Mercoledì 14 Aprile 2021 | 09:58

NEWS DALLA SEZIONE

La scoperta
Chili di droga in un terreno incolto: sequestro a Sannicandro di Bari

Chili di droga in un terreno incolto: sequestro a Sannicandro di Bari

 
Il caso
Covid 19, è allarme: così si spopola la scuola pugliese

Covid 19, è allarme: così si spopola la scuola pugliese

 
I dati per provincia
In Puglia superate le 815mila dosi somministrate: da domani il siero ai 77-76enni

In Puglia superate le 815mila dosi somministrate: da domani AstraZeneca ai 76enni e 77enni

 
Lotta al virus
Vaccini in Puglia, Emiliano scrive Figliuolo: «Anticipare con Pfizer. Da prossima settimana dosi a 60enni»

Vaccini, Emiliano scrive a Figliuolo: «Anticipare con Pfizer. Da prossima settimana dosi a 60enni»

 
Maltempo
Pazza primavera in Puglia: caldo nel Salento e grandine a Turi e Sammichele

Pazza primavera in Puglia: caldo nel Salento e grandine a Turi e Sammichele

 
Il bollettino nazionale
Coronavirus in Italia, 13.447 nuovi casi e 476 morti nelle ultime 24 ore

Coronavirus in Italia, 13.447 nuovi casi e 476 morti nelle ultime 24 ore

 
Il caso a Taranto
Mittal, operaio licenziato dopo post su Fb: Sabrina Ferilli gli offre un aiuto, ma lui rifiuta

Mittal, operaio licenziato dopo post su Facebook: Sabrina Ferilli gli offre un aiuto, ma lui rifiuta. Si apre il confronto

 
Tifosi in fermento
Puglia, un grande mercoledì di sport

Puglia, ecco un grande mercoledì di sport

 
La decisione
A Potenza fa troppo freddo, termosifoni accesi fino al 30 aprile: l'ordinanza

A Potenza fa troppo freddo, termosifoni accesi fino al 30 aprile: l'ordinanza

 
Lotta al virus
Vaccini Covid, Lopalco: «Puglia terz'ultima? Esaurite dosi Pfizer e Moderna. Forse aperture anticipate»

Vaccini Covid, Lopalco: «Puglia terz'ultima? Esaurite dosi Pfizer e Moderna. Forse aperture anticipate»

 
il bollettino
Coronavirus, in Puglia 1191 casi su 13mila test (9%), ma 54 morti in un giorno, 21 solo nel Barese

Coronavirus, in Puglia 1191 casi su 13mila test (9%), ma 54 morti in un giorno, 21 solo nel Barese

 

Il Biancorosso

Biancorossi con quattro diffidati
Verso Bari-Palermo: designazione arbitrale, giudice sportivo, ultime news

Verso Bari-Palermo: ecco l'arbitro

 

NEWS DALLE PROVINCE

FoggiaL'impatto
Foggia, scontro fra due auto: rallentamenti al traffico

Foggia, scontro fra due auto: rallentamenti al traffico

 
BariLa scoperta
Chili di droga in un terreno incolto: sequestro a Sannicandro di Bari

Chili di droga in un terreno incolto: sequestro a Sannicandro di Bari

 
BrindisiZona rossa
Brindisi, campagna contro l'abusivismo

Brindisi, campagna contro l'abusivismo

 
TarantoIl caso a Taranto
Mittal, operaio licenziato dopo post su Fb: Sabrina Ferilli gli offre un aiuto, ma lui rifiuta

Mittal, operaio licenziato dopo post su Facebook: Sabrina Ferilli gli offre un aiuto, ma lui rifiuta. Si apre il confronto

 
MateraIl progetto
Matera e l'Aizerbaijan sempre più vicine: siglato accordo di cooperazione

Matera e l'Aizerbaijan sempre più vicine: siglato accordo di cooperazione

 
PotenzaLa decisione
A Potenza fa troppo freddo, termosifoni accesi fino al 30 aprile: l'ordinanza

A Potenza fa troppo freddo, termosifoni accesi fino al 30 aprile: l'ordinanza

 
LecceLa speranza
Racale, mamma di Mauro Romano, scomparso nel '77: «È lo sceicco Al Habtoor»

Racale, mamma di Mauro Romano, scomparso nel '77: «È lo sceicco Al Habtoor»

 

i più letti

L'emergenza

La pandemia scatena gli «orchi» sulle chat : aumentano adescamenti e abusi online su minorenni

Il forzato uso delle tecnologie sta alimentando lo sfruttamento sessuale di bambini e adolescenti in internet

Torino, Pedopornografia, un leccese tra i 50 indagati

BARI - Fuggite fuggite, gli orchi son tornati. La pandemia produce mostri online e alimenta gli adescamenti, gli abusi e lo sfruttamento sessuale sui minorenni. È tornata a salire la richiesta di servizi erotici online, in video-chat e webcam durante le prime settimane di coprifuoco.

A questo fenomeno se ne sta associando un altro che vede sempre come vittime i minori e che riguarda la produzione e commercializzare di materiali pedopornografici.

In parole povere sta crescendo il numero dei pedofili alla ricerca di incontri «in diretta» così come di materiale multimediale da consumare nel segreto del proprio isolamento.

Il cybercrime, il crimine informatico connesso agli abusi e allo sfruttamento a luci rosse ha sviluppato nel tempo sempre maggiori capacità operative, fa ricorso a tecnologie più progredite ed efficaci ed ha fatto crescere del 30% la domanda già durante il primo lockdown.

Secondo i profili tracciati dalle unità di analisi del crimine telematico, a partire dai nuclei investigativi della Polizia Postale che proprio a Bari ha uno dei suo compartimenti più produttivi, oltre il 30% degli «offender» che sono in possesso di materiale pedopornografico, attivi negli scambi online e nella darknet è anche protagonista diretto nelle azioni di coercizione ed estorsione sessuale che coinvolgono i minori.

Non si tratta più solo di maniaci alla disperata ricerca di foto dal contenuto scabroso, immagini o video ritraenti bambini, bambine e adolescenti coinvolti in comportamenti sessualmente espliciti, reali o simulati, ma di stalker che cercano un contatto sempre più ravvicinato e prolungato nel tempo con le vittime e cercando di ottenere da loro del materiale filmato.

Questa seconda ondata della pandemia a Bari come altrove sta confinando i ragazzi in un nuovo isolamento seppure meno severo. Sono tornati ad ampliarsi i fattori e le condizioni di rischio che espongono alla pedopornografia online.

Ad esempio la diminuzione della supervisione dei genitori costretti a fronteggiate una emergenza che è anche economica. L’improvviso venire meno delle reti extra familiari a cui rivolgersi «in presenza», ad esempio la scuola. L’aumento delle ore trascorse davanti ad un computer, a un tablet o ad uno smartphone da parte di bambini, bambine e adolescenti. L’aumento di contenuti sessuali «autoprodotti» e scambiati, in modo consensuale tra ragazzi e ragazze, ma di cui si può facilmente perdere il controllo.

Infine l’utilizzo di nuovi canali di comunicazione che ha moltiplicato le forme di adescamento online. La Polizia postale ha denunciato un incremento dei reati relativi a pedopornografia e ricatti sessuali a danno di minori durante il primo periodo di emergenza coronavirus.

Tra il primo marzo e il 15 aprile ci sarebbe stato un raddoppio (51%) delle denunce relative alla pedopornografia online rispetto allo stesso periodo del 2019.
Per avere un’idea del fenomeno, secondo l’ultimo rapporto del network internazionale che mette insieme 46 hotlines (piattaforme attraverso le quali è possibile segnalare materiale pedopornografico online) le immagini ed i video illegali sono aumentati percentuale del 51%. Il 91% di questi contenuti coinvolgeva bambini e bambine al di sotto di 13 anni; l’80% delle vittime era costituito da bambine e ragazze.

A Bari le attività di indagine non si sono mai fermate e ora insieme al lavoro di intelligence viene rilanciato anche l’appello alle famiglie e ai ragazzi. L’educazione alla sessualità e all’affettività è fondamentale anche per prevenire forme di abuso e per permettere ai ragazzi di fare le scelte che migliorano la qualità della loro vita, anche online. Gestire la propria sessualità e affettività è un apprendimento che va supportato dagli adulti, ognuno con le proprie responsabilità.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su

Caratteri rimanenti: 400

LE RUBRICHE

Speciale Abbonamento - Scopri le formule per abbonarti al giornale quotidiano della Gazzetta
Gazzettaffari - Portale di annunci de La Gazzetta del Mezzogiorno
Gazzetta Necrologie