Lunedì 16 Settembre 2019 | 08:17

NEWS DALLA SEZIONE

i roghi
Incendio a lago Salso nel Foggiano, distrutti ettari di canneto

Incendio a lago Salso nel Foggiano, distrutti ettari di canneto. Fiamme anche a Torre Colimena, nel Tarantino

 
Nel foggiano
Cerignola, in casa hashish e una targa clonata: arrestato 26enne

Cerignola, in casa hashish e una targa clonata: arrestato 26enne

 
Nel foggiano
Manfredonia, da 40 anni botte e violenze dal marito ormai 70enne: arrestato

Manfredonia, botte e violenze contro la moglie da 40 anni: arrestato 72enne

 
nel foggiano
Cerignola, GdF sequestra 13mila piante di marijuana: avrebbero fruttato 4mln di euro

Cerignola, GdF sequestra 13mila piante di marijuana: avrebbero fruttato 4mln di euro

 
Musica
Foggia, in fila dalle 7 del mattino per il concerto di Ezio Bosso

Foggia, in fila dalle 7 del mattino per il concerto di Ezio Bosso VD

 
La manifestazione
San Severo dice stop all'omofobia: in 300 sfilano con Luxuria

San Severo dice stop all'omofobia: in 300 sfilano con Luxuria

 
Il caso
«Non ti affitto casa perché sei nata a Foggia», choc nel Milanese

«Non ti affitto casa perché sei nata a Foggia», choc nel Milanese

 
Il caso
Estorce soldi a donne vittime di violenze: foggiana presidente di una onlus arrestata in Romagna

Estorce soldi a donne vittime di violenze: foggiana presidente di una onlus arrestata in Romagna

 
Nel foggiano
Orta Nova, 4 banditi rapinano area di servizio su SS16 con fucile: indagano cc

Orta Nova, 4 banditi rapinano area di servizio su SS16 con fucile: indagano cc

 
nel Foggiano
S.Nicandro Garganico: coltivano 140 piante di canapa indiana, 2 arresti

S.Nicandro Garganico: coltivano 140 piante di canapa indiana, 2 arresti

 
Il racconto
Foggia, volontari portano viveri a senzatetto alla stazione: multati perché senza biglietto

Foggia, volontari multati in stazione: Polfer pronta a ritirare sanzioni

 

Il Biancorosso

Serie C
Il nuovo Bari ricomincia da tre

Il nuovo Bari ricomincia da tre

 

NEWS DALLE PROVINCE

HomeIncidente stradale
Massafra, perde il controllo della moto e si schianta: morto 48enne

Massafra, perde il controllo della moto e si schianta: morto 48enne

 
BrindisiL'omicidio
Brindisi, 19enne ucciso con 3 colpi alla testa: domani i funerali

Brindisi, 19enne ucciso con 3 colpi alla testa: domani i funerali

 
BatLa lite
Barletta, rissa tra ubriachi: uomo ferito con un fendente. Non è grave

Barletta, rissa tra ubriachi: uomo ferito con un fendente. Non è grave

 
BariAlla Campionaria
Bagno di folla per Ezio Bosso a Bari: sala gremita per il Maestro

Bagno di folla per Ezio Bosso a Bari: «Non posso suonare, smettete di chiedermelo»

 
Foggiai roghi
Incendio a lago Salso nel Foggiano, distrutti ettari di canneto

Incendio a lago Salso nel Foggiano, distrutti ettari di canneto. Fiamme anche a Torre Colimena, nel Tarantino

 
LecceSulla circonvallazione
Lecce, incendia il negozio attiguo al suo bar ormai chiuso: arrestato 57enne

Lecce, incendia il negozio attiguo al suo bar ormai chiuso: arrestato 57enne

 
PotenzaA reggio emilia
La birra è troppo fredda, 39enne del Potentino tenta di strangolare una barista

La birra è troppo fredda, 39enne del Potentino tenta di strangolare una barista

 
MateraNel Materano
Craco, pochi alunni: accorpate classi di medie ed elementari, protesta dei genitori

Craco, pochi alunni: accorpate classi di medie ed elementari, protesta dei genitori

 

i più letti

Omicidio

Trinitapoli, ammazzato sotto casa un boss ergastolano

Cosimo Damiano Carbone, di 63 anni, ritenuto al vertice della mafia di Trinitapoli beneficiava di permessi premio per motivi di salute

Lecce, aspirante carabiniere escluso da concorso per un tatuaggio

Cinque esami dello stub nei confronti di altrettanti pregiudicati ed una mezza dozzina di perquisizioni sono stati eseguiti nell'ambito delle indagini sull'omicidio di Cosimo Damiano Carbone, l'ergastolano di 63 anni ucciso ieri sera in via Transumanza a Trinitapoli. L'uomo è stato raggiunto da tre fucilate al petto e alla gola. Stando a quanto ricostruito fino a questo momento dai carabinieri, Carbone era fermo in auto nelle vicinanze della sua abitazione quando è stato affiancato da una Jeep Renegade a bordo della quale c'erano i due sicari incappucciati che hanno sparato colpi di fucile. Con la vittima c'era un pregiudicato che non ha fornito alcun elemento utile ai Carabinieri. La Jeep utilizzata dai sicari è stata trovata ieri sera completamente bruciata in una zona di campagna. Sono stati acquisiti i filmati delle telecamere della zona dell'agguato.

Secondo chi indaga, l'omicidio si inquadra nella guerra di mafia in atto dal gennaio scorso tra clan rivali di San Ferdinando di Puglia e Trinitapoli. Proprio dall'inizio dell'anno, dopo l'uccisione di Pietro De Rosa, compiuta il 20 gennaio, le forze di polizia hanno rinforzato i controlli anche con la presenza dei Cacciatori di Puglia.

COSA È SUCCESSO IERI - Un ergastolano, Cosimo Damiano Carbone, di 63 anni, è stato ucciso nei pressi della sua abitazione a Trinitapoli, tra le province di Bari e Foggia. L’uomo era ritenuto dagli inquirenti al vertice della mafia di Trinitapoli. Era stato condannato all’ergastolo, ma beneficiava periodicamente della detenzione domiciliare per problemi di salute. A quanto si è saputo, l'uomo è stato ucciso con almeno tre fucilate mentre era in auto nelle vicinanze della sua abitazione, in via Transumanza: i killer sarebbero fuggiti a bordo di un'auto che è stata ritrovata completamente bruciata. Le indagini sono coordinate dai Carabinieri della Compagnia di Cerignola e del Comando provinciale. Gli investigatori starebbero verificando la presenza di un’altra persona che era in auto con la vittima al momento dell’agguato. Un valido aiuto alle indagini potrà giungere attraverso la visione dei filmati delle telecamere di sicurezza installate nella zona.

Cosimo Damiano Carbone era stato condannato all’ergastolo per l'omicidio di Savino Saracino, compiuto a Trinitapoli il 30 settembre 2004. Carbone fu fermato dai carabinieri due giorni dopo l’uccisione di Saracino, che aveva 35 anni, e il tentativo di omicidio di Michele Miccoli, 32 anni, entrambi pregiudicati. L'agguato - secondo le indagini - maturò nell’ambito di contrasti tra gruppi malavitosi rivali.

Anche il fratello più grande di Cosimo Damiamo Carbone, Antonio, di 70 anni, fu ucciso il 27 maggio del 2014 con tre colpi di fucile calibro 12 nel centro di Trinitapoli mentre era a bordo della sua auto. Quello di oggi è il secondo omicidio compiuto a Trinitapoli dall’inizio dell’anno: il primo era avvenuto il 20 gennaio scorso quando venne ucciso il pregiudicato Pietro De Rosa.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su

Caratteri rimanenti: 400

LE RUBRICHE

Speciale Abbonamento - Scopri le formule per abbonarti al giornale quotidiano della Gazzetta
Gazzettaffari - Portale di annunci de La Gazzetta del Mezzogiorno
Gazzetta Necrologie