Domenica 20 Gennaio 2019 | 18:44

NEWS DALLA SEZIONE

Suicidio sospetto
Martina Franca, trovato impiccato a un albero. La moglie al pm: «Lo hanno ucciso»

Martina Franca, trovato impiccato a un albero. La moglie al pm: «Lo hanno ucciso»

 
La scoperta
Ruvo, donna trovata morta in casa dal suo compagno: indagano i cc

Ruvo, trovata morta in casa dal suo compagno: indagano i cc

 
Nel Nordbarese
Trinitapoli, duello a colpi di pistola in strada, un morto e un ferito

Trinitapoli, duello a colpi di pistola in strada, un morto e un ferito

 
Serie D
Cittanovese - Bari: la diretta della partita

Il Bari perde l'imbattibilità. La Cittanovese vince 3-2

 
A San nicandro Garganico
Pregiudicato accoltellato nel Foggiano: indagano i cc

Pregiudicato accoltellato nel Foggiano: indagano i cc

 
Truffa nel Leccese
Alezio, estorce soldi ad anziano fingendosi il figlio di un vecchio amico malato

Alezio, estorce soldi ad anziano fingendosi il figlio di un vecchio amico malato

 
La peste degli ulivi
Xylella in agguato nel sud-est barese: l'infezione avanza

Xylella in agguato nel sud-est barese: l'infezione avanza

 
In Salento
Taurisano, dopo incidente chiede aiuto: il «soccorritore» tenta di stuprarla

Taurisano, dopo incidente chiede aiuto: il «soccorritore» tenta di stuprarla

 
L'incidente
Carambola auto moto a Bari, 70enne schiacciata contro impalcatura

Carambola auto moto a Bari, 70enne schiacciata contro impalcatura

 
CARPI FOGGIA 0-2
Il Foggia vince a Carpi: scontro diretto per la salvezza

Il Foggia vince a Carpi: scontro diretto per la salvezza

 
Finisce 1-1
Il Benevento ferma l'ascesa del Lecce: solo un pari al Via del Mare

Il Benevento ferma l'ascesa del Lecce: solo un pari al Via del Mare

 

La piccola di 2 anni

Bimba morta a Melfi, l'autopsia: «Il vaccino non c'entra»

Procedure nel mirino degli inquirenti e degli ispettori del ministero

Bimba morta a Melfi, l'autopsia: «Il vaccino non c'entra»

L’autopsia eseguita venerdì dal medico legale Liliana Innamorato del Policlinico di Bari sembrerebbe aver escluso che il decesso sia conseguenza della vaccinazione. Tuttavia il caso della morte della bambina di due anni e mezzo, avvenuta nella notte tra martedì e mercoledì nell’ospedale di Melfi, è tutt’altro che chiuso. Il ministro della Salute, Giulia Grillo, proprio sulla base dalla notizia pubblicata dalla «Gazzetta», ha deciso di inviare gli ispettori per far luce su quanto accaduto.
L’inchiesta ministeriale si affianca a quella aperta dalla Procura di Potenza, che attende la relazione del medico legale per cercare un riscontro alle accuse contenute nella denuncia dei genitori della piccola, affetta dalla sindrome di Dravet (una grave forma di epilessia), una malformazione cardiaca e gravi problemi neurologici congeniti: era seguita dal Bambin Gesù di Roma (centro di riferimento nazionale) dove era stata più volte ricoverata, oltre ad essere stata condotta d’urgenza più volte al San Carlo di Potenza.

La crisi che ha portato alla morte è avvenuta a 24 ore dalla somministrazione della vaccinazione esavalente: gli esperti (lo ha spiegato alla «Gazzetta» il professor Pierluigi Lopalco) ritengono che i bambini in quelle condizioni vadano senz’altro vaccinati per prevenire l’insorgenza di patologie potenzialmente rischiose. Proprio per questo, secondo quanto avrebbero raccontato nella denuncia, i genitori della bimba si sarebbero rivolti agli Ospedali Riuniti di Foggia che dispongono di un centro per la vaccinazione «protetta». Alla fine però l’iniezione è avvenuta nell’ospedale di Melfi, sotto la sorveglianza di due pediatri del reparto. Quindici ore dopo sono insorte febbre e convulsioni, che sono un possibile effetto collaterale della vaccinazione (perfettamente controllabili) ma che in questo caso potrebbero essere dipese dalle patologie pre-esistenti.

Gli ispettori ministeriali approfondiranno, con l’accesso alle cartelle cliniche, proprio la gestione complessiva del caso, verificando in particolare il rispetto di tutti i protocolli clinici. La situazione clinica della bimba richiedeva la presenza di un reparto di rianimazione, proprio per tenere conto delle precedenti crisi epilettiche che ne avevano comportato il ricovero di urgenza. [red.reg.]

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su

Caratteri rimanenti: 400

Commenti all'articolo

  • Yellowbrain

    14 Ottobre 2018 - 18:06

    Ci sono studi scientifici che sostengono senza ombra di dubbio che il 50% dei soggetti portatori di sindrome di Dravet non devono essere vaccinati a causa degli elevati rischi potenziali di morte e di invalidità a cui vanno incontro. Le dichiarazioni di "esperti" privi di pratica clinica necessaria e sufficiente per poter esprimere siffatto sostegno alla vaccinazione sono pertanto pericolose.

    Rispondi