Lunedì 19 Aprile 2021 | 05:01

NEWS DALLA SEZIONE

Il caso
Foggia, accoltellato nel ghetto: 3 ferite di striscio a petto, il giovane se la caverà

Foggia, accoltellato nel ghetto: 3 ferite di striscio a petto, il giovane se la caverà

 
Nel Foggiano
Giallo a San Marco La Catola, anziana trovata morta in casa: ferita alla testa

Giallo a San Marco La Catola, anziana trovata morta in casa: ferita alla testa. Ascoltati parenti e amici

 
indagini cc
Manfredonia, tentarono di uccidere pusher per rapinargli droga: arrestati 3 minori terribili

Manfredonia, tentarono di uccidere pusher per rapinargli droga: arrestati 3 minori terribili

 
la tragedia
Cerignola, anziana uccisa in casa dal marito: muore anche il pensionato 83enne

Cerignola, anziana uccisa in casa dal marito: muore anche il pensionato 83enne

 
la denuncia
Foggia, assistenza psichiatrica insufficiente nel carcere: uno specialista per poche ore al giorno

Foggia, assistenza psichiatrica insufficiente nel carcere: uno specialista per poche ore al giorno

 
Il personaggio
Chirurgia plastica, Foggia detta la linea all’Europa

Chirurgia plastica, Foggia
detta la linea all’Europa

 
Con Ministero e Siae
Foggia, tour in Corea per l'ensemble «U. Giordano»

Foggia, tour in Corea per l'ensemble «U. Giordano»

 
Nel Foggiano
Borgo Mezzanone, 21enne ghanese ferito a coltellate: non è in pericolo di vita

Borgo Mezzanone, 21enne ghanese ferito a coltellate: non è in pericolo di vita

 

Il Biancorosso

Serie c
Calcio Bari, Carrera: con Palermo buona prestazione di carattere

Calcio Bari, Carrera: con Palermo buona prestazione di carattere

 

NEWS DALLE PROVINCE

BariMaltempo
Primavera tardiva, in arrivo piogge e temporali su Bari e provincia

Primavera tardiva, in arrivo piogge e temporali su Bari e provincia

 
TarantoIl caso
Taranto, boom di vaccinazioni al Centro Commerciale Portale dello Ionio: tutti con AstraZeneca

Taranto, boom di vaccinazioni al Centro Commerciale Porta dello Ionio: tutti con AstraZeneca

 
LecceIl caso
Lecce, minaccia e maltratta compagna: arrestato 55enne

Lecce, minaccia e maltratta compagna: arrestato 55enne

 
BatIl caso
L'allarme del procuratore Nitti: «La Bat è preda delle mafie»

L'allarme del procuratore Nitti: «La Bat è preda delle mafie»

 
MateraIl virus
Salgono a 9 i paesi in rosso in Basilicata: guardia alta su altri 6

Salgono a 9 i paesi in rosso in Basilicata: guardia alta su altri 6

 
PotenzaIl caso
Franco Pepe, il re della pizza «sbarca» in Basilicata al San Barbato di Lavello

Franco Pepe, il re della pizza «sbarca» in Basilicata al San Barbato di Lavello

 
FoggiaIl caso
Foggia, accoltellato nel ghetto: 3 ferite di striscio a petto, il giovane se la caverà

Foggia, accoltellato nel ghetto: 3 ferite di striscio a petto, il giovane se la caverà

 
BrindisiIl caso
Brindisi, il rush finaledei 5 candidati sindaco

Pressioni su ex dirigente del Comune: indagato il sindaco di Brindisi

 

i più letti

Il caso

Foggia, omicidio del tabaccaio Traiano: il minore, presunto assassino, fa scena muta

Iniziati gli interrogatori degli arrestati

Foggia, omicidio del tabaccaio Traiano: il minore, presunto assassino, fa scena muta

FOGGIA - Si è avvalso della facoltà di non rispondere alle domande di pm e gip del Tribunale per i minorenni di Bari, il diciassettenne foggiano rinchiuso dal 25 febbraio nel carcere minorile «Fornelli» del capoluogo regionale in quanto ritenuto il rapinatore-killer che accoltellò ripetutamente al volto Francesco Traiano, il trentottenne titolare del bar-tabaccheria «Gocce di caffè» di via Guido Dorso ferito il pomeriggio del 17 settembre 2020 durante una rapina e morto agli ospedali riuniti il 9 ottobre dopo 22 giorni di coma. L’indagine denominata «Destino» condotta dagli agenti della sezione antirapina della squadra mobile, e coordinate dalle Procure di Foggia e del Tribunale per i minori di Bari, è sfociata nel blitz del 25 febbraio con l’emissione di 5 ordinanze cautelari: 4 (3 in carcere e 1 ai domiciliari) del gip del Tribunale dauno Armando Dello Iacovo ; e la quinta della collega Patrizia Famà del Tribunale per i minorenni nei confronti del diciassettenne foggiano.

Il ragazzo, difeso dall’avv. Francesco Santangelo, ha scelto la linea del silenzio nell’interrogatorio in videoconferenza dal carcere minorile di Bari collegato con l’aula del gip Patrizia Famà, presente anche il pm Rosario Plotino . La difesa valuterà un eventuale ricorso al Tribunale della libertà. Il minorenne è accusato di omicidio volontario quale autore materiale dell’accoltellamento; concorso con i 4 maggiorenni in rapina aggravata; concorso con uno dei maggiorenni nel furto della «Fiat Punto» rubata nel capoluogo dauno la sera del 16 settembre, utilizzata il giorno dopo la sanguinosa rapina; e - lo si è appreso anche adesso - di detenzione ai fini di spaccio di eroina, che avrebbe smerciato in alcune occasioni nell’autunno scorso.
Nella ricostruzione accusatoria basata su video, intercettazioni, analisi di tabulati telefonici, il minorenne è il bandito a volto coperto ed armato di coltello che insieme a due coindagati (Antonio Pio Tufo di vent’anni e Antonio Bernardo di 23 anni) fecero irruzione nel bar-tabaccheria, mentre Christian Consalvo di vent’anni attendeva alla guida della «Fiat Punto» rubata usata per giungere sul posto e scappare. Mentre Tufo rimase sulla soglia del bar, Bernardo e il minore - prosegue l’atto di accusa - si diressero verso la cassa dove c’era Traiano che fu accoltellato ripetutamente al volto dal ragazzo e preso a calci anche quand’era ormai esanime a terra. Tutto durò meno di un minuto, tempo necessario per arraffare i soldi dalla cassa (un centinaio di euro circa), qualche biglietto del «gratta e vinci», e quindi fuggire con la «Fiat Punto».
Tufo, Bernardo e Consalvo, detenuti nel carcere di Foggia, verranno interrogati nelle prossime ore dal gip del Tribunale di Foggia: la Procura gli contesta il concorso anomalo nell’omicidio volontario (reato diverso da quello voluto) e il concorso nella rapina; Consalvo risponde anche di concorso nel furto della «Fiat Punto», pur se per questa imputazione il gip ha ritenuto insufficienti gli indizi a suo carico; Tufo e Bernardo sono accusati anche della ricettazione dell’auto; ed ancora Bernardo e Simone Pio Amorico di 21 anni, di aver incendiato la «Fiat Punto» la sera del 17 settembre: l’auto usata per il colpo a mano armata e per la fuga fu abbandonata poco dopo in località «Posta conca» nelle campagne di Foggia, e poi data alle fiamme la sera stessa per eliminare qualsiasi impronta o tracce biologiche utili per estrapolare il Dna.

Il quinto uomo dell’inchiesta «Destino», e l’unico ad essere stato posto ai domiciliari in occasione del blitz di 5 giorni fa, è Amorico. La Procura dauna gli contesta il concorso in rapina, sostenendo che pur non partecipando materialmente al colpo, lo organizzò insieme ai coindagati che aiutò anche subito dopo la commissione della rapina-omicidio. Il gip Dello Iacovo ha ritenuto invece che Amorico intervenne dopo la rapina, andando a prendere in auto per riportarli in città Consalvo e il minore, dopo che questi due avevano abbandonato la «Fiat Punto» in campagna, per cui deve rispondere di favoreggiamento: anche l’interrogatorio di Amorico è stato fissato nei prossimi giorni.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su

Caratteri rimanenti: 400

LE RUBRICHE

Speciale Abbonamento - Scopri le formule per abbonarti al giornale quotidiano della Gazzetta
Gazzettaffari - Portale di annunci de La Gazzetta del Mezzogiorno
Gazzetta Necrologie