Venerdì 19 Aprile 2019 | 12:15

NEWS DALLA SEZIONE

Accoglienza
Borgo Mezzanone, migranti cercano un altro ghetto

Borgo Mezzanone, migranti cercano un altro ghetto

 
Criminalità
Tentata estorsione a imprenditori agricoli nel Foggiano: arrestati padre e figlio

Tentata estorsione a imprenditori agricoli: arrestati padre e figlio

 
Operazione dei cc
Monte S.Angelo, pregiudicato morì per faida tra clan: 2 arresti

Monte S.Angelo, pregiudicato morì per faida tra clan: 2 arresti. A indagini collaborò anche carabiniere ucciso

 
Dopo la sparatoria
Cagnano Varano, il carabiniere ferito lascia la terapia intensiva

Cagnano Varano, carabiniere ferito lascia la terapia intensiva: «Perdonare? Non so»

 
Incidente sulla Lucera - Biccari
Foggia, carambola tra 5 auto: sul posto arriva l'elisoccorso, 10 feriti

Foggia, carambola tra 5 auto: 10 feriti, interviene l'elisoccorso 

 
I fondi
Il Miur dovrà liquidare 7 mln all'Università di Foggia

Il Miur dovrà liquidare 7 mln all'Università di Foggia

 
La baraccopoli
Migranti, ruspe abbattono baracche nel ghetto di Borgo Mezzanone

Migranti, ruspe abbattono 19 baracche nel ghetto di Borgo Mezzanone VD

 
L'allarme
Foggia, meningite in bimbo di 11 anni: la Asl dispone la profilassi

Foggia, meningite in bimbo di 11 anni: la Asl dispone la profilassi

 
I fatti il 17 marzo
Far west dopo lite in strada a San Nicandro Garganico: in cella 31enne

Far west dopo lite in strada a San Nicandro Garganico: in cella 31enne

 

Il Biancorosso

LE ULTIME NOTIZIE
Il Bari giocherà col 4-4-2avanti Simeri e Iadaresta

Il Bari giocherà col 4-4-2
avanti Simeri e Iadaresta

 

NEWS DALLE PROVINCE

PotenzaL'annuncio
Fca, Melfi: sindacati, a maggio alcuni stop a produzione

Fca, Melfi: sindacati, a maggio alcuni stop a produzione

 
BrindisiA Ostuni
Fu investita: multata perché non attraversò sulle strisce

Fu investita: multata perché non attraversò sulle strisce

 
TarantoIn località Sabbione
Derturpata zona protetta dove vivono i fenicotteri: sequestri

Derturpata zona protetta dove vivono i fenicotteri: sequestri

 
LecceVerso il voto
«Santini» elettorali per strada, a Lecce appello al senso civico

«Santini» elettorali per strada, a Lecce appello al senso civico

 
FoggiaAccoglienza
Borgo Mezzanone, migranti cercano un altro ghetto

Borgo Mezzanone, migranti cercano un altro ghetto

 
BatÈ incensurato
Andria, in casa un market della droga: arrestato 25enne

Andria, in casa un market della droga: arrestato 25enne

 
MateraLa statistica
Turismo in Basilicata, cresce solo nel Materano : al Potentino vanno le briciole

Turismo in Basilicata, cresce nel Materano: al Potentino le briciole

 

Dopo il Medimex

Arbore al carcere di Foggia canta col coro dei detenuti

Una giornata all'insegna della solidarietà: «Non bisogna mai mettere da parte l'umanità»

Arbore al carcere di Foggia canta col coro dei detenuti

l «Grazie, non potevate farmi regalo più bello». Si è conclusa con un applaudito arrangiamento di “Ma la notte no”a cura del coro del penitenziario, guidato dal maestro Sergio Picucci, la visita di Renzo Arbore nella Casa Circondariale di Foggia, «un carcere importante in cui viene privilegiata l’umanità», ha sottolineato il musicista e showman. “È un momento rilevante per questo istituto, perché lei è di Foggia, di questa terra – ha detto durante i saluti il direttore del Penitenziario, Mariateresa Susca – Il carcere ha bisogno di questi momenti, di confrontarsi e noi siamo pronti ad aprirci al territorio, come istituzione. La sua presenza qui lo dimostra, per questo motivo la ringrazio calorosamente di aver accolto il nostro invito a nome del Personale, del Comandante di Reparto Luca Di Mola, dell’Area Educativa, coordinata da Maria Giovanna Valentini e di tutti i detenuti”. Sull’importanza del reinserimento e del trattamento all’interno dell’Istituzione Penitenziaria si è soffermato nel suo intervento il sindaco di Foggia, Franco Landella che ha ringraziato Renzo Arbore «per una presenza che porta sollievo e conforto». Luigi Talienti, vicepreside del CPIA1 di Foggia, ha portato i saluti della Dirigente Antonia Cavallone e di tutti i docenti del Centro Provinciale di Istruzione per gli Adulti, che sta realizzando – con il coordinamento del Maestro Sergio Picucci - il progetto “Tra musica e teatro, alla ricerca di un’espressione”, all’interno del quale è stato organizzato l’appuntamento “Renzo Arbore si racconta… ai detenuti”. Ha poi sottolineato l’importanza del volontariato, mondo rappresentato nel pomeriggio anche dal CSV Foggia. “Si tratta di un percorso progettuale articolato – ha avuto modo di spiegare il docente di musica – che prevede laboratori di musica, vocalità, espressione e teatro e momenti di confronto con i personaggi dello spettacolo e del mondo culturale”.

Renzo Arbore ha quindi risposto a numerose domande poste dai ristretti su vari temi, dai talent show alla professione che avrebbe scelto di fare se non fosse diventato un personaggio dello spettacolo; dal suo possibile erede televisivo - “è sicuramento Fiorello”, ha detto - ai ricordi che lo legano a Foggia, musicali e non solo. «Venerdì sera – ha raccontato – pioveva e ho iniziato il concerto ricordando ciò che sentivo cantare dai bambini foggiani, dietro casa mia, quando c’era la pioggia. E come dimenticare i versi dei carrettieri, alcuni erano a doppio senso”.Concluso il momento dell’intervista, dopo un emozionante monologo recitato da uno dei detenuti, il maestro Angelo Palazzo ha accompagnato al piano la performance musicale del coro, guidato da Picucci. Renzo Arbore, emozionato, ha cantato insieme ai ragazzi, coinvolgendo la platea, che lo ha ringraziato con una standing ovation. Il pomeriggio si è concluso con un fuoriprogramma, un’esibizione di “Tu si ‘na cosa grande” di Domenico Modugno, a cura di uno dei ristretti, che ha commosso i presenti. Prima di ripartire, Renzo Arbore ha salutato i detenuti, gli agenti della Polizia Penitenziaria e tutto il personale, ringraziando per l’esperienza, la prima per lui in un istituto penitenziario.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su

Caratteri rimanenti: 400