Martedì 22 Settembre 2020 | 04:28

NEWS DALLA SEZIONE

La curiosità
Regionali, Emiliano vince in 2 comuni Foggiani di Conte: Fitto si impone solo a Candela

Regionali, Emiliano vince in 2 comuni Foggiani di Conte: Fitto si impone solo a Candela

 
Il caso
Elezioni, a Lesina c'è un solo candidato sindaco ma manca il quorum

Elezioni, a Lesina c'è un solo candidato sindaco ma manca il quorum

 
la denuncia
Cerignola, roghi notturni e cattivo odore: proteste dai rioni per l'inquinamento

Cerignola, roghi notturni e cattivo odore: proteste dai rioni per l'inquinamento

 
Il colpo
Foggia, titolare bar ferito durante rapina: condizioni stabili

Foggia, titolare bar ferito durante rapina: condizioni stabili

 
Elezioni 2020
Foggia, rubano pistola nel seggio a finanziere dopo averlo narcotizzato

Foggia, rubano pistola nel seggio a finanziere dopo averlo narcotizzato
Sigilli integri nelle sezioni

 
Il ritorno del contagio
Coronavirus in Puglia, adesso preoccupa un centro disabili a Foggia

Coronavirus in Puglia, adesso preoccupa un centro disabili a Foggia

 
La sentenza
Foggia casa a luci rosse : 8 condanne tra proprietari ed i "gestori"

Foggia casa a luci rosse : 8 condanne tra proprietari e «gestori»

 
dalla polizia
Foggia, nel garage con 20kg di hashish e una bomba artigianale: arrestato

Foggia, nel garage con 20kg di hashish e una bomba artigianale: arrestato

 
arte
Due braccia che afferrano la vita per ricordare le vittime dei campi

Foggia: due braccia che afferrano la vita per ricordare le vittime dei campi

 

Il Biancorosso

Calcio serie C
Il Bari accende la luce: la settimana degli esordi

Il Bari accende la luce: la settimana degli esordi

 

NEWS DALLE PROVINCE

Lecceduplice omicidio
Lecce, dopo accoltellamento muoiono un uomo e una donna: caccia al killer

Lecce, uomo e donna uccisi a coltellate: è caccia al killer. Possibile delitto passionale FOTO

 
FoggiaLa curiosità
Regionali, Emiliano vince in 2 comuni Foggiani di Conte: Fitto si impone solo a Candela

Regionali, Emiliano vince in 2 comuni Foggiani di Conte: Fitto si impone solo a Candela

 
BatIl rogo
Vasto incendio ad Andria: il sindaco invita i cittadini a chiudere le finestre

Vasto incendio ad Andria: il sindaco invita i cittadini a chiudere le finestre

 
BariL'iniziativa
Università, a Bari approda il festival nazionale dello sviluppo sostenibile

Università, a Bari approda il festival nazionale dello sviluppo sostenibile

 
TarantoIl siderurgico
Arcelor Mittal, Ugl: sciopero il 24 a Taranto ma il governo deve dare risposte

Arcelor Mittal, Ugl: sciopero il 24 a Taranto ma il governo deve dare risposte

 
PotenzaLa curiosità
Nuoto, a Potenza la piscina olimpionica sarà dedicata a Bud Spencer

Nuoto, a Potenza la piscina olimpionica sarà dedicata a Bud Spencer

 
Materacontrolli della ps
Policoro, era ai domiciliari e spacciava in casa eroina e cocaina: 30enne in carcere

Policoro, era ai domiciliari e spacciava in casa eroina e cocaina: 30enne in carcere

 
BrindisiIl caso
Fasano, rapina allo Zoosafari: ladri scappano con l'incasso

Fasano, rapina allo Zoosafari: ladri scappano con l'incasso

 

La campagna social

Psicosi da Coronaviurs, bimbo cinese allontanato da scuola a Cerignola

La preside rifiuta il bimbo di 8 anni tornato dalla Cina: deve portare il certificato della visita pediatrica

scuola, aula scolastica

FOGGIA - Rispedito a casa fino a quando non esibirà un certificato medico. È questo quanto è successo ad un bambino cinese di 8 anni, che frequenta la scuola Marconi di Cerignola e che, dopo venti giorni in Cina, è ritornato in classe proprio nei momenti di maggiore apprensione e di panico per il diffondersi del Coronavirus. Il dirigente scolastico Anna Dimicco, infatti, ha chiesto alla famiglia del bambino di procedere ad una visita pediatrica dopo la quale potrà essere ammesso nuovamente a frequentare le lezioni. Otto anni, nato in Italia, l’alunno dal 23 gennaio è tornato in Italia dopo aver trascorso, insieme ai genitori, oltre due settimane di soggiorno a Wenzhou, situata nella parte sud-orientale della provincia cinese dello Zhejiang a circa 800 chilometri da Wuhan, epicentro dell’epidemia del Coronavirus.

Proprio oggi «scadono» i canonici 14 giorni di osservazione e le condizioni della famiglia cinese appaiono ottime. Resta una prassi, quella di una sorta di sospensione preventiva a scopo precauzionale, che per più d’uno appare inusuale. È per questo che la referente di Educazione alla Salute dell’Ufficio Scolastico Territoriale, Titti Gambatesa, spiega a La Gazzetta del Mezzogiorno: «Sicuramente si è scatenata un po’ di psicosi, ma questa procedura è naturale e non è un atto di discriminazione. Anzi, la scuola è il luogo dell’inclusione per eccellenza. La scuola deve avere delle certificazioni che garantiscano la salute pubblica, questa procedura rispetta la norma vigente. Il dirigente scolastico ha operato tenendo in conto la salute pubblica».
Il Servizio igiene e sanità pubblica della Asl di Foggia, da parte sua, indica la corretta procedura: «Avremmo dovuto ricevere una segnalazione e avremmo contattato il medico curante. Di certo, tranne che per i casi accertati, non c’è obbligo di quarantena. Noi - spiega il dirigente medico Giovanni Iannucci- ci muoviamo seguendo la circolare ministeriale del 1° febbraio e il protocollo regionale: monitoriamo chi mostra dei sintomi e in taluni casi siamo noi l’ente competente a raccomandare l’isolamento domiciliare».

Ciò che invece è capitato fuori dalla scuola Marconi, dopo la notizia della misura intrapresa dalla direzione, va oltre la psicosi. È diventato infatti virale un messaggio, probabilmente partito da una chat di genitori, in cui si eleva il caso di «allontanamento» a vero e proprio allarme sociale: un passaparola che ha girovagato di cellulare in cellulare creando ulteriore panico.
Così la madre dell’alunno, Cola Li, ha spiegato l’accaduto: «Siamo stati 20 giorni in Cina e stiamo tutti bene, abbiamo fatto tutti i controlli e stiamo bene, non siamo mica pazzi. Prego le persone che hanno messo in giro certe voci sulla nostra salute di non dire sciocchezze: lunedì prossimo, tra l’altro, mio figlio tornerà a scuola», commenta la madre. Domani il piccolo sarà visitato dal pediatra, come richiesto dal dirigente scolastico: «Abbiamo accettato per tranquillizzare tutti, su di noi accuse di gente ignorante», confida Cola Li. L’allarmismo si è esteso anche verso l’intera famiglia, che gestisce un’attività commerciale nella periferia di Cerignola: «Non andate in quel negozio!», si legge sul testo divenuto virale sui social network. Il loro esercizio commerciale, in seguito a quei messaggi incontrollati, ieri si presentava pressoché vuoto: «Chi ci conosce continua a venire, ma certo molti sono preoccupati. Noi stiamo bene, ma la gente ha paura e queste voci sono pericolose», spiega il papà del bambino, che ormai da 15 anni risiede in Italia, tanto che tutti, nel quartiere, hanno italianizzato il suo nome chiamandolo semplicemente Paolo.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su

Caratteri rimanenti: 400

LE RUBRICHE

Speciale Abbonamento - Scopri le formule per abbonarti al giornale quotidiano della Gazzetta
Gazzettaffari - Portale di annunci de La Gazzetta del Mezzogiorno
Gazzetta Necrologie