Venerdì 21 Giugno 2019 | 02:21

NEWS DALLA SEZIONE

Elezioni
Università Foggia, si ritira candidato corsa a due per il rettore

Università Foggia, si ritira candidato corsa a due per il rettore

 
La protesta dei tifosi
Foggia calcio, striscione a Palazzo di Città: «99 anni di storia meritano rispetto»

Foggia calcio, striscione al Comune: «99 anni di storia meritano rispetto»

 
A Carapelle
Foggia, aveva un arsenale di armi nel bagagliaio dell'auto: arrestato 50enne

Foggia, aveva un arsenale di armi nel bagagliaio dell'auto: arrestato 50enne

 
Il furto
Cerignola, mezzi rubati a Foggia e Milano in un capannone: sequestrati

Cerignola, mezzi rubati a Foggia e Milano sequestrati in un capannone

 
Agricoltura
Il pelato «made in Foggia» rianima il mercato

Il pelato «made in Foggia» rianima il mercato

 
Il caso
Maturità 2019, disagi in un istituto di Foggia per errore codice

Maturità a Foggia, disagi in un istituto: esame inizia in ritardo per plico errato

 
Il processo
Foggia, uccise la moglie a coltellate: condannato anche in appello all'ergastolo

Foggia, uccise la moglie a coltellate: condannato anche in appello all'ergastolo

 
L'incontro
Racket, Porzio a Foggia: «Qui si paga finché è sostenibile»

Racket, Porzio a Foggia: «Qui si paga finché è sostenibile»

 
Nel Foggiano
Mafia, Tar conferma scioglimento comune Mattinata

Mafia, Tar conferma scioglimento comune Mattinata

 
Maltempo
Grandinata nel Foggiano, Confagricoltura lancia allarme: «Danni a grano e pomodori»

Grandinata nel Foggiano, Confagricoltura lancia allarme: «Danni a grano e pomodori»

 
nel Foggiano
Poggio Imperiale, morta Nonna Peppa, la donna più anziana d'Europa

Poggio Imperiale, morta Nonna Peppa, la donna più anziana d'Europa

 

Il Biancorosso

Il mercato
Bari, quasi fatta per il portiere Frattali: viene dal Parma

Bari, quasi fatta per il portiere Frattali: arriva dal Parma

 

NEWS DALLE PROVINCE

BatSolidarietà
Turbanti colorati per le donne oncologiche, la donazione a Bari

Turbanti colorati per le donne oncologiche, la donazione a Bari

 
PotenzaAmbiente
Eolico, il Governo impugna l'ultima legge della Basilicata

Eolico, il Governo impugna l'ultima legge della Basilicata

 
HomeL'incidente
Castellaneta Marina, scooter sbatte contro marciapiede: morto 30enne

Castellaneta Marina, scooter sbatte contro marciapiede: morto 30enne

 
TarantoToghe sporche
Rossi: «Le correnti non c’entrano. La colpa è dei personalismi»

Caos Csm, Rossi: «Le correnti non c’entrano. La colpa è dei personalismi»

 
BariA partire dalle 23
Bari, ponte di viale Traiano in attesa del collaudo: prova da carico nella notte

Bari, ponte di viale Traiano in attesa del collaudo: prova da carico nella notte

 
FoggiaElezioni
Università Foggia, si ritira candidato corsa a due per il rettore

Università Foggia, si ritira candidato corsa a due per il rettore

 
BrindisiLotta alla droga
Carovigno, in giro con la droga nei pantaloni: arrestato 27enne

Carovigno, in giro con la droga nei pantaloni: arrestato 27enne

 
MateraSanità
Matera contro Policoro per il servizio di psichiatria

Matera contro Policoro per il servizio di psichiatria

 

i più letti

Malasanità

Foggia, morì di peritonite a 54 anni, ospedale sotto accusa

La donna aspettò venti ore al Pronto Soccorso: il problema fu scoperto troppo tardi

La visita è stata rinviata? Lo comunica il telegramma

Morire a 54 anni per una peritonite scoperta in ritardo, in ospedale, dopo un’attesa di venti ore al Pronto soccorso. Una storia di ordinaria malasanità, una di quelle vicende gravi ma purtroppo derubricate all’ordinario per colpa della frequenza in cui si registrano. E che a distanza di anni non trovano ancora un punto di conclusione. È amareggiato Giuseppe Sardella, un signore di Carapelle che il 12 ottobre del 2012 decise di portare sua madre al pronto soccorso degli Ospedali riuniti per i forti dolori all’addome accusati dalla donna che aveva appena 54 anni. La storia è stata raccontata sulle colonne della Gazzetta l’11 novembre 2012, a pochi giorni dal decesso della signora Maria Colomba Izzi avvenuto il 3 novembre. Sardella decise di denunciare subito i medici, accusandoli per la loro negligenza: la signora forse si sarebbe potuta salvare, fu visitata subito ma non si decise per il ricovero. Il figlio decise di non lasciare il pronto soccorso, ma non c’erano altri medici disposti a visitarla e così rimase per tutta la notte su una sedia sperando che facesse giorno il prima possibile. Solo al mattino un altro medico scoprì la gravità del problema disponendo l’immediato intervento chirurgico per una peritonite acuta.


«I fatti da me narrati sono stati tutti opportunamente verificati dalle perizie ordinate dal tribunale di Foggia - riferisce oggi Sardella - il processo è in corso, finora ci sono state quattordici udienze. Ma i giudici sono cambiati tre volte, ogni volta che c’è un avvicendamento l’avvocato difensore dell’ospedale muove eccezioni e si torna alla casella precedente. Un processo estenuante - aggiunge il signor Sardella - mi sembra chiaro che a questo punto l’obiettivo della difesa sia quello di portare il dibattimento per le lunghe così le accuse cadranno in prescrizione, manca solo un anno ormai. Ma questa me la chiamate giustizia? Possibile che non si riesca ad avere un briciolo di verità nemmeno da morti? E con tutte le perizie del caso che hanno confermato la nostra tesi?».

La prossima udienza è fissata per il 22 giugno, la corsa a ostacoli di un processo cominciato nel 2014 dovrebbe essere alle battute finali. Tuttavia Sardella teme altri colpi di scena, si è preoccupato di denunciare il suo caso alla Gazzetta nella speranza di «portare all’attenzione dell’opinione pubblica - spiega - uno dei problemi endemici della nostra società, i tempi lunghi della nostra giustizia».

«Non può esserci civiltà in un paese così - si sfoga Sardella - nel caso di mia madre si sono sommate una serie incredibile di contrattempi che l’hanno portata alla morte in venti giorni. Dopo l’intervento saltò il punto di sutura e dovettero riportarla dopo qualche giorno in sala operatoria. Dieci giorni dopo mia madre morì per setticemia, i periti del tribunale hanno confermato la nostra tesi: il fattore tempo è stato determinante. Se i medici del pronto soccorso si fossero accorti subito della peritonite, forse mia madre sarebbe entrata in sala operatoria dopo qualche ora non il giorno dopo. I fatti hanno accertato in modo inequivocabile come sono andate le cose, è ora che questo processo si concluda».

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su

Caratteri rimanenti: 400

LE RUBRICHE

Speciale Abbonamento - Scopri le formule per abbonarti al giornale quotidiano della Gazzetta
Gazzettaffari - Portale di annunci de La Gazzetta del Mezzogiorno
Gazzetta Necrologie