Giovedì 01 Ottobre 2020 | 17:37

NEWS DALLA SEZIONE

il bollettino
Coronavirus Italia, boom di nuovi casi, +2548. Aumentano i ricoveri (+61), 24 decessi

Coronavirus Italia, boom di nuovi casi, +2548. Aumentano i ricoveri (+61), 24 decessi

 
L'emergenza
Bari, un caso di Covid in scuola media Michelangelo: classe in quarantena

Bari, un caso di Covid in scuola media Michelangelo: classe in quarantena

 
il bollettino
Coronavirus, in Puglia 114 nuovi casi, 74 solo nel Barese. Un decesso a Foggia

Coronavirus, in Puglia 114 nuovi casi, 74 solo nel Barese. Un decesso nel Foggiano
A Foggia no a cibi e bevande all'aperto

 
Regione Puglia
Arif, il concorso fantasma per 110 assunzioni. C'è la delibera, non il bando. Csa: «Dichiarato il falso»

Arif, il concorso fantasma per 110 assunzioni. C'è la delibera, non il bando. Csa: «Attestato il falso»

 
La vicenda
Fidanzati uccisi a Lecce, gip convalida arresto: 21enne resta in carcere

Fidanzati uccisi a Lecce, gip convalida arresto: 21enne resta in carcere Killer scosso ma non pentito

 
nel Barese
Santeramo, insospettabile aveva in casa e in negozio droga e armi illegali: arrestato

Santeramo, insospettabile aveva in casa e in negozio droga e armi illegali: arrestato

 
Regione
Puglia, per i Consorzi di bonifica altri 24 milioni di buco

Puglia, per i Consorzi di bonifica altri 24 milioni di buco

 
Il caso
PopBari, le verità di Vito Fusillo: «Mi dissero: vendi, oppure fallirai»

PopBari, le verità di Vito Fusillo: «Mi dissero: vendi, oppure fallirai»

 
il bollettino
Coronavirus, in Basilicata 33 nuovi positivi su 939 tamponi. A Venosa scuole chiuse per 15 giorni

Coronavirus, in Basilicata 33 positivi su 939 tamponi. A Venosa scuole chiuse per 15 giorni

 
L'annuncio
Xylella, Coldiretti: a Monopoli gli ulivi infetti salgono a 60

Xylella, Coldiretti: a Monopoli gli ulivi infetti salgono a 60

 

Il Biancorosso

Biancorossi
Bari, la Coppa Italia finisce a Ferrara: 11 metri amari ma si torna a testa alta

Bari, la Coppa Italia finisce a Ferrara: 11 metri amari ma si torna a testa alta

 

NEWS DALLE PROVINCE

TarantoAmbiente
Taranto, cattivi odori da discarica: tutti assolti, ma è polemica

Taranto, cattivi odori da discarica: tutti assolti, ma è polemica

 
BariL'emergenza
Bari, un caso di Covid in scuola media Michelangelo: classe in quarantena

Bari, un caso di Covid in scuola media Michelangelo: classe in quarantena

 
LecceNel Salento
Galatina, nasce l'albo delle baby-sitter: sospiro di sollievo per i genitori

Galatina, nasce l'albo delle baby-sitter: sospiro di sollievo per i genitori

 
BatIl virus
Coronavirus, contatto con un positivo: chiuso Tribunale Trani per sanificazione

Coronavirus, contatto con un positivo: chiuso Tribunale Trani per sanificazione

 
PotenzaIndustria
Balvano, Ferrero raddoppia dopo il successo Nutella Biscuits

Balvano, Ferrero raddoppia dopo il successo Nutella Biscuits

 
Foggiatra carapelle e orta nova
Frontale fra due auto nel Foggiano: 7 feriti, alcuni in gravi condizioni

Frontale fra due auto nel Foggiano: 8 feriti, alcuni in gravi condizioni

 
Materadalla polizia
Matera, 81enne minaccia con fucile moglie, figlia e nipote di 12 anni: arrestato

Matera, 81enne minaccia con fucile moglie, figlia e nipote di 12 anni: arrestato

 
BrindisiLa vicenda
Ostuni, calunniò la dottoressa che aveva salvato la vita al padre

Ostuni, calunniò la dottoressa che aveva salvato la vita al padre

 

i più letti

LA TRUFFA

Puglia, appalti contro il dissesto: anche la Regione denunciò

«Truffati da due ingegneri»: ci sono altre indagini della Finanza

Appalti contro il dissesto: pure la regione denunciò

BARI - La gestione dei fondi per le opere contro il dissesto idrogeologico potrebbe nascondere un pantano ben più ampio - e addirittura più grave - rispetto a quanto emerso con l’inchiesta della Procura di Bari su possibili mazzette in cambio di appalti. Perché la stessa Regione, con l’assessore ai Lavori Pubblici, Gianni Giannini, e su impulso del commissario straordinario Elio Sannicandro, ha presentato in Procura a Bari almeno due esposti che riguardano tentativi di alterazione dei procedimenti amministrativi.

In ballo ci sono i 350 milioni di fondi statali e comunitari destinati alle opere che servono a evitare frane e inondazioni, un pericolo particolarmente presente in Puglia soprattutto in alcuni territori. E l’indagine del pm Claudio Pinto, che due settimane fa ha mandato la Finanza a perquisire gli uffici della Regione e le sedi di due imprese, riguarda alcuni lavori in provincia di Foggia: quelli aggiudicati alla Fratelli Di Carlo e la Icg di Lucera. L’inchiesta ipotizza i reati di corruzione e turbata libertà degli incanti a carico, tra gli altri, dei funzionari regionali Francesco Bitetto e Michele Tamborra (uno ha chiesto di andare in pensione, l’altro verrà destinato ad altro incarico), dei referenti delle due imprese, Antonio e Carmelisa Di Carlo, rispettivamente legale rappresentante e progettista, e del commissario Sannicandro che ha approvato gli atti degli appalti finiti nel mirino pur essendo stato nominato successivamente alla conclusione delle procedure. Il sesto indagato è un altro tecnico che avrebbe avuto un ruolo nella predisposizione degli atti finiti nel mirino. Dagli accertamenti svolti dalla Finanza, e partiti da un esposto, sarebbe emerso un vero e proprio elenco di gare con tanto di nomi dei funzionari: le perquisizioni, che hanno consentito di ritrovare anche somme di denaro, sono servite proprio a riscontrare questo sospetto.Una delle opere sotto esame riguarda i lavori del cimitero e della ex discarica comunale di Celle San Vito, aggiudicato a giugno 2018 alla Fratelli Di Carlo per circa 780mila euro. La stessa impresa, peraltro, ha vinto un ulteriore appalto proprio alcuni mesi fa.

Ma da tempo la stessa Regione aveva rilevato, sia tramite l’Anticorruzione che il commissario, da un lato il tentativo di accaparrarsi incarichi di progettazione e dall’altro quello di truffare lo Stato con varianti in corso d’opera fasulle, grazie ad accordi tra direttori dei lavori ed imprese emersi al momento del collaudo. Anche queste segnalazioni sono al vaglio della Procura di Bari, che tramite la Finanza - in parallelo ed in un altro fascicolo rispetto a quello sulle presunte mazzette - ha fatto acquisire documenti ed ha ascoltato persone tra cui i sindaci di alcuni Comuni del subappennino Dauno. Insieme alla denuncia in Procura, il commissario Sannicandro ha provveduto alla revoca degli incarichi professionali affidati a due ingegneri, a loro volta già sottoposti ad indagini da un’altra Procura pugliese, segnalando la circostanza anche all’Anac ai fini dell’inserimento nel casellario: situazione che impedisce l’assegnazione di altri appalti.

Insomma una situazione molto delicata e molto intricata. Il commissariamento per l’emergenza dissesto idrogeologico è stato voluto proprio per accelerare opere ritenute prioritarie, utilizzando procedure accentrate e parallele a quelle di Comuni e Province. I lavori procedono ma i tempi sono più lunghi di quelli immaginati nel 2010.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su

Caratteri rimanenti: 400

LE RUBRICHE

Speciale Abbonamento - Scopri le formule per abbonarti al giornale quotidiano della Gazzetta
Gazzettaffari - Portale di annunci de La Gazzetta del Mezzogiorno
Gazzetta Necrologie