Mercoledì 19 Giugno 2019 | 05:01

NEWS DALLA SEZIONE

nel Foggiano
Poggio Imperiale, morta Nonna Peppa, la donna più anziana d'Europa

Poggio Imperiale, morta Nonna Peppa, la donna più anziana d'Europa

 
Non si fermò all'alt
Foggia, investì vigile con lo scooter: individuato minorenne, denunciato

Foggia, investì vigile con lo scooter: individuato minorenne, denunciato

 
Il rogo
Incendi alle Isole Tremiti, piromane in azione: avvistato con zaino rosso

Incendi alle Isole Tremiti, piromane in azione: avvistato con zaino rosso

 
Il caso
Grano a Foggia, De Bonis scrive a Mattarella: «Presto commissione unica»

Grano a Foggia, De Bonis scrive a Mattarella: «Presto commissione unica»

 
La denuncia del Cosp
Foggia, detenuto prende a calci nei testicoli agente penitenziario

Foggia, detenuto prende a calci nei testicoli agente penitenziario

 
L'agguato
Sparatoria a Orta Nova, pregiudicato 23enne gambizzato per strada

Sparatoria a Orta Nova, pregiudicato 23enne gambizzato per strada

 
La tragedia
San Marco in Lamis, cade dal trattore e il mezzo lo schiaccia: morto 61enne

San Marco in Lamis, cade dal trattore e il mezzo lo schiaccia: morto 61enne

 
L'atto di accusa
Foggia, case a luci rosse: 50 euro al giorno d'affitto per prostituirsi

Foggia, case a luci rosse: 50 euro al giorno d'affitto per prostituirsi

 
L'evento a S. Giovanni Rotondo
S. Giovanni Rotondo, al raduno della Protezione civile la più piccola volontaria d'Italia

Raduno nazionale Protezione civile, ecco la più piccola volontaria d'Italia: è pugliese

 
Il caso
Cerignola, fugge all’alt e sperona l’auto dei cc: arrestato

Cerignola, fugge all’alt e sperona l’auto dei cc: arrestato

 
Il caso
Foggia, Apulia Prontoprestito: dopo 2 anni tornano a lavoro in provincia

Foggia, Apulia Prontoprestito: dopo 2 anni tornano a lavoro in provincia

 

Il Biancorosso

LA CURIOSITA'
De Laurentiis e Simeri a MykonosTutto sulle vacanze del Bari

De Laurentiis e Simeri a Mykonos. Tutto sulle vacanze del Bari

 

NEWS DALLE PROVINCE

GdM.TVMaltempo in Basilicata
Potenza finisce sott'acqua: strade allagate come fiumi in piena

Potenza finisce sott'acqua: strade allagate come fiumi in piena

 
BariFallimenti truccati
Bari, giudice denunciò falsi mandati di pagamento: testimone a processo

Bari, giudice denunciò falsi mandati di pagamento: ora è testimone a processo

 
TarantoSport
Volley, nazionale femminile sorde è oro agli Europei: tra loro una tarantina

Volley, nazionale femminile sorde è oro agli Europei: tra loro una tarantina

 
LecceSalento
Abuso d'ufficio, indagato ex presidente Provincia di Lecce Gabellone

Abuso d'ufficio, indagato ex presidente Provincia di Lecce Gabellone

 
BrindisiMinacce e lesioni
Brindisi, litiga con la fidanzata e le rompe il naso: denunciato

Brindisi, litiga con la fidanzata e le rompe il naso: denunciato

 
Foggianel Foggiano
Poggio Imperiale, morta Nonna Peppa, la donna più anziana d'Europa

Poggio Imperiale, morta Nonna Peppa, la donna più anziana d'Europa

 
MateraNel Materano
Boom case vacanza nel Metapontino, terza località in Italia

Boom case vacanza nel Metapontino, terza località in Italia

 
BatDal geologo Dellisanti
Minervino Murge, scoperta nuova grotta carsica

Minervino Murge, scoperta nuova grotta carsica

 

i più letti

Omicidio

Trinitapoli, ammazzato sotto casa un boss ergastolano

Cosimo Damiano Carbone, di 63 anni, ritenuto al vertice della mafia di Trinitapoli beneficiava di permessi premio per motivi di salute

Lecce, aspirante carabiniere escluso da concorso per un tatuaggio

Cinque esami dello stub nei confronti di altrettanti pregiudicati ed una mezza dozzina di perquisizioni sono stati eseguiti nell'ambito delle indagini sull'omicidio di Cosimo Damiano Carbone, l'ergastolano di 63 anni ucciso ieri sera in via Transumanza a Trinitapoli. L'uomo è stato raggiunto da tre fucilate al petto e alla gola. Stando a quanto ricostruito fino a questo momento dai carabinieri, Carbone era fermo in auto nelle vicinanze della sua abitazione quando è stato affiancato da una Jeep Renegade a bordo della quale c'erano i due sicari incappucciati che hanno sparato colpi di fucile. Con la vittima c'era un pregiudicato che non ha fornito alcun elemento utile ai Carabinieri. La Jeep utilizzata dai sicari è stata trovata ieri sera completamente bruciata in una zona di campagna. Sono stati acquisiti i filmati delle telecamere della zona dell'agguato.

Secondo chi indaga, l'omicidio si inquadra nella guerra di mafia in atto dal gennaio scorso tra clan rivali di San Ferdinando di Puglia e Trinitapoli. Proprio dall'inizio dell'anno, dopo l'uccisione di Pietro De Rosa, compiuta il 20 gennaio, le forze di polizia hanno rinforzato i controlli anche con la presenza dei Cacciatori di Puglia.

COSA È SUCCESSO IERI - Un ergastolano, Cosimo Damiano Carbone, di 63 anni, è stato ucciso nei pressi della sua abitazione a Trinitapoli, tra le province di Bari e Foggia. L’uomo era ritenuto dagli inquirenti al vertice della mafia di Trinitapoli. Era stato condannato all’ergastolo, ma beneficiava periodicamente della detenzione domiciliare per problemi di salute. A quanto si è saputo, l'uomo è stato ucciso con almeno tre fucilate mentre era in auto nelle vicinanze della sua abitazione, in via Transumanza: i killer sarebbero fuggiti a bordo di un'auto che è stata ritrovata completamente bruciata. Le indagini sono coordinate dai Carabinieri della Compagnia di Cerignola e del Comando provinciale. Gli investigatori starebbero verificando la presenza di un’altra persona che era in auto con la vittima al momento dell’agguato. Un valido aiuto alle indagini potrà giungere attraverso la visione dei filmati delle telecamere di sicurezza installate nella zona.

Cosimo Damiano Carbone era stato condannato all’ergastolo per l'omicidio di Savino Saracino, compiuto a Trinitapoli il 30 settembre 2004. Carbone fu fermato dai carabinieri due giorni dopo l’uccisione di Saracino, che aveva 35 anni, e il tentativo di omicidio di Michele Miccoli, 32 anni, entrambi pregiudicati. L'agguato - secondo le indagini - maturò nell’ambito di contrasti tra gruppi malavitosi rivali.

Anche il fratello più grande di Cosimo Damiamo Carbone, Antonio, di 70 anni, fu ucciso il 27 maggio del 2014 con tre colpi di fucile calibro 12 nel centro di Trinitapoli mentre era a bordo della sua auto. Quello di oggi è il secondo omicidio compiuto a Trinitapoli dall’inizio dell’anno: il primo era avvenuto il 20 gennaio scorso quando venne ucciso il pregiudicato Pietro De Rosa.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su

Caratteri rimanenti: 400

LE RUBRICHE

Speciale Abbonamento - Scopri le formule per abbonarti al giornale quotidiano della Gazzetta
Gazzettaffari - Portale di annunci de La Gazzetta del Mezzogiorno
Gazzetta Necrologie