Martedì 02 Marzo 2021 | 06:17

NEWS DALLA SEZIONE

a Lucera
Bracciante africano si suicida nel Foggiano: «Bisogna ascoltare il disagio»

Bracciante africano si suicida nel Foggiano: «Bisogna ascoltare il disagio»

 
nel Foggiano
Bovino, rissa in un bar per mascherina non indossata: 2 feriti

Bovino, rissa in un bar per mascherina non indossata: 2 feriti

 
Controlli dei CC
S.Giovanni Rotondo, in auto con cocaina e marijuana: nei guai un 25enne incensurato

S.Giovanni Rotondo, in auto con cocaina e marijuana: 25enne incensurato nei guai

 
Tragedia sfiorata
Auto esce di strada tra Foggia e Manfredonia e si ribalta: due persone ferite

Auto esce di strada tra Foggia e Manfredonia e si ribalta: 2 persone ferite

 
Il gesto
Foggia, fiori per la Polizia dopo arresti per omicidio tabaccaio: la città abbraccia gli agenti

Foggia, fiori per la Polizia dopo arresti per omicidio tabaccaio: la città abbraccia gli agenti

 
Coronavirus
Peschici, aumento contagi: sindaco chiude ristoranti e bar

Peschici, aumento contagi: sindaco chiude ristoranti e bar

 
nel foggiano
Cerignola, sparano a 31enne in agguato: ferito, è grave in ospedale

Cerignola, sparano a 31enne in agguato: ferito, in prognosi riservata

 
Il caso
Arriva a S. Giovanni Rotondo nuovo ambulatorio per malattie non diagnostiche

Arriva a S. Giovanni Rotondo nuovo ambulatorio per malattie non diagnostiche

 
Il Nil
Foggia, Carabinieri sospendono reddito di cittadinanza a 50 persone arrestate

Foggia, Carabinieri sospendono reddito di cittadinanza a 50 persone arrestate

 
In zona Salice Nuovo
Foggia, bomba esplode davanti a villa in ristrutturazione

Foggia, bomba esplode davanti a villa in ristrutturazione

 

Il Biancorosso

Serie C
Nel derby di Puglia, Il Bari in 10 batte il Foggia 1-0: segna il bomber Cianci

Nel derby di Puglia, il Bari in 10 batte il Foggia 1-0: segna il bomber Cianci

 

NEWS DALLE PROVINCE

Foggiaa Lucera
Bracciante africano si suicida nel Foggiano: «Bisogna ascoltare il disagio»

Bracciante africano si suicida nel Foggiano: «Bisogna ascoltare il disagio»

 
BariLa richiesta
Vaccini anti Covid, l'appello dell'associazione disabili di Bari: «Inserirli tra priorità»

Vaccini anti Covid, l'appello dell'associazione disabili di Bari: «Inserirli tra priorità»

 
LecceLa decisione
Lecce, scomparsa 21 anni fa: il caso Martucci approda alla Camera

Lecce, scomparsa 21 anni fa: il caso Martucci approda alla Camera

 
TarantoLa novità
Msc farà rotta su Taranto: da maggio al via alle crociere

Msc farà rotta su Taranto: da maggio al via alle crociere

 
BrindisiIl caso
Brindisi, il sindaco Rossi azzera la giunta: verso nuove nomine

Brindisi, il sindaco Rossi azzera la giunta: verso nuove nomine

 
Potenzal'appello
Potenza, campagna vaccini: «Emodializzati non possono attendere tempi della politica»

Potenza, campagna vaccini: «Emodializzati non possono attendere tempi della politica»

 
MateraIl video
Matera, campagna vaccinale per 200 persone tra forze dell'ordine e personale scolastico

Matera, campagna vaccinale per 200 persone tra forze dell'ordine e personale scolastico

 
BatNella Bat
Trani, attentato al sindaco, la visita di Piemontese: «Non c'è spazio per la violenza»

Trani, attentato al sindaco, la visita di Piemontese: «Non c'è spazio per la violenza»

 

i più letti

La storia

Puglia d'autore, quella volta che Arthur Miller raccontò Monte Sant'Angelo

Il suo viaggio in Puglia nel 1948: avventura in auto nel Tavoliere

Puglia d'autore, quella volta che Arthur Miller raccontò Monte Sant'Angelo

MONTE SANT'ANGELO - Arthur Miller (1915-2005) è stato uno scrittore statunitense di notevole fama, specie per opere come il dramma Morte di un commesso viaggiatore. Per gli amanti della cronaca rosa, poi, Miller è stato - come si sa - per 5 anni, dal 1956 al 1961, il marito della diva per antonomasia, Marilyn Monroe, e dunque un coprotagonista di gossip e colpi di scena.

Nella sua lunga vita, però, non manca un filo rosso che lo collega alla Puglia, ed in particolare a Monte Sant’Angelo.

Quest’esperienza biografica è alla base di un bellissimo racconto, intitolato per l’appunto Monte Sant’Angelo, che è stato da poco tradotto e commentato da due docenti pugliesi, Mariantonietta Di Sabato e Cosma Siani, in un’edizione per i tipi di Andrea Pacilli Editore, di Manfredonia.

I due curatori, studiosi di letteratura angloamericana, lavorano da anni intorno a questo scritto, come spiegano nella bella postfazione, «perché Arthur Miller e Monte Sant’Angelo?, che ha il pregio di sciogliere numerosi degli interrogativi che nascono intorno ad un simile racconto, che viene opportunamente presentato con il testo a fronte, in modo da documentare anche le scelte stilistiche dei traduttori».

Un’autovettura attraversa il Tavoliere, con il suo verde uniforme, guidata da un autista di Lucera, e accompagna due americani a Monte Sant’Angelo, Appello e Bernstein. Il primo è alla ricerca delle sue radici e sa che nella cittadina garganica vive una sua vecchia zia; inoltre, nella cripta della chiesa riposano da tempo immemorabili i suoi avi. Questo ritorno al passato di Appello viene visto con distacco da Bernstein, finché, in un ristorante, non incontrano un singolare venditore di tessuti, Mauro di Benedetto, che ha fretta di tornare a casa, portando il pane fresco ai suoi familiari, in ossequio ad una vecchia tradizione. Il particolare non sfugge a Bernstein, che è ebreo (come il vero Miller). Gli ebrei al calare delle tenebre del venerdì iniziano la celebrazione dello Shabbath, ossia la festa del riposo del sabato. Ma il mercante è un ebreo inconsapevole, nel senso che segue soltanto, in modo vago, delle antiche tradizioni della sua famiglia (Bernstein osserva: «Non solo si comporta da ebreo, ma da ebreo ortodosso. E nemmeno lo sa... è tremendamente strano per me»).

Questa fugace presenza umana ha il merito di far sentire meno solo Bernstein, che riscopre un passato che è anche il suo, mostrandosi infine bendisposto verso la ricerca di Appello, che termina con l’individuazione delle tombe degli avi nell’umida e semiallagata cripta.

L’ultimo flash narrativo è per Mauro di Benedetto, «che scendeva per la strada rocciosa e tortuosa, affrettandosi per arrivare prima che il sole andasse giù».

Il racconto, davvero singolare, fotografa, con realismo, con gli occhi acuti di un americano, l’esistenza di una cittadina povera e isolata, priva di attrattive, soffermandosi in modo pregnante su particolari e dettagli, tra strade solitarie, folate fredde di vento e curve a gomito che incutono timore. Sono pagine di grande effetto, nella loro scabra sostanza, che non si dimenticano facilmente.

Il racconto è apparso per la prima volta nel 1951, sulla rivista Harper’s Magazine, poi fu incluso nella silloge novellistica I Don’t Need You Any More, edita nel 1967, dove rappresenta uno degli scritti meglio riusciti.

Ritorniamo ora alla domanda iniziale: da dove nasce un racconto simile? Nella sua autobiografia Arthur Miller parla del viaggio in Europa fatto nel 1948. In quell’occasione si reca anche in Puglia, citando esplicitamente Foggia e Mola di Bari, non Monte Sant’Angelo. Ma i due curatori non si sono arresi e hanno percorso un’altra via, ponendosi in contatto con il suo compagno di viaggio dell’epoca, l’italoamericano Vincent Longhi, anche lui scrittore e personaggio ragguardevole. Questi era candidato al Congresso americano e aveva pensato bene di contattare in Italia le famiglie dei portuali di Red Hook, per motivi elettorali. Avrebbe parlato con loro, portando notizie al ritorno ai cari oltreoceano, sperando di ottenerne il voto.

Dalla ricerca, dunque, viene fuori la sostanza autobiografica del racconto in questione, che permette di identificare Longhi-Appello e Miller-Bernstein, impegnati in una escursione in una cittadina come Monte Sant’Angelo.

Il lavoro analitico sulle fonti, insomma, non si configura come un’oziosa indagine su particolari secondari della vita e della produzione di Arthur Miller, ma, al contrario, permette di chiarire la genesi di un brano di notevole bellezza. Viene così isolato con chiarezza il tema centrale, quel bisogno di vincere la solitudine, quella necessità di ricercare una mano, un filo, un segno che permetta all’uomo di superare l’angoscia esistenziale in nome di valori postivi.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su

Caratteri rimanenti: 400

LE RUBRICHE

Speciale Abbonamento - Scopri le formule per abbonarti al giornale quotidiano della Gazzetta
Gazzettaffari - Portale di annunci de La Gazzetta del Mezzogiorno
Gazzetta Necrologie