Mercoledì 23 Gennaio 2019 | 02:36

NEWS DALLA SEZIONE

La denuncia
Rissa dopo riunione mercato Bari, presidente Fiva: «Mi hanno spinto»

Rissa dopo riunione mercato Bari, presidente Fiva: «Mi hanno spinto»

 
Dal Montenegro in Puglia
Contrabbando bionde in Puglia, dopo 25 anni prescritta anche associazione mafiosa

Contrabbando bionde in Puglia, dopo 25 anni prescritta anche associazione mafiosa

 
L'iniziativa
Bari, mercato di via Napoli vicino al cimitero: c'è il progetto

Bari, mercato di via Napoli vicino al cimitero: c'è il progetto

 
La decisione
Regione, Emiliano conferma Di Gioia: è di nuovo assessore all'Agricoltura

Regione, Emiliano conferma Di Gioia: è di nuovo assessore all'Agricoltura. M5S: «È una sceneggiata»

 
il salvataggio dell'Aeronautica
Foggia, bimba in pericolo di vita trasportata d'urgenza con Falcon 50 Aeronautica

Foggia, bimba in pericolo di vita trasportata d'urgenza con Falcon 50

 
IL BARLETTANO DAGOSTINO
Fatture false, il «re degli outlet» valuta se usare pace fiscale

Fatture false, il «re degli outlet» valuta se usare pace fiscale

 
Per stalking
Picchiata perché russava e minacciata con video osé da pubblicare online: barese fa arrestare l'ex marito

Picchiata perché russava e minacciata con video osé da diffondere: barese fa arrestare ex marito

 
Il caso
Bari, nuovo «no» della Procura al salvataggio di Interporto

Bari, altro «no» della Procura al salvataggio di Interporto

 
Capitale della Cultura
Matera 2019, la Fondazione: «Bilancio dell'inaugurazione fantastico»

Matera 2019, la Fondazione: «Bilancio dell'inaugurazione fantastico»

 
Il riconoscimento
Xylella, ingegnere di Conversano premiato: ecco la macchina per uccidere la sputacchina

Xylella, ingegnere di Conversano premiato: ecco la macchina per uccidere la sputacchina

 

Lavoro

Formazione professionale, Puglia verso l'emergenza: scadono 280 contratti

L'allarme degli enti accreditati. A rischio la Did, i patti individualizzati e i tirocini

Formazione professionale, Puglia verso l'emergenza: scadono 280 contratti

BARI - Se la Regione Puglia non provvederà ad emanare i nuovi bandi per il settore della formazione professionale, gli enti accreditati, a partire dal 1 gennaio prossimo, non potranno più garantire il pagamento degli stipendi dei lavoratori. A rischio, pertanto, oltre ai dipendenti ex Enaip - circa 280 - attualmente in servizio nei Centri per l’impiego ai quali a dicembre 2018 scadranno i contratti, anche gli operatori degli stessi enti.

Questa la sollecitazione che Padre Mero, coordinatore della delegazione trattante Enti storici e sindacati, ha rivolto alla commissione Lavoro e formazione professionale presieduta da Domenico Santorsola nel corso dell’audizione riguardante la ricollocazione dei lavoratori ex Enaip Puglia. Mero ha confermato la ricostruzione fatta nella scorsa seduta da Leo Caroli, a capo della task force regionale che ha gestito la procedura di liquidazione coatta amministrativa dell’ente: a fronte di una platea iniziale di 474 dipendenti, in seguito all’accordo quadro tra Regione ed enti di formazione del 2012, i lavoratori sono stati riqualificati e ricollocati nei Centri per l’impiego e da gennaio scorso risultano solo 22 le unità in esubero, di cui 17 con un lavoro precario e 5 disoccupati. Una situazione che però rischia di sfociare in una nuova emergenza.

«È fondamentale istituire un servizio di monitoraggio della Sezione Formazione Professionale, per verificare la qualità e l’efficienza degli interventi formativi erogati dagli enti di formazione accreditati presso la Regione Puglia. Questo - dicono le consigliere regionali del M5S Antonella Laricchia e Grazia Di Bari - sia per garantire la corretta partecipazione ai bandi regionali che per migliorare il servizio ai cittadini. Attualmente i cittadini che si rivolgono ai Centri per l’Impiego ricevono l’elenco degli enti di formazione accreditati, senza però sapere quali siano le loro performances, perché la qualità delle azioni è misurata solo nella fase di valutazione preliminare del progetto formativo presentato, mentre non è previsto un efficace monitoraggio a conclusione dello stesso. Presenteremo una mozione per chiedere che nell’Arpal, la nuova agenzia per le politiche del lavoro venga introdotta la figura del valutatore indipendente a cui spetterà il compito di verificare la qualità di queste politiche e di elaborare una relazione annuale da presentare in Consiglio».

«In Puglia ci sono 280 lavoratori che non ricevono lo stipendio da quattro mesi, nell’indifferenza generale, e senza avere alcuna certezza sul proprio futuro. Si tratta dei Formatori - dice Sergio Blasi (Pd) - risorse tanto silenziose quanto indispensabili della Regione, che dal 2002 offrono ai cittadini pugliesi i servizi di politica attiva del lavoro all’interno dei Centri per l’impiego, e che a partire dal prossimo gennaio potrebbero rimanere a casa per la sospensione delle attività di formazione». Senza i formatori, sottolinea, si bloccherebbero servizi quali il rilascio della Did (dichiarazione di immediata disponibilità al lavoro), la stipula del patto individualizzato e l’avvio dei tirocini formativi. Quella dei Formatori è una situazione nota da tempo, ma che non può più andare avanti. È ora di trovare una soluzione stabile e duratura che restituisca dignità e serenità a questi lavoratori».

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su

Caratteri rimanenti: 400