Domenica 15 Settembre 2019 | 10:19

NEWS DALLA SEZIONE

Nel foggiano
Manfredonia, da 40 anni botte e violenze dal marito ormai 70enne: arrestato

Manfredonia, botte e violenze contro la moglie da 40 anni: arrestato 72enne

 
nel foggiano
Cerignola, GdF sequestra 13mila piante di marijuana: avrebbero fruttato 4mln di euro

Cerignola, GdF sequestra 13mila piante di marijuana: avrebbero fruttato 4mln di euro

 
Musica
Foggia, in fila dalle 7 del mattino per il concerto di Ezio Bosso

Foggia, in fila dalle 7 del mattino per il concerto di Ezio Bosso VD

 
La manifestazione
San Severo dice stop all'omofobia: in 300 sfilano con Luxuria

San Severo dice stop all'omofobia: in 300 sfilano con Luxuria

 
Il caso
Estorce soldi a donne vittime di violenze: foggiana presidente di una onlus arrestata in Romagna

Estorce soldi a donne vittime di violenze: foggiana presidente di una onlus arrestata in Romagna

 
Nel foggiano
Orta Nova, 4 banditi rapinano area di servizio su SS16 con fucile: indagano cc

Orta Nova, 4 banditi rapinano area di servizio su SS16 con fucile: indagano cc

 
nel Foggiano
S.Nicandro Garganico: coltivano 140 piante di canapa indiana, 2 arresti

S.Nicandro Garganico: coltivano 140 piante di canapa indiana, 2 arresti

 
Il racconto
Foggia, volontari portano viveri a senzatetto alla stazione: multati perché senza biglietto

Foggia, volontari multati in stazione: Polfer pronta a ritirare sanzioni

 
La scoperta
Foggia, nascondono pistola carica nella culla del figlio: arrestati

Foggia, nascondono pistola carica nella culla del figlio: arrestati

 
Le prove
Università, al via test per professioni sanitarie: a Foggia mille candidati

Università, al via test per professioni sanitarie: a Foggia mille candidati

 
Il video
Foggia, furto nel parcheggio del GrandApulia: così i ladri portano via l'auto

Foggia, furto nel parcheggio del GrandApulia: così i ladri portano via l'auto

 

Il Biancorosso

Serie C
Il nuovo Bari ricomincia da tre

Il nuovo Bari ricomincia da tre

 

NEWS DALLE PROVINCE

BrindisiNel brindisino
S.Michele Salentino come Milano: la scuola regala borracce e diari ecologici

S.Michele Salentino come Milano: la scuola regala borracce e diari ecologici

 
LecceSulla circonvallazione
Lecce, incendia il negozio attiguo al suo bar ormai chiuso: arrestato 57enne

Lecce, incendia il negozio attiguo al suo bar ormai chiuso: arrestato 57enne

 
FoggiaNel foggiano
Manfredonia, da 40 anni botte e violenze dal marito ormai 70enne: arrestato

Manfredonia, botte e violenze contro la moglie da 40 anni: arrestato 72enne

 
BariMultati in 4
Bari, mobili e materassi in strada: la lotta agli "svuotacantine" della polizia

Bari, mobili e materassi in strada: la lotta agli "svuotacantine" della polizia

 
PotenzaA reggio emilia
La birra è troppo fredda, 39enne del Potentino tenta di strangolare una barista

La birra è troppo fredda, 39enne del Potentino tenta di strangolare una barista

 
MateraNel Materano
Craco, pochi alunni: accorpate classi di medie ed elementari, protesta dei genitori

Craco, pochi alunni: accorpate classi di medie ed elementari, protesta dei genitori

 
HomeLa denuncia
Arcelor Mittal, licenziato ingiustamente operaio Usb: la protesta di Borraccino

Arcelor Mittal, licenziato ingiustamente operaio Usb, l'azienda: 'Era di comandata'

 

i più letti

Malasanità

Foggia, morì di peritonite a 54 anni, ospedale sotto accusa

La donna aspettò venti ore al Pronto Soccorso: il problema fu scoperto troppo tardi

La visita è stata rinviata? Lo comunica il telegramma

Morire a 54 anni per una peritonite scoperta in ritardo, in ospedale, dopo un’attesa di venti ore al Pronto soccorso. Una storia di ordinaria malasanità, una di quelle vicende gravi ma purtroppo derubricate all’ordinario per colpa della frequenza in cui si registrano. E che a distanza di anni non trovano ancora un punto di conclusione. È amareggiato Giuseppe Sardella, un signore di Carapelle che il 12 ottobre del 2012 decise di portare sua madre al pronto soccorso degli Ospedali riuniti per i forti dolori all’addome accusati dalla donna che aveva appena 54 anni. La storia è stata raccontata sulle colonne della Gazzetta l’11 novembre 2012, a pochi giorni dal decesso della signora Maria Colomba Izzi avvenuto il 3 novembre. Sardella decise di denunciare subito i medici, accusandoli per la loro negligenza: la signora forse si sarebbe potuta salvare, fu visitata subito ma non si decise per il ricovero. Il figlio decise di non lasciare il pronto soccorso, ma non c’erano altri medici disposti a visitarla e così rimase per tutta la notte su una sedia sperando che facesse giorno il prima possibile. Solo al mattino un altro medico scoprì la gravità del problema disponendo l’immediato intervento chirurgico per una peritonite acuta.


«I fatti da me narrati sono stati tutti opportunamente verificati dalle perizie ordinate dal tribunale di Foggia - riferisce oggi Sardella - il processo è in corso, finora ci sono state quattordici udienze. Ma i giudici sono cambiati tre volte, ogni volta che c’è un avvicendamento l’avvocato difensore dell’ospedale muove eccezioni e si torna alla casella precedente. Un processo estenuante - aggiunge il signor Sardella - mi sembra chiaro che a questo punto l’obiettivo della difesa sia quello di portare il dibattimento per le lunghe così le accuse cadranno in prescrizione, manca solo un anno ormai. Ma questa me la chiamate giustizia? Possibile che non si riesca ad avere un briciolo di verità nemmeno da morti? E con tutte le perizie del caso che hanno confermato la nostra tesi?».

La prossima udienza è fissata per il 22 giugno, la corsa a ostacoli di un processo cominciato nel 2014 dovrebbe essere alle battute finali. Tuttavia Sardella teme altri colpi di scena, si è preoccupato di denunciare il suo caso alla Gazzetta nella speranza di «portare all’attenzione dell’opinione pubblica - spiega - uno dei problemi endemici della nostra società, i tempi lunghi della nostra giustizia».

«Non può esserci civiltà in un paese così - si sfoga Sardella - nel caso di mia madre si sono sommate una serie incredibile di contrattempi che l’hanno portata alla morte in venti giorni. Dopo l’intervento saltò il punto di sutura e dovettero riportarla dopo qualche giorno in sala operatoria. Dieci giorni dopo mia madre morì per setticemia, i periti del tribunale hanno confermato la nostra tesi: il fattore tempo è stato determinante. Se i medici del pronto soccorso si fossero accorti subito della peritonite, forse mia madre sarebbe entrata in sala operatoria dopo qualche ora non il giorno dopo. I fatti hanno accertato in modo inequivocabile come sono andate le cose, è ora che questo processo si concluda».

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su

Caratteri rimanenti: 400

LE RUBRICHE

Speciale Abbonamento - Scopri le formule per abbonarti al giornale quotidiano della Gazzetta
Gazzettaffari - Portale di annunci de La Gazzetta del Mezzogiorno
Gazzetta Necrologie