Giovedì 20 Giugno 2019 | 01:21

NEWS DALLA SEZIONE

A Lecce
Giustizia svenduta a Trani, Savasta ammette dal gip: «È vero, ho sbagliato»

Giustizia svenduta a Trani, Savasta ammette dal gip: «È vero, ho sbagliato»

 
L'assessore regionale
Rifiuti, Borraccino frena sull'impianto di Pulsano: «Il Comune ci ripensi»

Rifiuti, Borraccino frena sull'impianto di Pulsano: «Il Comune ci ripensi»

 
Maltrattamento di animali
Trani, cane trascinato da un'auto, Bottaro: «Bestia non la passerai liscia»

Trani, cane trascinato da un'auto, Bottaro: «Bestia non la passerai liscia»

 
L'elezione
Bruxelles, Fitto presidente gruppo Ecr all'Europarlamento

Bruxelles, Fitto presidente gruppo «Ecr» all'Europarlamento

 
Le indagini
Bari, bancarotta società Gruppo Degennaro: 4 indagati

Bari, bancarotta per la società Gruppo Degennaro: 4 indagati

 
Il processo
Foggia, uccise la moglie a coltellate: condannato anche in appello all'ergastolo

Foggia, uccise la moglie a coltellate: condannato anche in appello all'ergastolo

 
Serie C
Bari, si aspettano gli annunci ufficialiE' cosa fatta per Kupisz, Kresic e Corapi

Bari calcio mercato: è quasi fatta per Kupisz, Kresic e Corapi

 
L'annuncio
Xylella, in arrivo primi 30 mln per rilancio olio Puglia

Xylella, in arrivo primi 30 mln per rilancio olio Puglia

 
Arcelor Mittal
ArcelorMittal: «Se decreto crescita resta così, impossibile gestire stabilimento»

Ex Ilva, «Se dl crescita resta così, impossibile gestire stabilimento»

 
Il caso
Rifiuti, Mennea (Pd) attacca l'Ager: fiumi di consulenze immotivate

Rifiuti, Mennea (Pd) attacca l'Ager: fiumi di consulenze immotivate, gestione caos
Opposizione: i sindaci che fanno?

 
Prevenzione
Incendi estivi: convenzione tra Basilicata e Vigili del Fuoco

Incendi estivi: convenzione tra Basilicata e Vigili del Fuoco

 

Il Biancorosso

L'INTERVISTA
Dazn e il Bari anche in serie CFunziona l'accordo in televisione

Dazn e il Bari anche in serie C: funziona l'accordo in televisione

 

NEWS DALLE PROVINCE

GdM.TVSere d'estate
Bari, anziani e karaoke: così ci si diverte a Pane e Pomodoro

Bari, anziani e karaoke: così ci si diverte a Pane e Pomodoro

 
BatMaltrattamento di animali
Trani, cane trascinato da un'auto, Bottaro: «Bestia non la passerai liscia»

Trani, cane trascinato da un'auto, Bottaro: «Bestia non la passerai liscia»

 
PotenzaUdienza a dicembre
Potenza, sfruttavano prostitute (anche una minore): processo per 9

Potenza, sfruttavano prostitute (anche una minore): processo per 9

 
BrindisiNel Brindisino
La storia dell'olio evo pugliese nel museo di Torre Santa Susanna

La storia dell'olio evo pugliese nel museo di Torre Santa Susanna

 
FoggiaIl processo
Foggia, uccise la moglie a coltellate: condannato anche in appello all'ergastolo

Foggia, uccise la moglie a coltellate: condannato anche in appello all'ergastolo

 
LecceEnoturismo
Suoni e Sapori del Salento: a Otranto premi e degustazioni

Suoni e Sapori del Salento: a Otranto premi e degustazioni

 
TarantoArcelor Mittal
ArcelorMittal: «Se decreto crescita resta così, impossibile gestire stabilimento»

Ex Ilva, «Se dl crescita resta così, impossibile gestire stabilimento»

 
MateraL'operazione
Caporalato, sequestri per 7 milioni nel Materano

Caporalato, sequestri per 7 milioni nel Materano: 4 imprenditori indagati

 

i più letti

Rendiconto

Regione Puglia: debiti in calo, nelle casse 1,5 miliardi

I conti 2018: sanità in equilibrio grazie a manovrina da 58 milioni

Regione Puglia: debiti in calo, nelle casse 1,5 miliardi

Le entrate correnti della Regione superano di 420 milioni la spesa, e anche tenendo conto degli investimenti il saldo positivo è di circa 320 milioni. In cassa c’è un miliardo e mezzo di liquidità, con debiti (in costante calo) pari a 1,527 miliardi. Sono gli indicatori principali del rendiconto 2018 che il Consiglio regionale sarà chiamato ad approvare subito dopo le elezioni. Un documento in cui assumono particolare importanza i conti della sanità: il 2018 ha chiuso infatti in attivo per circa 2 milioni, ma grazie ad un «aiutino» di 58 milioni prelevati dal bilancio autonomo.


«Numeri che confermano l’ottimo stato di salute dei conti - dice l’assessore al Bilancio, Raffaele Piemontese -, con una solida gestione finanziaria, un basso indebitamento e il riconoscimento da parte di Moody’s che ci ha attribuito il rating Baa3». Nel 2018 (le aliquote sono bloccate dal 2015) la Regione ha incassato 6,933 miliardi di tasse, di cui la fetta maggiore è la compartecipazione all’Iva: il bollo auto pesa per 422 milioni, le accise sui carburanti ne generano altri 399. Sul fronte delle spese, la Regione ha continuato a diminuire i costi di funzionamento, sia quelli del personale che quelli per uffici, auto e servizi generali: l’effetto più marcato si avrà nel 2019 (è stata dismessa la vecchia sede del Consiglio in via Capruzzi a Bari, che era in fitto, per il trasferimento nel nuovo palazzo di via Gentile), e ulteriori risparmi sono arrivati attraverso le gare per gli acquisti centralizzati.


Ma sono i conti della sanità (ancora non definitivi) a rivestire particolare importanza, anche perché sono al centro dell’esame dei ministeri di Economia e Salute per la chiusura del Piano operativo (il commissariamento soft). Il 2018 si è chiuso con un avanzo di 2,1 milioni, ottenuto grazie ai 50 milioni stanziati in sede di manovra e ad altri 8,5 milioni recuperati tra le pieghe del bilancio. Ma sui conti dello scorso anno pesano i 90 milioni per coprire i maggiori costi relativi al rinnovo dei contratti collettivi (e i relativi accantonamenti), gli altri 90 milioni relativi ai maggiori costi per i farmaci innovativi solo parzialmente equilibrati dai 43 milioni risparmiati sulla spesa farmaceutica attraverso le misure di contenimento. E, sempre a proposito di farmaci, il diktat ministeriale ha consentito alla Regione di iscrivere solo parzialmente i ricavi del payback (il meccanismo con cui a fine anno le case produttrici restituiscono quota parte del fatturato), nonostante le somme attese per gli anni 2017 e 2018 (attualmente sospese per via di un contenzioso nazionale) porterebbero il bilancio del sistema sanitario in avanzo per quasi 100 milioni di euro. In tutto questo, la Regione valorizza un indice di tempestività dei pagamenti (il tempo che trascorre dalla presentazione delle fatture) che a fine dicembre era a zero giorni: ma è un dato che le aziende fornitrici del sistema sanitario contestano, perché ottenuto - dicono - grazie al malvezzo degli ospedali di ritardare l’emissione degli ordini anche a mesi di distanza dall’effettiva consegna della merce ordinata

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su

Caratteri rimanenti: 400

LE RUBRICHE

Speciale Abbonamento - Scopri le formule per abbonarti al giornale quotidiano della Gazzetta
Gazzettaffari - Portale di annunci de La Gazzetta del Mezzogiorno
Gazzetta Necrologie