Domenica 21 Ottobre 2018 | 16:39

NEWS DALLA SEZIONE

Indaga la Polizia
Foggia, grave un ragazzo 18 anni«Pestato da buttafuori discoteca»

Foggia, grave un ragazzo 18 anni «Pestato da buttafuori...

 
A Cerignola
Rigenerazione urbana: street art nel rione Torricelli

Rigenerazione urbana: street art nel rione Torricelli

 
Blitz della Polizia
Foggia, catturata banda di rapinatori: colpi in negozi e gioiellerie, 5 arresti

Cerignola, catturata banda di rapinatori con la «mazzuo...

 
Sanità
Foggia, stabilizzati 105 precariall'Asl dopo più di 10 anni

Foggia, stabilizzati 105 precari all'Asl dopo più di 10...

 
A Foggia
Perseguitava l'ex compagna e i suoi genitori: non potrà più avvicinarsi

Perseguitava l'ex compagna e i suoi genitori: non potrà...

 
Trasporti
Foggia, seconda stazione, per il sindaco: «Si farà»

Foggia, seconda stazione, per il sindaco: «Si farà»

 
L'inchiesta
Lucera, sequestrata sede giudice di pace: «È pericolosa per la pubblica incolumità»

Lucera, sequestrata sede giudice di pace: «È pericolosa...

 
Quadruplice omicidio nel 2017
Strage S.M. in Lamis, dopo un anno arrestato pregiudicato. Morirono i fratelli Luciani, innocenti

Strage S.M. in Lamis, un arresto. Morirono i fratelli L...

 
Etichetta obbligatoria
Il primo pomodoro made in Italy parla foggiano

Il primo pomodoro made in Italy parla foggiano

 
Nel Foggiano
Contrabbando gasolio agricolo: 2 arresti, 9 denunce e 6 distributori abusivi sequestrati

Contrabbando gasolio agricolo: 2 arresti, 9 denunce e 6...

 
Gazzettaffari - Portale di annunci de La Gazzetta del Mezzogiorno

i più letti

politica agricola

Foggia, gli agricoltori
fanno cassa con la Pac

Arrivano gli aiuti tanto attesi dall'Ue. La Coldiretti: «Alla Capitanata 5,8 milioni in 3785 aziende». Spaventa la crisi idrica

azienda agricola

di MASSIMO LEVANTACI

FOGGIA - La boccata d’ossigeno in arrivo con i fondi Pac per gli agricoltori foggiani vale un gettito pari a oltre 5 milioni di euro, (5.843.982,81 per l’esattezza) a beneficio di 3785 imprese agricole. Il dato viene fornito dalla Coldiretti ed è riferito alle imprese associate, ma non c’è dubbio che la somma più alta degli 11,9 milioni assegnati complessivamente alla Puglia dall’Agea (l’agenzia per le erogazioni in agricoltura) venga ripartita alla provincia di Foggia che continua a mantenere la leadership sul canale dei fondi diretti comunitari. Ora le imprese attendono che entrino nel vivo delle erogazioni anche i fondi del Piano di sviluppo rurale, uno dei programmi di investimento agricolo tra i più imponenti al Sud con 1,6 miliardi assegnati alla Puglia. Finora sono stati erogati alle imprese della nostra regione 200 milioni, stando alle proiezioni dell’assessorato all’Agricoltura si dovrebbe viaggiare spediti fino al 31 dicembre 2018 con il raggiungimento degli obiettivi programmati.

Ma la vera incognita sottotraccia si chiama ancora acqua, con i programmi colturali in fase ormai di avvio e nessuna certezza per le imprese di poter fare affidamento su regolari cicli irrigui per la prossima stagione agricola. Le riserve idriche nelle dighe sono a tutt’oggi in sostanziale sofferenza se si pensa che l’invaso di Occhito con 78 milioni di metri cubi (su una capacità di 250) è quello che oggi sta meglio in Capitanata e probabilmente anche nel resto della Puglia, tant’è vero che i prelievi dell’Acquedotto per assicurare il potabile non hanno risentito della minima riduzione poiché l’acqua prelevata da Occhito serve a dissetare anche le altre popolazioni pugliesi. Modesti anche i livelli delle altre dighe: San Giusto sul Celone 5 milioni (su 25 di capacità massima), Marana Capacciotti 13 (su 48), Osento 1,8 (su 14 milioni).

Sul fronte degli interventi diretti per arginare la probabile sete nei campi per i prossimi mesi però non si muove foglia. La Coldiretti, qualche settimana fa, su queste colonne aveva proposto un «coordinamento delle risorse» per salvare la stagione irrigua promuovendo una migliore sintonia dell’uso che viene fatto dell’acqua proveniente dai pozzi, dalle dighe e dalle reti. Anche se va detto che un sistema così predisposto è già in atto per il potabile e difficilmente potrebbe essere replicato anche per l’irriguo. E’ piuttosto sull’utilizzo delle acque reflue che bisognerebbe accentuare i programmi di investimento, innanzitutto per mettere a regime le fonti già disponibili come l’impianto di affinamento di San Severo gestito dal Consorzio di bonifica della Capitanata e l’impianto di Trinitapoli. Gli agricoltori chiedono «alla politica» un’assunzione di responsabilità per coordinare questi processi. Non si tratta, infatti, solo di assicurare il pieno funzionamento degli impianti dei reflui, ma bisogna tener conto anche del costo dell’acqua trattata, generalmente più alto del costo ordinario applicato sull’irriguo. Si corre il rischio che le acque reflue, se erogabili, finiscano per essere un costo non sopportabile dalle aziende.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su

Caratteri rimanenti: 400