Mercoledì 24 Aprile 2019 | 20:23

NEWS DALLA SEZIONE

Il caso
Stupro in Cara Bari, in carcere sesto uomo gang nigeriana

Stupro in Cara Bari, in carcere sesto uomo gang nigeriana

 
Verso il 26 maggio
Bari, due sondaggi sulle comunali: «Decaro vince al primo turno», «Ballottaggio con Di Rella»

Bari, due sondaggi sulle comunali: «Decaro vince al primo turno», «Ballottaggio con Di Rella»

 
A Bari
Concessione spiaggia Torre Quetta: rinvio a giudizio per 3 indagati

Concessione spiaggia Torre Quetta: rinviati a giudizio 3 indagati

 
Serie C
Bari calcio, «San Nicola» boom boom: festa della resurrezione

Bari calcio, «San Nicola» boom boom: festa della resurrezione

 
Elezioni in vista
A Bari e a Lecce ecco i nomi dei «figli d'arte» nelle liste politiche

A Bari e a Lecce ecco i nomi dei «figli d'arte» nelle liste politiche

 
Primo caso a Sud
Taranto, operata di tumore al cervello mentre suona il violino

Taranto, operata di tumore al cervello mentre suona il violino

 
Nel quartiere San Paolo
Bari, col fratello fa irruzione in casa e aggredisce ex moglie: arrestati

Bari, col fratello fa irruzione in casa e aggredisce ex moglie: arrestati

 
Stalking
Francavilla, non accetta la relazione dell'ex e aggredisce lui e la compagna: arrestata

Francavilla, non accetta la relazione dell'ex e aggredisce lui e la compagna: arrestata

 
emergenza in puglia
Xylella nel Barese, Noci firma l'ordinanze per bloccare il batterio

Xylella nel Barese, Noci firma l'ordinanza per bloccare il batterio

 
La visita
Ex Ilva, Di Maio a Taranto: scatta il sit in oltre la zona rossa

Ex Ilva, Di Maio a Taranto: «Mai pensato di chiudere lo stabilimento» 
Associazioni vanno via: «È teatrino»

 
La festa non autorizzara
Taranto, si sballano a rave party: 17 denunciati, tra loro un minorenne

Taranto, si sballano a rave party: 17 denunciati, tra loro un minorenne

 

Il Biancorosso

L'ALLENATORE
"La vittoria più bella? Quella ad Acireale"Cornacchini: "Le difficoltà ci saranno sempre"

"La vittoria più bella? Quella ad Acireale"
Cornacchini: "Le difficoltà ci saranno sempre"

 

NEWS DALLE PROVINCE

BariIl premio
Mafia, scuola barese vince concorso Fondazione Falcone

Mafia, scuola barese vince concorso Fondazione Falcone

 
TarantoAmbiente ferito
Ex Ilva, mamma ragazzo morto di cancro: «Non stringo la mano a Di Maio»

Ex Ilva, mamma ragazzo morto di cancro: «Non stringo la mano a Di Maio»

 
LecceTecnologia
Lecce, ecco Dumbo: miniescavatore radiocomandato che pulisce le vasche Aqp

Lecce, ecco Dumbo: miniescavatore radiocomandato che pulisce le vasche Aqp

 
BatLavoro
Barletta, sindacati soddisfatti: stop licenziamenti alla Timac

Barletta, sindacati soddisfatti: stop licenziamenti alla Timac

 
FoggiaL'intervista
Giannini: «Al treno-tram la Regione ha rinunciato»

Giannini: «Al treno-tram Foggia-Manfredonia la Regione ha rinunciato»

 
BrindisiStalking
Francavilla, non accetta la relazione dell'ex e aggredisce lui e la compagna: arrestata

Francavilla, non accetta la relazione dell'ex e aggredisce lui e la compagna: arrestata

 
MateraIn fiamme
Matera, divampa un incendio ferito un carabiniere

Matera, divampa un incendio ferito un carabiniere

 
PotenzaIl nuovo volto della regione
Basilicata, Bardi prende tempo: giunta dopo i 10 giorni

Basilicata, Bardi prende tempo: giunta dopo i 10 giorni

 

Le compensazioni

Tap, Conte su rifiuto 30 mln sindaco Meledugno. «Schiaffo a comunità». «Non voglio quei soldi»

Botta e risposta tra premier e primo cittadino Potì: si tratta di misure di rilancio. La replica: non voglio soldi di multinazionale

Presunti reati ambientali in cantieri Tap: 15 indagati

Un pacchetto di 30 milioni per i territori che hanno dovuto accettare l’approdo del gasdotto Tap che collegherà l’Azerbaijan all’Italia con sbocco sulla splendida spiaggia salentina di Melendugno. Non un risarcimento, non una compensazione, ma un investimento per il rilancio.

«Con la comunità di Melendugno ci ho messo la faccia, sono stato chiaro. Come responsabile dell’autorità di governo, ho l’obbligo - spiega Conte - di pensare a misure per il rilancio di quella comunità. Queste misure stanno arrivando. Ho un pacchetto. Ho invitato il sindaco a confrontarsi, perché lui ha una grande responsabilità. Gli ho detto di venire, ha declinato l’invito. Lo ritengo uno schiaffo non al presidente del Consiglio, ma alla comunità locale».

«Io ora - aggiunge il premier - senza l’interlocuzione con il sindaco, avendo raccolto i vari esponenti delle comunità locali, diffonderò quelle che sono misure di rilancio. Sto parlando di 30 milioni di investimenti per la comunità locale». Anche sull'Ilva e su Taranto, ancora alle prese con le immutate problematiche ambientali, il premier è stato chiaro: «Siamo perfettamente consapevoli che il problema della salute permane. Dobbiamo cercare di intervenire ancora più efficacemente» perché il «problema di Taranto è serio».

Intanto, il primo cittadino di Melendugno sottolinea che L’invito del premier Conte «mi è arrivato agli inizi di marzo, con una telefonata da Palazzo Chigi. Ho personalmente parlato con lui e ho dato la mia disponibilità a recarmi a Roma solo se le somme prospettate fossero state pubbliche. Lui mi ha chiarito che lo Stato non può impegnare quelle cifre e che i soldi sono di Tap. Gli ho garbatamente detto che non ci pare giusto accettare soldi da chi sta distruggendo il nostro territorio. Qualche giorno dopo, gli ho scritto una lettera per argomentare meglio il fatto che per me è una scelta di coerenza non accettare compensazioni».
«Mi aveva pregato di tenere la notizia riservata. Oggi - rileva Potì - scopro che ne parla alla prima occasione in visita a Lecce, mettendola sul piano di uno sgarbo istituzionale . Posso dire che io sono stato corretto con lui , non mi pare di poter dire lo stesso». "Quando, la scorsa estate, sono andato a Roma - spiega Potì - mi disse che se ci fossero state irregolarità sulle procedure avrebbero fermato il gasdotto. Bene, gli ricordo allora che al momento sono ancora in corso più inchieste della magistratura. Noi ci aspettiamo che lui faccia l’avvocato degli italiani e non delle multinazionali».

BELLANOVA (PD) "NOI ABBIAMO LASCIATO 50 MLN IN SALENTO" - «Dopo un lavoro per nulla semplice avevamo lasciato sul Tavolo del Governo un fascicolo che con chiarezza indicava somme e obiettivi. Precisamente oltre 50milioni di euro in termini di investimenti aggiuntivi finalizzati alla realizzazione di un centro di eccellenza mondiale per la decarbonizzazione con il supporto della Commissione europea e di aziende leader globali nella green economy, interventi per la tutela ambientale e la ricerca sull'emergenza xylella, infrastrutture per la mobilità sostenibile e ciclabilità, formazione d’eccellenza, efficientamento energetico. Adesso il Presidente Conte viene in Salento e contrabbanda come chissà quale risultato ottenuto 30milioni di ristori su Tap a disposizione del territorio salentino». Lo afferma in una nota la senatrice del Pd Teresa Bellanova, che è stata viceministro dello sviluppo economico nei precedenti governi.
«Dunque- aggiunge - esattamente 20milioni di euro in mano rispetto a quanto già condiviso al Tavolo da noi voluto e insediato negli anni scorsi a Palazzo Chigi con la presenza di più Ministeri (Mise, Ambiente, Coesione sociale), organizzazioni sindacali e datoriali, istituzioni territoriali, dove era già stato definito il programma lasciato in eredità a chi ci è succeduto ma di cui evidentemente si è perduta traccia e memoria». «Poiché non siamo ingenui né stupidi - aggiunge - chiediamo, e lo faremo anche con una interrogazione parlamentare: il Governo ha ritenuto troppi 50milioni per il Salento o ha ritenuto di dover favorire Tap scontando 20milioni?
Cos'è accaduto, una trattativa ombra? Noi le cose le abbiamo fatte alla luce del sole, ed è tutto nero su bianco».

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su

Caratteri rimanenti: 400