Mercoledì 24 Aprile 2019 | 00:12

NEWS DALLA SEZIONE

La strage
Mafia, intitolato ai fratelli Luciani presidio Libera San Marco in Lamis

Mafia, intitolato ai fratelli Luciani presidio Libera San Marco in Lamis

 
Sull'Isola di Capraia
Migranti, 17 curdi sbarcano alle Isole Tremiti: tra loro donne e bambini

Migranti, 18 curdi sbarcano alle Isole Tremiti: tra loro bimbo paraplegico

 
Violenza in famiglia
Rodi Garganico, minaccia i parenti con bastone e aggredisce i cc: arrestato 60enne

Rodi Garganico, minaccia i parenti con bastone e aggredisce i Cc

 
Occupazione
Foggia, nuove assunzioni in Camera di commercio

Foggia, nuove assunzioni in Camera di commercio

 
Spaccio
San Severo, la droga tra i panini: arrestato un fornaio

San Severo, la droga tra i panini: arrestato un fornaio

 
Un 23enne
Cerignola, spacciatore ingoia dosi di coca: è in Rianimazione

Cerignola, spacciatore ingoia dosi di cocaina: finisce in Rianimazione

 
Operazione Ultimo Avamposto
Foggia, blitz antidroga sul Gargano: le videointercettazioni

Foggia, blitz antidroga sul Gargano: le videointercettazioni

 
Contratto di sviluppo
Distretto agroindustria, Foggia vuole 100 milioni

Distretto agroindustria, Foggia vuole 100 milioni

 
L’operazione della Dia
Mafia e droga, maxi blitz della polizia: arrestati boss del Gargano

Blitz antidroga della polizia: 10 arresti tra cui boss del Gargano

 
Il caso
Cerignola, beccato mentre smontava delle auto: arrestato 41enne

Cerignola, beccato mentre smontava delle auto: arrestato 41enne

 
Il 4 maggio
Conte torna in Puglia per 100 anni Bcc di San Giovanni Rotondo

Conte torna in Puglia per 100 anni Bcc di San Giovanni Rotondo

 

Il Biancorosso

L'ANALISI
Bari, e adesso cosa si fa?Si accarezza il sogno scudetto

Bari, e adesso cosa si fa?
Si accarezza il sogno scudetto

 

NEWS DALLE PROVINCE

FoggiaLa strage
Mafia, intitolato ai fratelli Luciani presidio Libera San Marco in Lamis

Mafia, intitolato ai fratelli Luciani presidio Libera San Marco in Lamis

 
LecceL'inchiesta
Lecce, magistrati arrestati: chiesto incidente probatorio. Altro pm indagato

Lecce, magistrati arrestati: chiesto incidente probatorio. Altro pm indagato

 
PotenzaLe indagini
Disastro ambientale Val D'agri, suicida avvisò con memoriale

Disastro ambientale Val D'agri, suicida avvisò con memoriale

 
BariL'intervista
Loredana Ascenza Fasano: «Ricomincio dai Verdi dopo la rinuncia ambientalista M5S»

Loredana Ascenza Fasano: «Ricomincio dai Verdi dopo la rinuncia ambientalista M5S»

 
MateraOperazione della Polizia
Metaponto, nello zaino con un chilo di droga: in cella gambiano

Metaponto, nello zaino con un chilo di droga: in cella gambiano

 
BatIl furto
Trinitapoli, rubano 5mila carciofi dai campi: 4 arresti

Trinitapoli, rubano 5mila carciofi dai campi: 4 arresti

 
BrindisiVento forte
Brindisi, maltempo blocca nel porto traghetto per Valona

Brindisi, traghetto bloccato dal vento nel porto: era diretto a Valona

 
TarantoL'operazione dei cc
Laterza, ruba alcol, soldi e tabacchi in un bar: arrestato 40enne

Laterza, ruba alcol, soldi e tabacchi in un bar: arrestato 40enne

 

La storia

Ottant'anni dalle leggi razziali
A Torremaggiore il caso Matatia

Lo scrittore di origini ebraiche prima convocato, poi dimenticato e ora nuovamente atteso all'istituto "Fiani Lecisotti"

80 anni dalle leggi razziali, a Torremaggiore il caso Matatia

Facebook

FOGGIA - Il caso sembra apparentemente chiuso. Ma la vicenda che ha coinvolto, suo malgrado, lo scrittore di origine ebraiche Roberto Matatia, prima convocato, poi dimenticato e ora nuovamente atteso all’istituto scolastico “Fiani Leccisotti” di Torremaggiore per parlare della sua esperienza a 80 anni dalle leggi razziali, è sintomatica di un periodo storico in cui il verosimile supera il vero, al netto del dibattito (serio) sulle cosiddette “fake news”.

Ora, l’atteggiamento elegante di Matatia, che chiarita la situazione ha parlato eufemisticamente di un malinteso, non deve far perdere di vista il motivo della visita dello scrittore agli studenti: gli 80 anni della promulgazione delle leggi razziali in Italia, durante il regime fascista con il beneplacito della monarchia sabauda. E la necessità, a ottant’anni di distanza da quel triste e tragico avvenimento, che ha seminato lutti materiali e morali nel Paese, di continuare a fare memoria, di spiegare ai più giovani che cosa è accaduto e che cosa non deve più accadere. Ecco, la vicenda del “Fiani Leccisotti” deve servire soprattutto a riscoprire, anche da parte dei docenti, questa esigenza civile di non lasciar correre come incidenti di percorso la storia del Paese. E mai come in questo periodo, scandito da pulsazioni anche xenofobe e che mettono in discussione il rapporto con l’altro, sarebbe auspicabile uno sforzo di carattere generale per non spostare indietro le lancette della storia.

Tocca ora alla comunità del “Fiani Leccisotti” di Torremaggiore, una città che si vanta giustamente di aver dato i natali ad una icona mondiale del pregiudizio come Nicola Sacco ucciso sulla sedia elettrica negli Usa per un reato non commesso ma perché italiano e immigrato, fare la sua parte con i docenti, i genitori e gli studenti, alla fine le vere vittime di questa polemica nata perché qualcuno non ha saputo riflettere e governare pensieri e parole. E se avviene in una scuola forse potrebbe essere grave.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su

Caratteri rimanenti: 400