Giovedì 19 Settembre 2019 | 21:03

NEWS DALLA SEZIONE

Gli allenamenti
Lecce-Napoli, differenziato per Meccariello e Dell'Orco

Lecce-Napoli, differenziato per Meccariello e Dell'Orco

 
Nel Salento
Nardò, rubava da negozio di elettronica insieme alla figlia di 8 anni: arrestato

Nardò, rubava da negozio di elettronica insieme alla figlia di 8 anni: arrestato

 
Le dichiarazioni
Emiliano: «Felice per candidatura Elena Gentile alle primarie del centrosinistra»

Emiliano: «Felice per candidatura Elena Gentile alle primarie del centrosinistra»

 
Nel tarantino
Martina Franca, asinelli incatenati e feriti: denunciato allevatore

Martina Franca, asinelli incatenati e feriti: denunciato allevatore

 
ambiente
Taranto, incendio in impianto autodemolizioni: colonna di fumo nero

Taranto, incendio in impianto autodemolizioni: colonna di fumo nero

 
L'allarme
Xylella, vertice a Roma. Bellanova: «Accelerare investimenti per rilancio»

Xylella, vertice a Roma, Bellanova: «Accelerare investimenti per rilancio»

 
trasporti
Bari - Milano, presentato nuovo treno Frecciagento, cresce il comfort sulla linea Adriatica

Bari - Milano, presentato nuovo treno Frecciagento, cresce il comfort sulla linea Adriatica

 
Nel tarantino
Massafra, nigeriano si denuda in strada e sputa contro le auto di passaggio: arrestato

Massafra, nigeriano si denuda in strada e sputa contro le auto di passaggio: arrestato

 
L'accordo
Polis Avvocati, ecco l'alleanza per lo sviluppo territoriale: parla il penalista Laforgia

Polis Avvocati, ecco l'alleanza per lo sviluppo territoriale: parla il penalista Laforgia

 
Tentato omicidio
Matera, lite per le spese del picnic, 31enne accoltella cognato: arrestato

Matera, lite per le spese del picnic, 31enne accoltella cognato: arrestato

 
Nella notte
Bari, furto in stazione di servizio con inseguimento: 2 arresti e 2 ricercati

Bari, furto in stazione di servizio con inseguimento: 2 arresti e 2 ricercati

 

Il Biancorosso

Serie C
Il Bari si dà una mossa: mini-ciclo per la svolta

Il Bari si dà una mossa: mini-ciclo per la svolta

 

NEWS DALLE PROVINCE

LecceNel Salento
Nardò, rubava da negozio di elettronica insieme alla figlia di 8 anni: arrestato

Nardò, rubava da negozio di elettronica insieme alla figlia di 8 anni: arrestato

 
TarantoNel tarantino
Martina Franca, asinelli incatenati e feriti: denunciato allevatore

Martina Franca, asinelli incatenati e feriti: denunciato allevatore

 
PotenzaSul raccordo Potenza-Sicignano
Furgone portavalori si schianta sul guardrail nel Potentino: un ferito

Furgone portavalori si schianta sul guardrail nel Potentino: un ferito

 
MateraTentato omicidio
Matera, lite per le spese del picnic, 31enne accoltella cognato: arrestato

Matera, lite per le spese del picnic, 31enne accoltella cognato: arrestato

 
BatLa proposta
Barletta, un'app sui cellulari per segnalare i cattivi odori

Barletta, un'app sui cellulari per segnalare i cattivi odori

 
Foggianel foggiano
Cerignola, polizia scopre autorimessa centrale del riciclaggio: 3 arresti

Cerignola, polizia scopre autorimessa centrale del riciclaggio: 3 arresti

 
BrindisiNel Brindisino
Villa Castelli, il paese festeggia la prima unione civile

Villa Castelli, il paese festeggia la prima unione civile

 

i più letti

A Melendugno

Gasdotto Tap, riprendono i lavori in cantiere: sospesa l'ordinanza

Per il Tar Lazio: l’istanza del Comune ha ormai perso la propria efficacia

Tap, sospesi fino a lunedì i lavori di espianto degli ulivi

MELENDUGNO - Gasdotto, i lavori nel cantiere Tap di San Basilio possono ripartire. Il Tar Lazio ha dichiarato improcedibile l’istanza cautelare di sospensione del provvedimento con cui il sindaco di Melendugno, Marco Potì, vietò l’emungimento dai pozzi dell’area e le attività nel cantiere dopo che erano stati riscontrate nella falda sostanze al di sopra dei parametri previsti per legge, fra cui il cromo esavalente.

Un provvedimento che Tap aveva impugnato, chiedendone la sospensione e l’annullamento. Ieri è stata pubblicata l’ordinanza del Tar Lazio che ha dichiarato improcedibile la richiesta di Tap, in quanto è terminato il periodo di validità del provvedimento emesso dal sindaco del comune salentino, che si batte da tempo contro la realizzazione del gasdotto con approdo a San Foca (Melendugno, nel Leccese). Nell’ambito del ricorso presentato, il Tar Lazio aveva chiesto, però, ad Arpa Puglia una relazione dettagliata sulle analisi effettuate negli ultimi mesi. Il primo cittadino aveva, infatti, emesso l’ordinanza di divieto delle attività nel cantiere dopo che erano stati riscontrati superamenti di alcuni parametri (arsenico, nichel, cromo esavalente e manganese) rispetto ai valori limite di accettabilità delle concentrazioni delle soglie di contaminazione (Csc) fissati dalla legge. La Provincia di Lecce aveva istituito anche un tavolo tecnico, con gli enti competenti, in cui fu concordato un protocollo operativo di indagini per individuare l’origine dello stato di potenziale contaminazione. «Non ho rinnovato l’ordinanza in quanto i valori della falda sono rientrati nella norma – dice il sindaco, Marco Potì - Dalla relazione di Arpa emerge, però, che quel tipo di inquinamento non è dovuto alle caratteristiche del terreno. Non conosciamo ancora gli esiti degli esami sul cemento utilizzato durante i lavori – aggiunge – sappiamo, però, che una concentrazione maggiore di cromo esavalente è stata rilevata tra i campioni prelevati nelle acque dell’area conci, vicino al pozzo di spinta. Il comportamento dell’amministrazione – aggiunge - è stato, dunque, corretto, in quanto si è cercato, in via precauzionale, di evitare danni alla salute»

Il Comune ha chiesto, ora, un parere ad Arpa sull’opportunità, o meno, di riprendere i lavori nel cantiere. «Chiediamo anche alla Provincia – aggiunge Potì - di riconvocare il tavolo tecnico, indetto a luglio, per approfondire la questione». Le richieste del primo cittadino sono state inviate, per conoscenza, anche alla Procura di Lecce che ha aperto un’inchiesta sul presunto inquinamento della falda dopo un esposto presentato dal sindaco, nel luglio scorso.
Intanto, le proteste non si fermano. Questa mattina a Melendugno si terrà un corteo No Tap, al quale hanno aderito diversi artisti. La manifestazione è stata organizzata in concomitanza della «Giornata internazionale contro le grandi opere inutili e imposte e per la difesa del pianeta». Prenderanno parte anche gli amministratori dei comuni che da sempre si battono contro la realizzazione dell’infrastruttura energetica con approdo nel Salento.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su

Caratteri rimanenti: 400

LE RUBRICHE

Speciale Abbonamento - Scopri le formule per abbonarti al giornale quotidiano della Gazzetta
Gazzettaffari - Portale di annunci de La Gazzetta del Mezzogiorno
Gazzetta Necrologie