Venerdì 19 Ottobre 2018 | 21:26

NEWS DALLA SEZIONE

Blitz della Polizia
Foggia, catturata banda di rapinatori: colpi in negozi e gioiellerie, 5 arresti

Cerignola, catturata banda di rapinatori con la «mazzuo...

 
Sanità
Foggia, stabilizzati 105 precariall'Asl dopo più di 10 anni

Foggia, stabilizzati 105 precari all'Asl dopo più di 10...

 
A Foggia
Perseguitava l'ex compagna e i suoi genitori: non potrà più avvicinarsi

Perseguitava l'ex compagna e i suoi genitori: non potrà...

 
Trasporti
Foggia, seconda stazione, per il sindaco: «Si farà»

Foggia, seconda stazione, per il sindaco: «Si farà»

 
L'inchiesta
Lucera, sequestrata sede giudice di pace: «È pericolosa per la pubblica incolumità»

Lucera, sequestrata sede giudice di pace: «È pericolosa...

 
Quadruplice omicidio nel 2017
Strage S.M. in Lamis, dopo un anno arrestato pregiudicato. Morirono i fratelli Luciani, innocenti

Strage S.M. in Lamis, un arresto. Morirono i fratelli L...

 
Etichetta obbligatoria
Il primo pomodoro made in Italy parla foggiano

Il primo pomodoro made in Italy parla foggiano

 
Nel Foggiano
Contrabbando gasolio agricolo: 2 arresti, 9 denunce e 6 distributori abusivi sequestrati

Contrabbando gasolio agricolo: 2 arresti, 9 denunce e 6...

 
A Foggia
L'ambulanza è in ritardo nei soccorsi e il medico viene aggredito dalla folla

L'ambulanza è in ritardo e la dottoressa del 118 viene ...

 
Il caso
Rapinano ufficio postale a Lucera, arrestati un 19enne e un 22enne di Cerignola

Rapinano ufficio postale a Lucera, arrestati un 19enne ...

 
Gazzettaffari - Portale di annunci de La Gazzetta del Mezzogiorno

i più letti

in un taccuino un elenco di nomi

Droga, armi ed estorsioni: 13 arresti sul Gargano

Il clan capeggiato da Donato Elia Monaco aveva assunto nei comuni del nord Gargano il controllo dello spaccio di sostanze stupefacenti, cocaina, hashish e marijuana. Sequestrate anche armi

Droga, armi ed estorsioni: 13 arresti nel Nord Foggiano

Le armi sequestrate

VICO DEL GARGANO (FOGGIA) - Un’organizzazione dedita allo spaccio di stupefacenti, estorsioni e ricettazione che operava prevalentemente sul Gargano (Vico del Gargano, Ischitella, San Severo, Rodi Garganico, Foggia e Vieste) è stata disarticolata dai carabinieri che hanno arrestato 13 persone (7 in carcere e 6 ai domiciliari) e notificato un obbligo di dimora. Le accuse sono, in concorso e a vario titolo, di spaccio di ingenti quantitativi di sostanze stupefacenti, porto abusivo di armi anche da guerra, estorsione, danneggiamento aggravato e ricettazione. Gli arresti sono stati eseguiti in base ad una ordinanza di custodia cautelare emessa dal gip del Tribunale di Foggia su richiesta della procura.

Le indagini erano partite nell’ottobre del 2016 in seguito di una perquisizione fatta dai militari di Vico del Gargano in casa di un pregiudicato, durante la quale fu trovato un taccuino con un elenco di nomi, soprannomi e cifre riferiti ad acquisti e cessioni di stupefacenti. Gli investigatori hanno poi accertato che il controllo dello spaccio nei comuni del nord del Gargano era stato assunto da Donato Elia Monaco.

Secondo l’accusa, per imporre il suo predominio, Monaco faceva ricorso a minacce ed intimidazioni, specie nei confronti di chi era in ritardo nei pagamenti della droga. Il gruppo disponeva anche di armi utilizzate per minacciare debitori e concorrenti. L'approvvigionamento di droga avveniva a Foggia o da fornitori albanesi. Nel corso delle indagini sono state sequestrate due pistole e una mitraglietta, ingenti quantitativi di stupefacenti per un valore di circa 150.000 euro, accertati circa 1500 episodi di spaccio e di approvvigionamento, per un giro di affari complessivo di circa 300.000 euro in pochi mesi.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su

Caratteri rimanenti: 400