Domenica 24 Marzo 2019 | 18:02

NEWS DALLA SEZIONE

La sfida è aperta
TUTELATI - Bietola melanzane ripiene  sivone e lampascione

Puglia, crescono i prodotti «Pat»

 
Innovazione della filiera agroalimentare
Da sinistra: Antonello Magistà (SALA), Salvatore Turturo (CHEF) e Marianna Cardone (VINO)

La «primavera» arriva in cucina

 
Prima iniziativa il 14 aprile
Da sinistra: Donato Taurino presidente di Buonaterra, Maria Teresa Varvaglione presidente Mtv Puglia, Giuseppe Schino presidente La Puglia è servita

2019, anno ad alti livelli per enogastronomia e ristorazione di qualità

 
La qualità trionfa
VERONA - La premiazione  dell’allevatrice  Mariangela Netti di Turi

Quando il latte non è tutto uguale

 

Il Biancorosso

SERIE D
Palmese - Bari: segui la diretta

Palmese - Bari termina 0-0, biancorossi sempre più vicini alla C 
Rivedi la diretta

 

NEWS DALLE PROVINCE

Lecce
Leuca, intercettata da Gdf barca a vela con 25 migranti

Leuca, intercettata da Gdf barca a vela con 25 migranti

 
TarantoAmbiente
Ex Ilva, Conte : «Sappiamo che il problema di Taranto è serio»

Ex Ilva, Conte : «Sappiamo che il problema di Taranto è serio»

 
FoggiaAnche lei premiata da Mattarella
È Rebecca, 10 anni da Lucera, l'Alfiere della Repubblica più giovane d'Italia

È Rebecca, 10 anni da Lucera, l'Alfiere della Repubblica più giovane d'Italia

 
MateraDroga
Coltivava marijuana in casa: arrestato 40enne nel Materano

Coltivava marijuana in casa: arrestato 40enne nel Materano

 
BrindisiIl caso
Cimitero privatizzato a Ceglie Messapica, la Lega: «È una cosa sospetta»

Cimitero privatizzato a Ceglie Messapica, la Lega: «È una cosa sospetta»

 
BatIl caso
Canosa, «Datemi i soldi per la droga» e minaccia gli anziani genitori: arrestato

Canosa, «Datemi i soldi per la droga» e minaccia gli anziani genitori: arrestato

 
Altre notizie HomeTra sacro e profano
Sannicandro di Bari, ecco i pentoloni di ceci per festeggiare San Giuseppe

Sannicandro di Bari, ecco i pentoloni di ceci per festeggiare San Giuseppe

 

Pasta, sapori di Puglia, la storia di successo di «Dedicato» Granoro

Orecchiette Granoro linea «Dedicato»

Orecchiette Granoro linea «Dedicato»

di Antonella Millarte

“Mi ricordo i campi di grano dorati, che mi davano il benvenuto ogni volta che tornavo in Puglia da Bologna. Quelle immagini, quelle emozioni, sono state la spinta motivazionale per esplorare la possibilità di produrre una linea di pasta solo da grano duro di qualità non importato”. Marina Mastromauro, Ceo Granoro, è stata fra i pionieri in Italia in questo settore. Nel 2010 ha messo le basi per questo sogno, diventato realtà nel 2012, e che oggi è oramai un successo consolidato, grazie al quale in tutta Italia si guarda come “best practice”.

La prima domanda, che può cambiare il destino (per ora ancora in declino) delle produzioni made in Puglia è stata molto semplice. È possibile, anche per l’Italia, produrre grano duro di qualità, senza obbligatoriamente acquistarlo all’estero? La risposta di Granoro è positiva ed è provata nei fatti, con la linea “Dedicato” e la collezione in crescita di formati di pasta da colore, sapore e significato differenti: è fatta solo con la semola del nostro grano duro.

La certezza è iniziata, in campo, dove con un attento lavoro di verifica nelle coltivazioni sono emersi segnali positivi. In laboratorio, Granoro con i suoi abili tecnici, ha trovato al conferma. A Corato, nella storica e modernissima sede dell’industria pastaria, è iniziata la produzione di Dedicato.

Prima del pacco di pasta, c’è stato un complesso percorso che ha aggregato i player agricoli e li ha spinti a produrre grano duro di qualità, con specifiche caratteristiche richieste dalla moderna industria della pasta. Coinvolgendo gli operatori del Tavoliere, le cooperative di stoccaggio, i molini, è nato ufficialmente nel 2012 il progetto “Dedicato”. Questa pasta Granoro “Dedicato” è il primo prodotto a fregiarsi anche del marchio “Prodotti di Qualità di Puglia”, voluto dall’assessorato regionale alle Risorse agroalimentari, che attesta e certifica che la filiera è tutta pugliese. Ed è anche la prima pasta di filiera cerealicola pugliese certificata UNI EN ISO22005:08 da DNV (Det Norske Veritas).

Con “Dedicato” Granoro ha introdotto dei modelli di filiera in cui protagonisti sono gli agricoltori che si sentono direttamente coinvolti e partecipi in un progetto che mira essenzialmente a valorizzare il loro lavoro e la cerealicoltura pugliese.  Ad oggi abbiamo invitato “a tavola” una aggregazione composta da 140 piccoli produttori: erano solo una ventina sei anni fa. La produzione è arrivata ad essere di circa 90.000 quintali di grano duro di qualità secondo gli standard dell’industria pastaria, totalmente ottenuto in Puglia.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su

Caratteri rimanenti: 400