Venerdì 19 Luglio 2019 | 11:57

NEWS DALLA SEZIONE

Corsa alle polizze
Foggia, clima pazzo: agricoltori «costretti» ad assicurarsi

Foggia, clima pazzo: agricoltori «costretti» ad assicurarsi

 
Emergenza abitativa
Foggia, da 14 anni vivono in container invasi da topi e blatte: la protesta delle mamme

Foggia, da 14 anni in container invasi da topi e blatte: secondo giorno di protesta delle mamme

 
Femminicidio
San Severo, uccisa dal fidanzato, il legale: è morta annegata, non strangolata

San Severo, uccisa dal fidanzato, il legale: è morta annegata, non strangolata. Domani i funerali

 
Nel Foggiano
Orta Nova, commando sequestra camionista e scappa con tir pieno di sigarette

Orta Nova, banda sequestra camionista e scappa con tir pieno di sigarette

 
Bullismo
Candela, 15enne disabile picchiato e insultato nella villa comunale da coetanei

Candela, 15enne disabile picchiato e insultato in villa comunale da coetanei

 
Operazione Rodolfo
Mafia e estorsione a imprenditori agricoli: in carcere 3 esponenti clan foggiani

Foggia, mafia e estorsione a imprenditori agricoli: in carcere 3 esponenti clan

 
Il video
San Severo, la festa del Soccorso con la corsa dei «fujenti» tra i petardi

San Severo, la festa del Carmelo con la corsa dei «fujenti» tra i petardi

 
Maltempo
San Severo finisce sott'acqua: strade e chiese allagate

Pioggia torrenziale, San Severo finisce sott'acqua: strade e chiese allagate

 
Assenteismo
Foggia, la giudice «furbetta del cartellino» condannata dalla Corte dei conti

Foggia, la giudice «furbetta del cartellino» condannata dalla Corte dei conti

 
Indagano i cc
Foggia, migranti presi a sassate mentre vanno a lavorare nei campi: 2 feriti

Foggia, migranti presi a sassate mentre vanno a lavorare nei campi: 2 feriti

 
Nel campo nomadi di Foggia
Facevano prostituire minorenni: Procura Bari chiede rinvio a giudizio per 4 rumeni

Facevano prostituire minorenni: Procura Bari chiede rinvio a giudizio per 4 rumeni

 

Il Biancorosso

L'AMICHEVOLE
Tanti sperimenti, poche emozioniIl Bari pareggia con la Fiorentina

Tanti esperimenti, poche emozioni
Il Bari pareggia con la Fiorentina

 

NEWS DALLE PROVINCE

MateraHeroes Pride
Matera si prepara al suo primo Pride tra attese e polemiche

Matera si prepara al suo primo Pride tra attese e polemiche

 
GdM.TVGli arresti
Tre rapine in tre mesi a Bitonto: due giovani in manette

Tre rapine in tre mesi a Bitonto: due giovani in manette

 
LecceLa sentenza
Lecce, senza lavoro perché parente del boss: netturbino reintegrato dal giudice

Lecce, senza lavoro perché parente del boss: netturbino reintegrato dal giudice

 
FoggiaCorsa alle polizze
Foggia, clima pazzo: agricoltori «costretti» ad assicurarsi

Foggia, clima pazzo: agricoltori «costretti» ad assicurarsi

 
BrindisiIl caso
Fasano, problemi con la movida: ristoratori contro il Comune

Fasano, problemi con la movida: ristoratori contro il Comune

 
BatL'istanza
Bat, stop al fumo in spiaggia: via libera della Prefettura

Bat, stop al fumo in spiaggia: via libera della Prefettura

 
TarantoAmbiente ferito
Taranto, rete di fibra di cocco per trattenere le polveri: ok dalla Procura

Taranto, rete di fibra di cocco per trattenere le polveri: ok dalla Procura

 
PotenzaDegrado in città
Rifiuti, scatta la tolleranza zero a Potenza: «multe salatissime»

Rifiuti, scatta la tolleranza zero a Potenza: «multe salatissime»

 

i più letti

Il caso

Foggia, Apulia Prontoprestito: dopo 2 anni tornano a lavoro in provincia

Beffa finita per i 35 dipendenti: vittime del «salva banche»

Foggia,  Apulia Prontoprestito: dopo 2 anni tornano a lavoro in provincia

FOGGIA - Quando si dice il destino... I 35 dipendenti di Apulia Prontoprestito beffati nel 2017 dal decreto salva-banche, torneranno al lavoro per una serie di congiunture favorevoli, ma in forza della loro specializzazione: il «business» della povertà. Sono infatti specialisti nella cessione del quinto dello stipendio, la Banca Popolare di Puglia e Basilicata che a breve assorbirà tutti i lavoratori affiderà loro il compito di rafforzare l’istituto di Altamura (ma lavoreranno prevalentemente in Capitanata, dice il sindacato), consentendo ai dipendenti della banca di acquisire l’esperienza pluriennale maturata dai colleghi di Apulia Prontoprestito.

«L’accordo - commenta il sindacato Fisac Cgil - garantisce la tenuta occupazionale per i lavoratori, il cui rapporto proseguirà con la nuova banca senza soluzione di continuità e assicura una prospettiva di un futuro dignitoso alle loro giovani famiglie».
Questa settimana sono cominciati ad Altamura gli incontri fra le organizzazioni sindacali e la dirigenza della Banca Popolare di Puglia e Basilicata, per definire i dettagli operativi dell’operazione di acquisizione. «Fra i commissari liquidatori di Veneto Banca e la Banca Popolare di Puglia e Basilicata - riferisce ancora il sindacato - è stato sottoscritto un accordo di cessione del ramo d’azienda comprendente i 35 lavoratori di Apulia Prontoprestito di San Severo». La società, quotata in Borsa sin dal 2005 e con volumi di tutto rispetto, era una costola di Banca Apulia specializzata nei prestiti con cessione del quinto, fino a quando nel 2010, insieme alla banca sanseverese, entrò a far parte del gruppo Veneto Banca. Con l’arrivo dei veneti iniziò però il progressivo declino della società, culminato nel mancato rinnovo della licenza bancaria.

«Il successivo fallimento della capogruppo e la non inclusione di Apulia Prontoprestito nel “perimetro” acquisito da Intesa Sanpaolo in base al decreto “Salva banche venete” del giugno 2017 - ricorda la Fisac Cgil - ha dato l’avvio ad un vero e proprio calvario per i 35 lavoratori, giunti quasi ad un passo dalla perdita del posto di lavoro, peraltro in un territorio in cui una riconversione professionale per un nuovo impiego è estremamente difficile. Il nostro sindacato - sottolinea Giovanni Di Monte segretario generale della Fisac in Capitanata - in questi due anni è stato costantemente vicino ai colleghi. Esprimo il mio ringraziamento e dei colleghi di Apulia Prontoprestito alla segreteria nazionale ed a quella regionale pugliese della Fisac, che in questi due anni sono state un punto di riferimento costante, nonché un raccordo imprescindibile con i soggetti istituzionali e con tutti gli altri attori coinvolti».

Il dramma dei 35 lavoratori di Apulia Prontoprestito - ricordano i parlamentari foggiani 5 stelle Carla Giuliano, Giorgio Lovecchio, MariaLuisa Faro e Marco Pellegrini - è iniziato con l’approvazione, nella precedente legislatura, del decreto n. 99 del 2017 che, di fatto, ha portato al salvataggio di Banca Apulia e Banca Nuova. «Siamo lieti di aver contribuito a scrivere il lieto fine per una vicenda intricata e dolorosa che ci ha visti costantemente impegnati al fianco dei lavoratori», affermano i parlamentari che ricordano i vari passaggi della vicenda: «L’interrogazione parlamentare, le numerose interlocuzioni con il Governo, il costante confronto con il Viceministro Laura Castelli e con il Sottosegretario Alessio Villarosa, a cui va il nostro ringraziamento per la disponibilità e per l’impegno profuso, fino alla svolta di questi giorni a vantaggio di 35 lavoratori e delle loro famiglie».

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su

Caratteri rimanenti: 400

LE RUBRICHE

Speciale Abbonamento - Scopri le formule per abbonarti al giornale quotidiano della Gazzetta
Gazzettaffari - Portale di annunci de La Gazzetta del Mezzogiorno
Gazzetta Necrologie