Domenica 12 Luglio 2020 | 00:52

NEWS DALLA SEZIONE

Calcio serie A
Vigilia Cagliari-Lecce, Zenga: «È una squadra che ha sempre dato del filo da torcere a tutti»

Vigilia Cagliari-Lecce, Zenga: «Una squadra che dà filo da torcere a tutti»

 
Verso il voto
Regionali 2020, ministra Bellanova: «No a programma insieme il Pd» Boschi: «Scalfarotto tra i più rappresentativi»

Regionali 2020, Bellanova: «No a programma col Pd» Boschi: «Scalfarotto tra i più rappresentativi»

 
Bollettino nazionale
Coronavirus in Italia, in calo nuovi casi (+188) e deceduti (+7). 14 regioni con terapie intensive covid-free

Coronavirus in Italia, in calo nuovi casi (+188) e deceduti (+7). 14 regioni con terapie intensive covid-free

 
Verso il voto
Regionali 2020, ministra Catalfo: «M5s, nessuna trattativa in corso. Si corre da soli»

Regionali 2020, ministra Catalfo: «M5s, nessuna trattativa in corso. Si corre da soli»

 
calcio
Bari, si avvicina la sfida playoff, Simeri: «Daremo tutto»

Bari, si avvicina la sfida playoff, Simeri: «Daremo tutto»

 
«Regioni sicure»
Fase 3, protocollo sicurezza post Covid: l'idea da Latiano per un vademecum

Fase 2, protocollo sicurezza post Covid: il manuale delle Università pugliesi

 
Calcio
Lecce con due sardi nel motore e il forte Cagliari all'orizzonte

Lecce con due sardi nel motore e il forte Cagliari all'orizzonte

 
Vino
Primitivo di Manduria, stop di 3 anni a crescita dei vigneti

Primitivo di Manduria, stop di 3 anni a crescita dei vigneti

 
Calcio serie A
Lecce, «Prova di maturità contro il Cagliari»: Liverani sprona i suoi

Lecce, «Prova di maturità contro il Cagliari»: Liverani sprona i suoi

 
Il caso
Taranto, gambizza un pregiudicato in strada: fermato 42enne

Taranto, gambizza un pregiudicato in strada: fermato 42enne

 
Le dichiarazioni
Regionali 2020, Emiliano: «Lopalco candidato? I pugliesi dicano la loro» «Con M5s dialogo aperto»

Regionali 2020, Emiliano: «Lopalco candidato? I pugliesi dicano la loro» «Con M5s dialogo aperto»

 

Il Biancorosso

calcio
Bari, si avvicina la sfida playoff, Simeri: «Daremo tutto»

Bari, si avvicina la sfida playoff, Simeri: «Daremo tutto»

 

NEWS DALLE PROVINCE

BariI controlli
Bari, pesce non tracciato e ricci: sequestrati 3 quintali da Guardia costiera

Bari, pesce non tracciato e ricci: sequestrati 3 quintali da Guardia costiera

 
BatMusica
Piero Pelù torna in Puglia per Battiti Live: immortalato ai piedi di Castel Del Monte

Piero Pelù torna in Puglia per Battiti Live: immortalato ai piedi di Castel Del Monte

 
GdM.TVL'intervista
Racale, chi rapì il piccolo Mauro? La mamma: « Dopo 43 anni chiediamo la verità e che torni a casa»

Racale, chi rapì il piccolo Mauro? La mamma: « Dopo 43 anni chiediamo la verità e che torni a casa»

 
TarantoVino
Primitivo di Manduria, stop di 3 anni a crescita dei vigneti

Primitivo di Manduria, stop di 3 anni a crescita dei vigneti

 
FoggiaFurto e riciclaggio
Cerignola, sorpresi a smontare auto fuggono alla vista dei CC: 2 arrestati

Cerignola, sorpresi a smontare auto fuggono alla vista dei CC: 2 arrestati

 
PotenzaIstruzione
Basilicata, Medicina: manca solo la firma, dal 2021 qui 60 matricole

Basilicata, Medicina: manca solo la firma, dal 2021 qui 60 matricole

 
BrindisiCriminalità
Fasano, presto le ronde contro i furti nelle abitazioni

Fasano, presto le ronde contro i furti nelle abitazioni

 
MateraIl ritrovamento
Trafugata nel 2008 la scultura del cane di San Rocco torna in chiesa a Gorgoglione

Trafugata nel 2008 la scultura del cane di San Rocco torna in chiesa a Gorgoglione

 

i più letti

il preolimpico

Bari, Italvolley da batticuore: batte 3-2 l'Australia. Ora tocca all'armata serba

Questa sera gli azzurri si giocano il «pass» per Tokyo 2020

Bari, Italvolley da batticuore: batte 3-2 l'Australia. Ora tocca all'armata serba

BARI - La tela che disegna la partecipazione ai Giochi Olimpici di Tokyo 2020 è un sudario. L’Italia del volley fatica parecchio, nel secondo atto del torneo di qualificazione olimpica, per scalare le cime tempestose dell’Australia, sedicesima nel ranking internazionale e quattordicesima ai Mondiali 2018. Dodici dei quattordici canguroni giocano nel vecchio continente, non in un’Europa qualunque, in quella dell’Est che mangia pane e pallavolo da una vita: dalla Russia di Nizhnevartovsk (Lincon Williams), il migliore ieri sera dei suoi, alla Polonia campione del mondo di Zawiercie (Arshdeep Dosanjh).

Chiariamo. Non che Italvolley sia una collinetta, ma l’altezza media degli australiani, 199,5 centrimetri, supera quella azzurra, ferma a 197,3. E due centimetri, nella pallavolo, sono un Monte Bianco. Questo per dire che si sapeva che il sabato nel «villaggio» barese del PalaFlorio non sarebbe stata una passeggiata, come quella di venerdì contro il Camerun. E non è stato facile nemmeno per le condizioni nelle quali si è scesi in campo. L’impianto di aria condizionata è da vergogna (e i gestori non hanno nemmeno il buon gusto di mantenere accesi i riflettori che illuminano la tribuna stampa costretta a lavorare anche dopo il fischio della fine).

Se la bocciatura viene evitata è solo grazie al «clima umano» che spinge la nostra nazionale come vento in poppa. Sulle gradinate dove i tricolori sono tappezzeria costante, c’è tanta Puglia e molto Nord, c’è l’Unità di Italia che solo la passione azzurra e poco altro sanno garantire.

E allora di ieri sera c’è da raccontare il piglio giusto con il quale gli azzurri annullano la ferocia offensiva australiana. Siamo terzi nel ranking (preceduti solo da Brasile e Stati Uniti) e quinti al mondiale, dietro Polonia, Brasile, Stati Uniti e Serbia. Non è mica roba da poco.

Ma uno più uno non è somma algebrica scontata, meno che mai in una gara di qualificazione olimpica. Non solo c’era da garantirsi la seconda vittoria, ma bisognava farlo con la testa alla terza sfida, alla partitissima di stasera contro la Serbia che nel pomeriggio aveva asfaltato, con le seconde linee, la savana inceppata del Camerun. E per giunta, bisognava imbrigliare lo spavento del primo e terzo parziale, perso. L’impresa riesce.

La parità perfetta del primo set si trascina fino al 19-19. Poi, la luce azzurra si spegne. Attacchiamo di più. Ma l’Australia riceve meglio, soprattutto, sbaglia meno: 21-25
Si cresce sugli errori, no? La Banda Blengini gira senza distrazioni nel secondo set: 25-19, 1-1. È di nuovo buio 1-2 (24-26) dopo brividi di parità d’alto spettacolo. Ma anche nuova resurrezione: 2-2 (25-17). La lotteria tiebreak non è per deboli di cuore. Ma nella linea di battuta azzurra si picchia rendendo la palla un siluro. Giannelli pratica la varietà di soluzione che serve per approdare al tiro e continuare a sognare Tokyo. Non solo. Conquista il primo match point (14-12). È l’attacco di Juantorena a regalare il sorriso: 3-2 (15-13).

Stasera, sotto con la Serbia. Bisogna difendere casa come un castello e sfoderare il miglior guardaroba offensivo. Domenica di cinture allacciate. Fiato sospeso. E ventagli alla mano.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su

Caratteri rimanenti: 400

LE RUBRICHE

Speciale Abbonamento - Scopri le formule per abbonarti al giornale quotidiano della Gazzetta
Gazzettaffari - Portale di annunci de La Gazzetta del Mezzogiorno
Gazzetta Necrologie