Mercoledì 23 Gennaio 2019 | 23:23

NEWS DALLA SEZIONE

CARPI FOGGIA 0-2
Il Foggia vince a Carpi: scontro diretto per la salvezza

Il Foggia vince a Carpi: scontro diretto per la salvezza

 
Serie B
Foggia calcio, Padalino trova Greco: «Lo conosco bene può darci una mano»

Foggia calcio, Padalino trova Greco: «Lo conosco bene può darci una mano»

 
Serie B
Calciomercato, Foggia: difesa da saldare, Spolli in pole

Calciomercato, Foggia: difesa da saldare, Spolli in pole

 
Calciomercato
Foggia, in arrivo il portiere Frattali dal Parma

Foggia, in arrivo il portiere Frattali dal Parma

 
Serie B
Foggia calcio, Leali, Frattali e Milinkovic-Savic: si apre la caccia al «numero uno»

Foggia calcio, Leali, Frattali e Milinkovic-Savic: si apre la caccia al «numero uno»

 
Serie B
Calcio, il Foggia pareggia con il Verona: 2-2

Calcio, il Foggia pareggia con il Verona: 2-2

 
Serie B
Perugia - Foggia 3-0, amara fine dell'anno per i rossoneri

Perugia - Foggia 3-0, amara fine dell'anno per i rossoneri

 
Serie B
Il Foggia cerca riscatto Perugia tappa delicata

Il Foggia cerca riscatto Perugia tappa delicata

 

Serie B

Loiacono carica «Foggia, ecco 4 partite per accelerare»

Concentrazione, ritmo, intensità, determinazione. Il Foggia prepara la trasferta di Cosenza

Loiacono carica «Foggia, ecco 4 partite per accelerare»

FOGGIA - Concentrazione, ritmo, intensità, determinazione. Il Foggia prepara la trasferta di Cosenza, rossoneri al lavoro per riprendere il filo della scalata iniziata a fine settembre e messa in stand-by nel weekend scorso, a causa della sosta del campionato. La B ricomincia dopo la pausa. Oggi ultimo allenamento in sede e partenza per la Calabria, dove la formazione di Grassadonia sosterrà, domani, la rifinitura in vista della gara con i rossoblù, in programma sabato alle 15.
«Fermarsi dopo tre vittorie di fila non è bello, ma la sosta quantomeno ci ha permesso di recuperare qualche calciatore infortunato e di superare alcuni acciacchi - osserva il difensore Giuseppe Loiacono -. Ci aspetta una partita importante a Cosenza, e difficile. I calabresi hanno bisogno di punti e vorranno fare bella figura davanti al proprio pubblico. Dobbiamo affrontare questo impegno facendo la nostra partita, giocando come sappiamo».

La classifica dice che è uno scontro-salvezza: 4 punti per entrambe le squadre, sospese fra zona-retrocessione e playout; in realtà, senza la penalizzazione di 8 punti, il Foggia sarebbe al terzo posto a quota 12, accanto a Lecce e Spezia. Ora, i rossoneri sono attesi da un tour de force di 4 partite in 2 settimane: sabato prossimo la trasferta di Cosenza, poi il derby casalingo con il Lecce, la gara esterna infrasettimanale di Cittadella e l’impegno allo «Zaccheria» con il Brescia. Dopodiché, un altro stop per Agnelli e compagni: due settimane di pausa, dovute al turno di riposo e alla nuova sosta per gli impegni delle Nazionali. «Queste 4 partite che disputeremo entro l’inizio di novembre sono molto importanti e possono essere determinanti - sottolinea il 27enne centrale rossonero -. Abbiamo la possibilità di ritrovarci ai vertici della classifica nonostante i punti di penalizzazione. Stiamo bene e dobbiamo sfruttare al massimo e al meglio questo buon momento di forma che stiamo attraversando».

Otto partite ufficiali dall’inizio della stagione, di cui una di Coppa Italia e le altre sette del torneo cadetto: neanche una gara conclusa mantenendo la porta inviolata. Il Foggia ha subito 13 reti finora in campionato ed è fra le squadre della seconda serie più perforate, assieme a Carpi e Padova, ma ha anche segnato tanto (miglior attacco con 14 centri). Il Cosenza, invece, è insieme al Livorno la formazione meno prolifica (4 gol all’attivo): il Foggia ha l’opportunità di concludere per la prima volta una partita senza reti al passivo. «Sul piano difensivo dobbiamo certamente migliorare - ammette il difensore del club dauno -. I numeri parlano chiaro. Siamo una squadra molto offensiva. Data la mole di gioco che produciamo e le tante azioni che creiamo, ci può stare di concedere qualcosa agli avversari. Stiamo lavorando, però, anche su questo aspetto e i frutti sicuramente si vedranno».

Barese, classe ‘91, fra i jolly del Foggia (difensore centrale e laterale, all’occorrenza esterno di centrocampo), capitano quando Agnelli non è fra gli 11 in campo, Loiacono è alla settima stagione di seguito in rossonero ed ora ritrova Iemmello, suo grande amico fuori dal campo oltre che compagno di squadra. Il bomber ex Sassuolo e Benevento ha iniziato ad allenarsi agli ordini di Grassadonia: il conto alla rovescia per il suo ritorno in campo è partito. «Pietro è un lusso per la B, siamo felici di riaverlo con noi - dice Loiacono -. Si è ripreso. Ci darà una grande mano».

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su

Caratteri rimanenti: 400