Domenica 21 Ottobre 2018 | 12:42

NEWS DALLA SEZIONE

Cibo semplice per persone intelligenti
L'IDEA - È dello chef Peppe Zullo ed è giunta alla 23esima edizione

Per il cibo universale

 
Garden Festival d’Autunno
STAGIONE - Zucche, bulbi e piante da mettere a dimora

I giardini? Emozione d'autunno

 
Come a una lezione universitaria
IL SAPERE - Con Pietro Zito, chef contadino, a Montegrosso di Andria

Le «Cucine aperte» a tutto gusto

 
SALENTINO DI VEGLIE
CAMPIONE - A sinistra  il vincitore Matteo Carrozzini

Matteo Carrozzini miglior sommelier di Puglia 2018

 
Gazzettaffari - Portale di annunci de La Gazzetta del Mezzogiorno

i più letti

Buongusto

Vino e olio bio: l'eccellenza di Senise

La nuova Tenuta Crocco e le altre aziende che puntano sul biologico anche all'estero

Nobiltà e tanta passione per portare la Basilicata nel mondo

Nobiltà e tanta passione per portare la Basilicata nel mondo

BUONGUSTO - Senise, storie di impresa e, anzi, storie di famiglie che costruiscono e fanno prosperare l’economia del Sud.

Protagonista assoluto è il Made in Basilicata, moderno erede di una tradizione antichissima e che, oramai, fa il giro delle tavole gourmet del mondo.

La famiglia gentilizia Crocco coltiva la vite e l’ulivo – qui a Senise - fin dal Medioevo.

A quel tempo, Pietro Crocco era uno speziale valentissimo, che il principe Bernardino voleva sempre con sé. Per ricompensarlo gli assegnò vasti terreni seminativi nel territorio di Senise: Massanova, il Misossero, il Visciglio dove il terroir è ideale soprattutto per il vino e per la vite. Oggi, dopo secoli, le coltivazioni sono rimaste le stesse. La nuova azienda San Marco, nella Tenuta di Domenico Crocco, conserva tutta la storia secolare innovandola. Resta il vino, il Rosso Reale, resta l’aglianico, ma è biologico, molto strutturato, affinato per almeno un anno in barrique.

Per l’olio, stessa filosofia dei Crocco, per una produzione rigorosamente biologica e frutto di due cultivar che si sposano divinamente: la Frantoio e la Termite di Bitetto.

Il livello di acidità, misurata in laboratorio, è vicino allo zero, e ciò ne denota la purezza.

Interessante notare come tutta la filiera dei Crocco sia basata sulla valorizzazione del Sud. Tutti i fornitori sono del Sud: dal designer delle etichette salentino Damiano Misciali, ai fornitori di tappi, bottiglie e confezioni che sono baresi, lucani e campani.

La raccolta delle uve biologiche viene effettuata a mano, selezionando solo i grappoli migliori, quella delle olive viene fatta evitando mezzi tecnici che possono portare stress alle piante.

Passione e tradizione, natura, innovazione sono le basi sulle quali questa azienda modello della Basilicata, anche grazie all’e-commerce, vende in tutta Italia e all’estero. Spicca il Rosso Reale della tenuta Crocco, imbottigliato nella Cantina di Amedeo Castelluccio. Siamo nel comune di Senise, nel Sud della Basilicata, in vigneti che ricadono nel parco del Pollino. Un’area che i Greci, nel V secolo avanti Cristo, chiamarono Enotria: “Terra del Vino”.

Per info www.tenutacrocco.it.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su

Caratteri rimanenti: 400