Martedì 26 Maggio 2020 | 07:20

NEWS DALLA SEZIONE

L'intervista
Bari, parla Decaro, un anno da sindaco: «Ma il virus ha cambiato tutto»

Bari, parla Decaro, un anno da sindaco: «Ma il virus ha cambiato tutto»

 
L'ordinanza
Coronavirus in Basilicata, Bardi riapre da domani palestre e piscine

Coronavirus in Basilicata, Bardi riapre da domani palestre e piscine

 
Serie c
Bari calcio, Simeri: «Non vogliamo favori, ma solo giocare»

Bari calcio, Simeri: «Non vogliamo favori, ma solo giocare»

 
La richiesta
Penalisti Bari e il «Requiem della Giustizia», l'appello a Bonafede: «Dia segno che lo Stato c'è»

Penalisti Bari e il «Requiem della Giustizia», l'appello a Bonafede: «Dia segno che lo Stato c'è»

 
La lettera
Bari, l'appello di un commerciante: «Io e la mia famiglia guariti dal Covid, ora ci ucciderà la crisi»

Bari, appello di un commerciante: «Io e la mia famiglia guariti dal Covid, ora ci ucciderà la crisi»

 
Il siderurgico
ArcelorMittal, ministro Catalfo: «Massimo 10 giorni per soluzione definitiva». Ma all'ex Ilva resta stato d'agitazione

ArcelorMittal, Catalfo: «10 giorni per soluzione definitiva». I sindacati: «Stato entri in azionariato»

 
il dibattito
Giornata nazionale dei bimbi scomparsi: Mauro, Salvatore, molti i casi in Puglia. La diretta

Giornata nazionale dei bimbi scomparsi: molti i casi in Puglia. Segui la diretta

 
La richiesta
Crisi Gazzetta, l'appello di Svimez: «Imprenditori del Sud intervenite»

Crisi Gazzetta, l'appello di Svimez: «Imprenditori del Sud intervenite»

 
Il bollettino nazionale
Coronavirus Italia, 300 nuovi contagi: mai così pochi dall'inizio dell'epidemia. 92 i morti

Coronavirus Italia, 300 nuovi contagi: mai così pochi dall'inizio dell'epidemia. 92 i morti

 
Il caso
Mafia a Bari, uccise 16enne innocente, ora torna in cella: accusato di detenzione di armi

Mafia a Bari, uccise 16enne innocente, ora torna in cella: accusato di detenzione di armi

 
Fase 2
«A Capitolo andranno forte le pagode privé»

Prove per l'estate: a Capitolo andranno forte le pagode privé

 

Il Biancorosso

SERIE C

Il Bari vuole e prepara lo sprint. L’eventuale stop fa meno paura

 

NEWS DALLE PROVINCE

BariL'intervista
Bari, parla Decaro, un anno da sindaco: «Ma il virus ha cambiato tutto»

Bari, parla Decaro, un anno da sindaco: «Ma il virus ha cambiato tutto»

 
PotenzaL'ordinanza
Coronavirus in Basilicata, Bardi riapre da domani palestre e piscine

Coronavirus in Basilicata, Bardi riapre da domani palestre e piscine

 
TarantoLa provocazione
Taranto, i vucumprà si attrezzano contro il Coronavirus e vendono mascherine in spiaggia

Taranto, i vucumprà si attrezzano contro il Coronavirus e vendono mascherine in spiaggia

 
BrindisiSanità
Ospedale Ostuni, finiti i lavori a Chirurgia generale: restyling prosegue

Ospedale Ostuni, finiti i lavori a Chirurgia generale: restyling prosegue

 
FoggiaA Borgo Mezzanone
Covid 19, a Foggia distribuiti 1200 kit anticontagio ai migranti

Covid 19, a Foggia distribuiti 1200 kit anticontagio ai migranti

 
LecceIl rilancio del turismo
OTRANTO

La bellezza di Otranto d'estate in totale sicurezza: lo spot con Lele Spedicato

 
Batnella bat
Bisceglie, la polizia lo pizzica mentre nasconde tre kg di marijuana in garage: arrestato 26enne

Bisceglie, la polizia lo pizzica mentre nasconde tre kg di marijuana in garage: arrestato 26enne

 

i più letti

Tempo scaduto

Vaccini, in Puglia 12mila bimbi rischiano l'esclusione da nidi e materne

I dati dell'ultimo monitoraggio della Regione sui bimbi fino a 6 anni: il 7,2% non sarebbe in regola

vaccino

BARI - Sono quasi 12.600 i bambini pugliesi di età inferiore a sei anni non in regola con gli obblighi vaccinali, e (teoricamente) a rischio di esclusione da nidi e scuole dell’infanzia. È il dato che emerge dall’ultimo monitoraggio fatto dalla Regione: il 7,2% del totale non si è (probabilmente non ancora) sottoposto alle vaccinazioni obbligatorie.

Da quest’anno non esiste più la possibilità di autocertificare la vaccinazione, e dunque l’unico dato valido è quello che emerge dal sistema informatico Giava della Regione. «Ma - fa notare il capo del dipartimento Salute, Vito Montanaro - il numero degli inadempimenti non tiene conto di tutta la documentazione acquisita ma non registrata», come ad esempio gli esoneri dall’obbligo (chi è sottoposto a particolari tipi di cure non deve vaccinarsi) o la prenotazione dell’appuntamento nei centri vaccinali delle Asl. La Regione, in base al protocollo con l’Ufficio scolastico regionale, trasmette gli elenchi degli inadempienti: spetta alle scuole, poi, procedere all’esclusione dalla frequenza nei casi previsti. E considerando che gli asili dipendono dai Comuni, l’ultima parola è nei fatti in mano ai sindaci: spetta a loro stabilire la linea, e per il momento a quanto sembra non ci sono strappi.

«Teniamo presente - dice Michele Conversano, direttore del Dipartimento di prevenzione della Asl di Taranto - che in tantissimi vengono a vaccinarsi nel mese di settembre, e che inoltre scontiamo un problema di mobilità», perché i cambi di residenza prima dell’inizio dell’anno scolastico spesso non vengono registrati. Insomma, il dato reale potrebbe alla fine essere più basso del 7,2%. «L’obiettivo - conferma Conversano - è scendere sotto il 5, e negli anni scorsi abbiamo visto che la gran parte delle famiglie una volta sollecitate porta i figli a fare la vaccinazione».

Il ministero della Salute non dispone di un dato ufficiale, ma - a quanto sembra - la percentuale di inadempienti a livello nazionale non sarebbe lontana dal 5%. E considerando che non tutti i bambini nella fascia 0-3 anni è iscritta al nido (lo frequenta anzi meno del 50%), il numero delle esclusioni totali dagli asili non dovrebbe superare le 80mila unità. In Puglia, fatta la debita proporzione, si tratterebbe di circa 4mila bambini, ovvero un terzo di quelli che oggi risultano inademplienti. D’altro canto, però, questo è il primo anno in cui la legge Lorenzin (approvata nel 2017) viene applicata senza deroghe, perché pure nel 2018 il ministro Grillo aveva consentito l’autocertificazione inizialmente prevista solo per la prima volta. Ora, dunque, chi non è in regola deve andare fuori da scuola, e può rientrare non appena si vaccina.

Negli ultimi due anni la Puglia ha fatto molto sotto il profilo del recupero delle coperture vaccinali, ma il problema resta. I dati sull’obbligo nella fascia 0-6 anni dicono ad esempio che a Lecce (5,57%) va molto meglio che a Foggia (dove si sfiora il 10% degli inadempienti), mentre Bari è in linea con la media regionale. E il nodo non è tanto la vaccinazione esavalente che si somministra nel primo anno di vita, quanto la quadrivalente contro il morbillo che gli anti-vax considerano pericolosa: la scienza dice che non è così, ma spesso è difficile convincere le famiglie.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su

Caratteri rimanenti: 400

LE RUBRICHE

Speciale Abbonamento - Scopri le formule per abbonarti al giornale quotidiano della Gazzetta
Gazzettaffari - Portale di annunci de La Gazzetta del Mezzogiorno
Gazzetta Necrologie