Giovedì 14 Novembre 2019 | 12:07

NEWS DALLA SEZIONE

A spasso per l’Italia e l’Europa
Calici e ricette - Lo chef  Pietro Penna stellato a Manduria

E ora il vino pugliese fa le valigie

 
ristorazione
Guida Michelin: i ristoranti stellati pugliesi salgono da 10 a 12

Guida Michelin: i ristoranti stellati pugliesi salgono da 10 a 12

 
Si è rifatto il look con un anno di stop
LA FOLLA - I golosi sanno che a Noci c’è tanto sapore

Bacco nelle gnostre torna a Noci

 
Un Sud in movimento
OLIO - La base della dieta mediterranea acquista più valore

Cercansi talenti dell’extra vergine

 
Vino e panettone sono quasi pronti
LE DOLCI BONTA' - Ecco quelle di dicembre già in lavorazione

Nell’attesa della tavola natalizia

 

Il Biancorosso

serie c
Vivarini e il «modulo cangiante»: così il Bari diventa un'orchestra

Vivarini e il «modulo cangiante»: così il Bari diventa un'orchestra

 

NEWS DALLE PROVINCE

TarantoDurante la task force
Infrataras Taranto, in 145 a rischio licenziamento: domani sit in in Regione

Infrataras Taranto, in 145 a rischio licenziamento: domani sit in in Regione

 
BariI dati
Acquaviva, al via "Radiografia del Cuore della Puglia": confronto tra 10 comuni

Acquaviva, al via "Radiografia del Cuore della Puglia": confronto tra 10 comuni

 
PotenzaLa città che cambia
Potenza, riaperto al traffico il ponte di Montereale

Potenza, riaperto al traffico il ponte di Montereale

 
LecceL'evento
Lecce, il regista Ferzan Ozpetek «ambasciatore» dell’Unisalento

Lecce, il regista Ferzan Ozpetek «ambasciatore» dell’Unisalento

 
BrindisiOmicidio colposo
Francavilla, tubo lasciato nell’addome di un paziente, ma non da loro: assolti in 5

Francavilla, tubo lasciato nell’addome di un paziente, ma non da loro: assolti in 5

 
BatFatture inesistenti
Barletta, società cartiere di fatture false: 53 indagati

Barletta, società cartiere di fatture false: 53 indagati

 
FoggiaLotta alla droga
Vieste, in auto con 1 kg di cocaina purissima e 20mila euro: arrestato

Vieste, in auto con 1 kg di cocaina purissima e 20mila euro: arrestato

 
MateraIL Quirinale
Matera flagellata da maltempo, Mattarella chiama il sindaco

Matera flagellata da maltempo, Mattarella chiama il sindaco

 

i più letti

Mediterraneo troppo sfruttato

Come non prendere un «granchio»

Tantillo (Uniba): «Occhio a quello cinese guantato, è pericoloso per la salute»

DI FIUME - Questo è  il crostaceo   cinese vietato in Italia

DI FIUME - Questo è il crostaceo cinese vietato in Italia

Sono anni che non mangio più un granchio, con quel sughetto saporito e le chele da succhiare. E’ tanto tempo che vedo solo granchi che non conosco, eppure ne ho pescati a chili da ragazzina. Il km zero non è certo la realtà per il nostro Mediterraneo, che abbiamo troppo sfruttato e merita riposo per ripopolarsi. Per non prendere, però, un granchio per la nostra salute ho deciso di porre il quesito a chi – in silenzio – ogni giorno vigila su ciò che portiamo a tavola. Perché, da golosa, comunque i granchi li vorrei gustare ancora: in tutta sicurezza.

Il pericolo, ricorrente visti i sequestri che si susseguono in tutta Italia, viene dal granchio cinese guantato (eriocheir sinensis) che deve il suo nome inglese alla sua più vistosa caratteristica morfologica: le evidenti sete brune che ricoprono le chele dalla punta bianca. “Questo crostaceo è nell’elenco delle specie invasive animali e vegetali esotiche la cui introduzione sul territorio italiano è vietata e punita come reato penale” - mi risponde Marilia Tantillo, docente di Sicurezza degli alimenti a Medicina ed anche a Veterinaria dell’Università di Bari.

Il problema è duplice. Si riproduce rapidissimamente e provoca notevoli danni all’ambiente poiché è aggressiva e vorace verso la maggior parte delle altre specie ittiche e particolarmente attiva nello scavare profonde tane sulle zone degli argini di canali e corsi d’acqua. E, se pure la nostra conoscenza non fosse attenta a ciò, ci sono i pericoli per la salute umana che il granchio cinese guantato presenta. “È considerato un bioaccumulatore di contaminanti organici e inorganici altamente tossici (metalli pesanti, PCB, diossine) presenti nei fiumi cinesi, habitat naturali del granchio” prosegue la prof.ssa Tantillo. Ma come arriva in Italia?

“I ristoranti etnici riescono a rifornirsi fraudolentemente del prodotto. Oppure, arriva involontariamente con le navi che attraversano i nostri mari trasportano il suo stadio larvale: poi che passa al ciclo adulto nei nostri fiumi”. Fin qui, la scienza e la legge. Che fare? Semplicemente, se costa troppo poco… attenzione a non prendere un “granchio”!

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su

Caratteri rimanenti: 400

LE RUBRICHE

Speciale Abbonamento - Scopri le formule per abbonarti al giornale quotidiano della Gazzetta
Gazzettaffari - Portale di annunci de La Gazzetta del Mezzogiorno
Gazzetta Necrologie