Lunedì 26 Settembre 2022 | 20:07

In Puglia e Basilicata

ELEZIONI POLITICHE 2022

Centrodestra

43,79%

Fratelli d'Italia con Giorgia Meloni


Forza Italia


Lega per Salvini Premier


Noi Moderati / Lupi – Toti – Brugnaro – UDC

Centrosinistra

26,13%

Partito Democratico – Italia Democratica e Progressista


Alleanza Verdi e Sinistra


Impegno Civico Luigi Di Maio – Centro Democratico


+Europa

Terzo Polo

7,79%

Azione – Italia Viva – Calenda

M5S

15,43%

Movimento 5 Stelle

Centrodestra

44,02%

Fratelli d'Italia con Giorgia Meloni


Forza Italia


Lega per Salvini Premier


Noi Moderati / Lupi – Toti – Brugnaro – UDC

Centrosinistra

25,99%

Partito Democratico – Italia Democratica e Progressista


Alleanza Verdi e Sinistra


Impegno Civico Luigi Di Maio – Centro Democratico


+Europa

Terzo Polo

7,74%

Azione – Italia Viva – Calenda

M5S

15,55%

Movimento 5 Stelle

 

la protesta

Odg e Assostampa Puglia: «Arpal ritiri bando addetti a comunicazione, si rischia abusivismo»

Odg e Assostampa Puglia: «Arpal ritiri bando addetti a comunicazione, si rischia abusivismo»

Non viene richiesta l'iscrizione all'Ordine

11 Agosto 2020

Redazione online

«L'Agenzia regionale per il Lavoro (Arpal) della Puglia revochi quanto prima il bando, pubblicato lo scorso 8 agosto, riguardante il reclutamento di 14 addetti alla comunicazione». E’ quanto chiedono in una nota Ordine dei giornalisti e Associazione della Stampa di Puglia «dopo aver sollecitato i vertici dell’Arpal a modificare l’avviso pubblico destinato alla gestione dei 'rapporti con i media'».
«Tra i requisiti di accesso previsti dal bando - evidenziano Odg e Assostampa - non viene prevista l’iscrizione all’Ordine. Di conseguenza chiunque risulti idoneo alle successive selezioni, non essendo né pubblicista né professionista, svolgerà quel lavoro pure non avendone l’abilitazione, e rischia pertanto di ricadere nell’abusivismo professionale». «Di certo - aggiungono - non sarà obbligato al rispetto delle regole deontologiche e della legge professionale che governano l'attività giornalistica, norme che tutelano sia il datore di lavoro - a maggior ragione se si tratta di un ente pubblico - sia i destinatari delle attività di comunicazione, che si tratti dei media o degli stessi cittadini».

«Colpisce - evidenziano Odg e Assostampa - anche il fatto che tra i requisiti non venga prevista alcuna esperienza professionale nel settore, magari certificata da un curriculum così come avviene in tutte le selezioni ad evidenza pubblica. Eppure le attività dell’Arpal dovrebbero essere considerate strategiche e, ancor di più, la loro efficace comunicazione in tutto il territorio da parte di professionisti del settore».
Ordine e Assostampa, «dopo aver sollecitato invano nei giorni scorsi il commissario straordinario dell’Arpal a trovare le opportune soluzioni, sono pronti ad azioni legali qualora il bando dovesse andare avanti, a tutela della dignità professionale di tutta la categoria».

COMMISSARIO AGENZIA CASSANO: MODALITA' SELEZIONE DETERMINATE DAL MINISTERO - Sul concorso per l’assunzione in Arpal Puglia di 14 addetti alla comunicazione, tra altre figure professionali, il commissario dell’Agenzia, Massimo Cassano, rileva in una nota «come le modalità di scelta previste nell’avviso pubblico, siano state determinate dal Ministero del Lavoro tramite un accordo siglato con le Regioni lo scorso anno». Ieri sia l’Ordine dei giornalisti di Puglia che l’Assostampa Puglia hanno criticato il bando, ritenendo che possa favorire l'abusivismo della professione giornalistica, e ne hanno chiesto la revoca. "Condivido - sottolinea Cassano - le perplessità espresse da Assostampa e Ordine dei Giornalisti di Puglia. Personalmente, viste anche le peculiarità strategiche dell’Arpal Puglia, mi sarei mosso diversamente ma, come detto, si tratta di linee guida stabilite in altra sede. La nostra Agenzia ne ha preso atto adeguandosi a quanto indicato». 

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Lascia un commento:

Condividi le tue opinioni su

Caratteri rimanenti: 400

Carica altre news...

 

PODCAST

 

PRIMO PIANO

 
 
 
 
- News dai Territori -
 
Editrice del Mezzogiorno srl - Partita IVA n. 08600270725