Sabato 13 Agosto 2022 | 23:20

In Puglia e Basilicata

Agricoltura

Graduatorie programma sviluppo rurale, Tar respinge ricorsi aziende pugliesi

agricoltura

Il commento di Leonardo Di Gioia: «Sentenza che restituisce onore alla Regione Puglia»

05 Aprile 2019

Redazione online

Il Tar Puglia ha dichiarato "improcedibili" i ricorsi presentati da decine di aziende agricole pugliesi inizialmente escluse dalla graduatoria della misura del Programma di sviluppo rurale 2014-2020 (Psr) per il "sostegno agli investimenti», in quando la Regione, in qualità di Autorità di gestione, ha provveduto a correggere la graduatoria, correggendo gli errori e includendo le aziende ricorrenti sulla base dei ricalcoli effettuati.


Prima dell’ultima udienza dello scorso 19 marzo 2019, infatti, la Regione ha depositato la deliberazione dell’Autorità di gestione con cui era stata modificata la graduatoria impugnata. «La Regione - si legge nella sentenza - ha condotto la verifica della correttezza dei dati e delle informazioni aziendali necessari per il calcolo del punteggio» e «ha avviato l'accertamento in contraddittorio nei confronti di 533 ditte», provvedendo, all’esito delle verifiche, ad approvare la nuova graduatoria. «La sentenza del Tar - commenta il presidente di Confagricoltura Bari-Bat, Michele Lacenere - serve a ridare serenità allo svolgimento della misura oggetto del contenzioso, oltre che alle altre misure strutturali e spero che, finalmente, la struttura dell’assessorato sia nelle condizioni di portare a termine questa operazione che potrà dare una boccata di ossigeno agli investimenti delle nostre aziende agricole».

«La sentenza del TAR restituisce onore alla Regione Puglia e al lavoro svolto in questi anni. Purtroppo molti, taluni perché in malafede altri per aver esasperato i contenziosi amministrativi, hanno limitato la nostra possibilità di esser veloci ed efficaci. Oggi con questa sentenza, che di fatto fa decadere tutte le pretese dei ricorrenti, riconosce la bontà delle procedure e delle istruttorie della Regione Puglia e ci conferma che il bando ha una logicità ed una corretta selettività». Lo dichiara l’assessore alle Risorse agroalimentari della Regione Puglia, Leonardo di Gioia, secondo il quale la «decisione ci permette di rimettere in pista in tempo utile le procedure al fine di poter essere ancora più performanti e utili al progresso della nostra agricoltura regionale».


«Confido che, con l’occasione, si possa finalmente ripristinare - sottolinea - un clima di fiducia nelle istituzioni e ridurre il clima di litigiosità tra operatori che ha caratterizzato gli ultimi mesi. In questo modo si potrà far sì che i beneficiari individuati possano completare gli investimenti in tempi rapidi e che si possano cogliere quanto prima le opportunità che arriveranno dai nuovi bandi, dove tutti gli esclusi potranno trovare nuove occasioni. Oggi parte un nuovo inizio per la nostra agricoltura».

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Lascia un commento:

Condividi le tue opinioni su

Caratteri rimanenti: 400

Carica altre news...

 

PODCAST

 

PRIMO PIANO

 
 
 
 
- News dai Territori -
 
Editrice del Mezzogiorno srl - Partita IVA n. 08600270725