Mercoledì 28 Settembre 2022 | 04:42

In Puglia e Basilicata

ELEZIONI POLITICHE 2022

Centrodestra

43,79%

Fratelli d'Italia con Giorgia Meloni


Forza Italia


Lega per Salvini Premier


Noi Moderati / Lupi – Toti – Brugnaro – UDC

Centrosinistra

26,13%

Partito Democratico – Italia Democratica e Progressista


Alleanza Verdi e Sinistra


Impegno Civico Luigi Di Maio – Centro Democratico


+Europa

Terzo Polo

7,79%

Azione – Italia Viva – Calenda

M5S

15,43%

Movimento 5 Stelle

Centrodestra

44,02%

Fratelli d'Italia con Giorgia Meloni


Forza Italia


Lega per Salvini Premier


Noi Moderati / Lupi – Toti – Brugnaro – UDC

Centrosinistra

25,99%

Partito Democratico – Italia Democratica e Progressista


Alleanza Verdi e Sinistra


Impegno Civico Luigi Di Maio – Centro Democratico


+Europa

Terzo Polo

7,74%

Azione – Italia Viva – Calenda

M5S

15,55%

Movimento 5 Stelle

 

A Marina Di Lesina

Foggia, costringevano alcune donne a prostituirsi con minacce e violenze: arrestati 3 bulgari

Barletta, guerra alle «lucciole» fioccano le multe ai clienti

I carabinieri, dopo aver raccolto la denuncia delle sventutare, hanno fatto irruzione in un casolare

05 Febbraio 2020

Redazione online

MARINA DI LESINA - Erano costrette a prostituirsi per strada,  sistematicamente accompagnate da uno degli aguzzini che abusava di loro anche sessualmente, garantendone la protezione. Oltre all'«autista» che le accompagnava vi erano altri due individui, un uomo e una donna, i quali gestivano la «contabilità» delle malcapitate, minacciandole di ritorsioni gravi se non avessero continuato a prostituirsi.

Dopo aver raccolto la denuncia delle sventurate (alcune donne di nazionalità estera) i carabinieri di San Severo hanno avviato iniziato una serie di servizi di osservazione e pedinamento finalizzati a riscontrare quanto già ampiamente riferito dalle vittime. Gli stessi militari hanno anche accertato che le ragazze venivano riaccompagnate presso una abitazione di fortuna il località Marina di Lesina dove versavano il provento della loro attività. Avuto questo ulteriore elemento, i carabinieri sono intervenuti bloccando l’autista e liberando le prime due malcapitate. Subito dopo, i carabinieri hanno fatto irruzione all’interno del casolare riuscendo a bloccare anche altri due aguzzini che tenevano rigidamente controllate altre tre malcapitate, anch’esse immediatamente liberate.

Nel corso dei controlli, venivano acquisiti ulteriori elementi a carico dei tre rei, in particolare, venivano rinvenuti i libri contabili dell’attività illecita, appunti contenenti nel dettaglio l’incasso giornaliero di ogni singola donna, nonché il danaro provento dello sfruttamento. I carabinieri hanno poi ascoltato le povere giovani, le quali hanno confermato e descritto nel dettaglio e con coraggio quanto ipotizzato dagli investigatori. A quel punto, cristallizzata la vicenda e le singole posizioni, i militari hanno effettuato un fermo di polizia giudiziaria nei confronti dei tre aguzzini e, su disposizione della Procura della Repubblica di Foggia, hanno accompagnato i fermati presso la casa circondariale di Foggia. Il giudice, oltre che convalidare il fermo, ha disposto ha disposto per tutti il divieto di dimora in Marina di Lesina.

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Lascia un commento:

Condividi le tue opinioni su

Caratteri rimanenti: 400

Carica altre news...

 

PODCAST

 

PRIMO PIANO

 
 
 
 

BLOG

- News dai Territori -
 
Editrice del Mezzogiorno srl - Partita IVA n. 08600270725