massafra, in 4 aggrediscono e rapinano un 21enne: arrestati braccianti

 
alla guida dell'arcidiocesi
Bari, è il giorno di Monsignor Satriano: alle 17 la prima messa in Cattedrale

Bari, è il giorno di Monsignor Satriano: alle 17 la prima messa in Cattedrale

 

Il Biancorosso

Il post-partita
Auteri incontentabile: «Dobbiamo migliorare»

Auteri incontentabile: «Dobbiamo migliorare»

 

NEWS DALLE PROVINCE

FoggiaIl dramma
Coronavirus, a Foggia padre e figlio avvocati muoiono a una settimana di distanza

Coronavirus, a Foggia padre e figlio avvocati muoiono a una settimana di distanza

 
TarantoIl caso
Taranto, coppia ruba in un market e investe un dipendente: fermati

Taranto, coppia ruba in un market e investe un dipendente: fermati

 
Barinel Barese
Conversano, scempio in gravina: i bracconieri fanno strage di alberi

Conversano, scempio in gravina: i bracconieri fanno strage di alberi

 
LecceL'iniziativa
«Io Posso»: il progetto solidale salentino compie 6 anni e festeggia con una tombolata social

«Io Posso»: il progetto solidale salentino compie 6 anni e festeggia con una tombolata social

 
PotenzaNel lagonegrese
In 9 col reddito di cittadinanza senza averne diritto: denunce nel Potentino, giocavano anche d'azzardo

In 9 col reddito di cittadinanza senza averne diritto: denunce nel Potentino, giocavano anche d'azzardo

 
Materanel Materano
Marconia, sorpresa a spacciare cocaina e hashish in casa: arrestata 65enne

Marconia, sorpresa a spacciare cocaina e hashish in casa: arrestata 65enne

 
Covid news h 24Emergenza contagi
Ceglie Messapica, focolaio Covid in un scuola media con 18 positivi: 13 studenti e 5 docenti

Ceglie Messapica, focolaio Covid in un scuola media con 18 positivi: 13 studenti e 5 docenti

 
Batviabilità
Andria, lavori infiniti sulla Sp 231 aumentano disagi e pericoli

Andria, lavori infiniti sulla Sp 231 aumentano disagi e pericoli

 

i più letti

L'emergenza

Covid, Puglia «promossa» in zona gialla. L' Iss: rischio resta alto. Basilicata resta arancione. Ecco cosa cambia

L'ordinanza, che sarà in vigore da dopodomani 6 dicembre, sta per essere firmata dal ministro della Salute, Roberto Speranza

Coronavirus, la Puglia resta zona arancione: Speranza firma proroga

Le regioni Emilia-Romagna, Friuli-Venezia Giulia, Marche, Puglia e Umbria passano da area arancione ad area gialla. Si rinnovano le misure restrittive vigenti relative alle regioni Abruzzo, Basilicata, Calabria, Lombardia e Piemonte.

E’ quanto si legge in una nuova ordinanza, relativa al contenimento del Covid-19, che sarà firmata dal ministro della Salute, Roberto Speranza. L'ordinanza sarà in vigore da dopodomani 6 dicembre.

La Puglia, dunque, passerà da zona arancione a gialla, una decisione che era nell’aria tanto che sia il governatore Michele Emiliano che l’assessore alla Sanità Pierluigi Lopalco avevano ipotizzato questa possibilità. Una scelta, quella del ministro per la Salute, Roberto Speranza, che arriva nonostante l’Istituto superiore della sanità, nella bozza del monitoraggio settimanale (23-29 novembre), inserisca ancora la Puglia tra le regioni a «rischio alto» assieme a Sardegna e Calabria.

Da domenica, dunque, si potrà uscire dal proprio comune, le attività dei servizi di ristorazione (fra cui bar, pub, ristoranti, gelaterie, pasticcerie) sono consentite dalle ore 5.00 fino alle ore 18.00; il consumo al tavolo è consentito per un massimo di quattro persone per tavolo, salvo che siano tutti conviventi: questo significa che si potrà andare a pranzo fuori anche a Natale e a Santo Stefano. 

Dopo le ore 18,00 è vietato il consumo di cibi e bevande nei luoghi pubblici e aperti al pubblico; resta consentita senza limiti di orario la ristorazione negli alberghi e in altre strutture ricettive limitatamente ai propri clienti, che siano ivi alloggiati; dalle ore 18.00 del 31 dicembre 2020 e fino alle ore 7.00 del 1° gennaio 2021, la ristorazione negli alberghi e in altre strutture ricettive è consentita solo con servizio in camera; resta sempre consentita la ristorazione con consegna a domicilio.

CENTRI COMMERCIALI - Restano invece chiusi anche in zona gialla, sia nelle giornate festive e, ad accezione di farmacie, parafarmacie, presidi sanitari, punti vendita di generi alimentari, tabacchi ed edicole che si trovano al loro interno.

Oggi in Puglia, però, si è registrato il record dei decessi: ben 72, di cui 21 in provincia di Bari, 8 nella Bat, 4 in provincia di Brindisi, 35 in provincia di Foggia, 2 in provincia di Lecce, 2 in provincia di Taranto. Due, invece, i dati confortanti: migliora la percentuale del rapporto positivi-test effettuati, e cala il numero dei ricoveri.

EMILIANO: «IL PERICOLO NON È AFFATTO SUPERATO - «La Puglia è zona gialla, questo significa che il nostro sistema sanitario ha retto l’ondata che nel solo mese di novembre ha portato a 35mila i nuovi contagi, quando in tutta la prima ondata erano stati poco più di 4mila».

Lo scrive su Facebook il governatore Michele Emiliano, dopo la notizia del passaggio della Puglia, il prossimo 6 dicembre, dall’area «arancione» a quella «gialla».

La Puglia «ha retto grazie alla programmazione fatta sulla rete ospedaliera - evidenzia Emiliano - che ci ha consentito di allargare man mano che ne abbiamo avuto necessità i posti letto, moltiplicando i reparti di terapia intensiva dedicati ai pazienti Covid, l’area medica e i posti letto cosiddetti post acuzie. Sicuramente è un segnale incoraggiante essere tra le regioni italiane classificate in area gialla, ma questo non vuol dire affatto che il pericolo sia superato: dobbiamo - avverte il governatore - mantenere sempre alta l’attenzione e rispettare le regole di prevenzione, perché il virus circola e va in ogni maniera contenuto, come lo stesso Istituto superiore di sanità ci dice di fare a causa dell’ancora elevato numero di contagi».

«Resta il dolore - conclude Emiliano - per un numero di morti assolutamente elevato e non ci consola il fatto di essere in media con le altre regioni italiane».  

BASILICATA, BARDI: «MERITIAMO LA ZONA GIALLA» - La Basilicata è zona arancione dallo scorso 11 novembre e, secondo la nuova ordinanza del ministro Speranza, resta tale.

«Abbiamo ulteriormente ampliato i posti per ricovero covid presso le strutture preposte e - ha aggiunto il governatore Bardi - rafforzato il monitoraggio avviando uno screening massicciò con test rapidi (20 mila su Potenza e 20 mila su Matera). Se le cose proseguiranno così, nei prossimi giorni è prevista anche la riapertura delle scuole».

Il presidente della Regione, ieri, ha disposto di estendere la didattica a distanza anche per le elementari e medie, avviata lo scorso 17 novembre, fino all’8 dicembre.
«I lucani ha ribadito Bardi - hanno risposto in maniera esemplare rispettando le regole e la Regione e gli enti locali - ha concluso - hanno fatto la loro parte in maniera efficace» 

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su

Caratteri rimanenti: 400

LE RUBRICHE

Speciale Abbonamento - Scopri le formule per abbonarti al giornale quotidiano della Gazzetta
Gazzettaffari - Portale di annunci de La Gazzetta del Mezzogiorno
Gazzetta Necrologie