Venerdì 16 Novembre 2018 | 08:19

NEWS DALLA SEZIONE

La tragedia di Andria
Scontro treni, Ferrotramvia: rispettate norme sicurezza, risarciti già 16 mln

Scontro treni, Ferrotramviaria: rispettate norme sicurezza, risarciti già 16 mln

 
La vertenza
Ex Om, gli operai davanti al Ministero cantano l'ìnno di Mameli

Ex Om, gli operai al Ministero cantano l'inno di Mameli Vd

 
L'annuncio
Nuove 171 assunzioni entro febbraio in arrivo nel Comune di Bari

Bari, entro febbraio nuove 171 assunzioni in arrivo in Comune

 
L'omicidio
Foggia, ucciso in una sparatoria affiliato del clan Moretti

Foggia, freddato nel bar davanti ai videogiochi affiliato al clan Moretti
Vd/ Le urla del figlio: «Papà, papà»

 
Le indagini
Mafia e scommesse online, per il gip «Vitino l'Enel e figli erano pronti a fuggire»

Mafia e scommesse online, per il gip «Vitino l'Enel e figli erano pronti a fuggire»

 
Serie B
Tabanelli, la pedina fissa sullo scacchiere Lecce

Tabanelli, la pedina fissa sullo scacchiere Lecce

 
Serie B
Ricorso accolto, Foggia tira il fiato e spera di riottenere da 2 a 4 punti

Ricorso accolto, Foggia tira il fiato
e spera di riottenere da 2 a 4 punti

 
La decisione
Gasdotto Tap, il Tar conferma lo stop lavori a San Basilio

Gasdotto Tap, il Tar conferma lo stop lavori a San Basilio

 
Trasporti
Fal, entro il 2019 da Bari a Matera in un'ora di treno

Fal, entro il 2019 da Bari a Matera in un'ora di treno

 
Le indagini
Andria, sequestrato patrimonio per oltre 500mila euro a due coniugi

Andria, sequestrato patrimonio per oltre 500mila euro a due coniugi

 
Nell’ex convento Francescani Neri
Specchia, nasce la «Casa di Noemi» per contrastare la violenza e il bullismo

Specchia, nasce la «Casa di Noemi» per contrastare la violenza e il bullismo

 
Gazzettaffari - Portale di annunci de La Gazzetta del Mezzogiorno

Investimenti tecnologici

5G, Bari e Matera senza fondi: stralciati i 20 milioni per le città

Il governo taglia i 10 milioni già stanziati per ciascuna città. Boccia (Pd): «Si torni indietro»

Francesco Boccia

BARI - Con un colpo di spugna, il Ministero per lo Sviluppo Economico ha dirottato 95 milioni di euro dalla sperimentazione del 5G, la nuova frontiera della tecnologia mobile, allo sviluppo di altri settori emergenti. Un «cambio di destinazione» o una «rimodulazione», attraverso il Cipe (Comitato interministeriale per la programmazione economica), che però rischia di far pagare un prezzo estremamente salato a quelle città già da tempo impegnate nella sfida della comunicazione di quinta generazione.

A pagare dazio saranno in particolare Bari, Matera, Milano, Prato e L’Aquila con dieci milioni a testa di investimenti pubblici «lavati via» dalla nuova strategia del governo gialloverde che ha giudicato le sperimentazioni pre-commerciali del 5G «in fase ormai avanzata». Al punto, da non giustificare il mantenimento delle risorse previste. Fuori il 5G, dunque, e dentro la diffusione, si apprende da una nota del Mise, dei servizi in Wi-Fi sul territorio nazionale, l’incentivo alla ricerca su Blockchain, Intelligenza artificiale e Internet delle cose, nonché, in generale, quanto possa favorire il perseguimento degli obiettivi posti dal Piano Strategico per la Banda Ultra Larga (Bul).

Scelte di merito, come ovvio, che però pongono non pochi problemi a chi si era già incamminato su un sentiero diverso. «Parliamo di un taglio gravissimo - denuncia il deputato pugliese e candidato alle primarie del Partito democratico, Francesco Boccia - perché l’esecutivo ha ridefinito la destinazione di fondi già stanziati, intaccando processi ormai in corso. Parliamo di risorse preziose - prosegue Boccia - per potenziare alcune sperimentazioni pubbliche che coinvolgono enti locali, università, camere di commercio, piazze e luoghi pubblici. Sul tavolo rimangono solo gli investimenti dei privati e non mi pare siano previste misure compensative per rimediare a quanto successo». Sul tema è tornato anche il sindaco di Bari e presidente Anci, Antonio Decaro: «Togliere gli ulteriori finanziamenti al 5G significa togliere il futuro al nostro territorio - attacca -, significa interrompere il lavoro di sinergia finora sviluppato tra grandi multinazionali, piccole medie imprese del territorio, istituzioni, politecnico e università. E dire che, in occasione della Fiera del Levante, avevamo illustrato i progetti al ministro Di Maio. Faremo certamente opposizione».

La questione però, sollevata in prima battuta proprio da Boccia («se non avessi fatto baccano io non l’avrebbe fatto nessuno», commenta il deputato) è destinata a non chiudersi qui con Prato, Milano e L’Aquila pronte ad aggregarsi alla protesta partita da Sud. «Mi piacerebbe sapere - conclude il dem - cosa pensano della faccenda i deputati leghisti e pentastellati eletti a Bari. Da loro, per il bene del territorio, dovrebbe partire la contestazione a tagli sugli investimenti privi di ogni motivazione».

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su

Caratteri rimanenti: 400