Lunedì 03 Agosto 2020 | 17:05

NEWS DALLA SEZIONE

nel foggiano
Ministro Azzolina a Cerignola: «Beni confiscati a mafia vittoria dello Stato»

Ministro Azzolina a Cerignola: «Beni confiscati a mafia vittoria dello Stato»

 
pubblica amministrazione
Foggia, comuni, uffici senza personale rischio fondi Ue

Foggia, uffici del Comune senza personale: a rischio fondi Ue

 
i retroscena
Rissa a Borgo Mezzanone, nel ghetto «comandano i ghanesi»

Rissa a Borgo Mezzanone, nel ghetto «comandano i ghanesi»

 
nel foggiano
Borgo Mezzanone, rissa fra migranti: baracche a fuoco, 3 feriti, uno è grave

Borgo Mezzanone, rissa fra migranti: baracche a fuoco, 3 feriti, uno è grave

 
Criminalità
Cerignola, l'omicidio Cirulli forse per uno sgarro ai boss

Cerignola, l'omicidio di Cirulli forse per uno sgarro ai boss

 
Il caso
Covid 19, i numeri neri di Cerignola, dopo festa di compleanno

Covid 19, i numeri neri di Cerignola dopo festa di compleanno

 
Criminalità
Contrasto alle mafie, il premier Conte a Cerignola

Contrasto alle mafie, il premier Conte in arrivo a Cerignola

 
L'incidente
San Severo, ustionato da una fiammata: gravissimo l'operaio ferito

San Severo, morto operaio ferito in esplosione fabbrica fuochi pirotecnici

 
i casi
Coronavirus, due micro-focolai a Cerignola: contagiate 2 famiglie

Coronavirus, due micro-focolai a Cerignola: contagiate 2 famiglie

 

Il Biancorosso

serie C
Bari-Vivarini al primo round, ora la palla a De Laurentiis

Bari-Vivarini al primo round, ora la palla a De Laurentiis

 

NEWS DALLE PROVINCE

Materal'emergenza
Ferrandina, arrivano i migranti ma fra tanti timori

Ferrandina: arrivano i migranti ma fra tanti timori

 
Tarantoorrore nel tarantino
Grottaglie, finge un malore, entra in casa di una 95enne e la violenta: arrestato 33enne

Grottaglie, finge un malore, entra in casa di una 95enne e la violenta: arrestato 33enne

 
Brindisil'episodio
Brindisi, scippa una 64enne e viene arrestato dai Carabinieri

Brindisi, scippa una 64enne e viene arrestato dai Carabinieri

 
BatBarriere architettoniche
Barletta, spiagge libere inaccessibili per i disabili

Barletta, spiagge libere inaccessibili per i disabili

 
Potenzala scoperta
Potenza, un bazar della droga nel centro d'accoglienza: arrestato 38enne nigeriano

Potenza, un bazar della droga nel centro d'accoglienza: arrestato 38enne nigeriano

 
Leccenel leccese
Coronavirus, anziano positivo in Rsa a Campi Salentina: tamponi a tappeto

Coronavirus, anziano positivo in Rsa a Campi Salentina: tamponi a tappeto

 

i più letti

Prefettura

Mafia, interdette due società a Foggia: parentela con il boss

Nel mirino aziende di riscossione tributi Adriatica servizi e Ctm srl. Il legale: non è contestato alcun addebito penale

Mafia, interdette due società a Foggia: parentela con il boss

Rapporti di parentela di uno degli amministratori delle due società colpite dall’interdittiva antimafia con uno dei capimafia foggiani Federico Trisciuoglio di 66 anni, considerato dagli inquirenti boss storico della batteria Trisciuoglio - Tolonese e con un ramo della famiglia malavitosa Romito di Manfredonia (Foggi). Sarebbero queste le motivazione che hanno portato la Prefettura di Foggia ad emettere i due provvedimenti nei confronti delle società "Adriatica Servizi srl» e «CTM srl», entrambe con sede a Foggia operanti la prima nel settore della riscossione dei tributi per conto dei comuni di Foggia, Manfredonia e Monte Sant'Angelo, la seconda nel settore edile.

«Voglio precisare che ai miei clienti non viene ascritto alcun addebito penale il quale nella interdittiva non viene neppure paventato - ha affermato il legale che difende gli amministratori delle due società la Adriatica Servizi e la CTM, l'avvocato Gianluca Ursitti. «È una interdittiva, ovvero un provvedimento di tipo amministrativo che comporta l’incapacità di contrattare con la pubblica amministrazione. Impugneremo il provvedimento e faremo ricorso al Tar» - aggiunge Ursitti. Intanto la pubblica amministrazione potrebbe decidere di risolvere il contratto per quel che riguarda il servizio di riscossione dei tributi.

ANCHE SOCIO "SALVATO" DAL PIZZO - Emergono nuovi particolari sulle due interdittive antimafia emesse dalla Prefettura di Foggia per le società, collegate tra loro, Adriatica Servizi srl e CTM srl, quest’ultima un’impresa edile e la prima che riscuote tributi per conto dei Comuni di Foggia, Manfredonia e Monte Sant'Angelo.
Oltre a Gianni Trisciuoglio, cugino del boss Federico Trisciuoglio e imparentato indirettamente con i Romito, clan attivo sul Gargano, l’altro socio delle due aziende raggiunte dall’interdittiva è l’imprenditore Marco Insalata, che il 17 luglio del 2012 fu vittima di un agguato: sconosciuti esplosero tre colpi di revolver contro il Suv del costruttore mentre quest’ultimo stava parcheggiando il proprio mezzo. A lui nell’interdittiva si fa riferimento per alcune intercettazione estrapolate dall’operazione 'Decima Azionè, il blitz che a novembre scorso portò all’arresto di 30 persone. I capimafia in una riunione avrebbero deciso di «salvare Trisciuoglio», nel senso di evitare di chiedere il pizzo a una serie di imprese. Essere socio della famiglia Trisciuoglio gli avrebbe, dunque, evitato di essere, a sua volta, taglieggiato come tanti altri imprenditori foggiani. 

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su

Caratteri rimanenti: 400

LE RUBRICHE

Speciale Abbonamento - Scopri le formule per abbonarti al giornale quotidiano della Gazzetta
Gazzettaffari - Portale di annunci de La Gazzetta del Mezzogiorno
Gazzetta Necrologie