Martedì 18 Giugno 2019 | 15:04

NEWS DALLA SEZIONE

Altissima qualità
CALICI - Una degustazione  nel castello aragonese di Taranto

Vino a Orsara, Taranto e Lecce

 
Orgoglio pugliese in tutta Italia e nel mondo
I PILASTRI - La famiglia Maci e la direttrice Assunta De Cillis

I primi 30 anni di Cantine Due Palme

 
Ciak si gira
Lidia Bastianich e chef Pietro Zito

Lidia Bastianich torna in Puglia

 
Ultimo weekend di maggio
BRINDISI - In tutta Italia per l’evento più atteso dell’anno

«Cantine aperte» con un calice

 
Puglia, da scoprire e da degustare
WEEK END - Fra natura e degustazioni e monumenti

Mangia, prega e ama il Gargano

 

Il Biancorosso

LA CURIOSITA'
De Laurentiis e Simeri a MykonosTutto sulle vacanze del Bari

De Laurentiis e Simeri a Mykonos. Tutto sulle vacanze del Bari

 

i più visti della sezione

NEWS DALLE PROVINCE

BariL'elezione
Confindustria Bari-Bat: Sergio Fontana è il nuovo presidente

Confindustria Bari-Bat: Sergio Fontana è il nuovo presidente

 
PotenzaIl caso
Da 20 anni con un tubo nello stomaco, rimosso all'ospedale di Potenza

Da 20 anni con un tubo nello stomaco, rimosso all'ospedale di Potenza

 
Tarantoal rione tamburi
Taranto, spaccia eroina in casa: arrestato pluripregiudicato

Taranto, spaccia eroina in casa: arrestato pluripregiudicato

 
BrindisiMinacce e lesioni
Brindisi, litiga con la fidanzata e le rompe il naso: denunciato

Brindisi, litiga con la fidanzata e le rompe il naso: denunciato

 
LecceHa 2 anni
Lecce, bimba con esofago ricostruito mangia normalmente

Lecce, bimba con esofago ricostruito mangia normalmente

 
Foggianel Foggiano
Poggio Imperiale, morta Nonna Peppa, la donna più anziana d'Europa

Poggio Imperiale, morta Nonna Peppa, la donna più anziana d'Europa

 
MateraNel Materano
Boom case vacanza nel Metapontino, terza località in Italia

Boom case vacanza nel Metapontino, terza località in Italia

 
BatDal geologo Dellisanti
Minervino Murge, scoperta nuova grotta carsica

Minervino Murge, scoperta nuova grotta carsica

 

i più letti

Non confondere le «teste del Purgatorio» con Halloween

Falò accesi e teste di Purgatorio

Sapori e festa illumineranno Orsara (Foggia) la notte fra l'1 e il 2 novembre

ZUCCA - Scavata dal celebre chef orsarese Peppe Zullo

ZUCCA - Scavata dal celebre chef orsarese Peppe Zullo

Non confondere le «teste del Purgatorio» con Halloween (che si celebra il 31 ottobre) è il primo passo per assaporare la festa ed i sapori di Orsara di Puglia durante il ponte di Ognissanti. Nella notte tra l’1 e il 2 novembre, in questa città Slow in provincia di Foggia, si accenderanno una miriade di «fucacoste e cocce priatorje» (falò e teste del purgatorio). In ogni via, piazza e slargo del paese ci sarà un covone che arde, scintille che ascendono al cielo.

L’origine è remota e risale al tempo in cui, davanti a ogni uscio di casa, si usava porre dell’olio in una bacinella piena d’acqua sormontata da un treppiede con una lampada: alla fioca luce della candela, si poteva assistere, secondo le vecchie credenze alla sfilata delle anime del purgatorio. Elemento caratterizzante dei fuochi è la ginestra, un arbusto che in fiamme si volatilizza facilmente, facendo sembrare che il legame cielo-terra si compirà sotto i nostri occhi. E’ convinzione che le anime dei defunti, tornando fra i vivi, facciano visita ai parenti e tornino alle dimore dove avevano vissuto, si riscaldino e continuino il loro peregrinare per tutta la notte. Secondo la credenza popolare, la zucca accesa avrebbe fatto ritrovare al defunto la casa dove era vissuto. In onore dei defunti, si consumano cibi poveri ma simbolici: il grano lesso condito col solo mosto cotto, le patate, le cipolle, le uova e le castagne cotte sotto la brace. Cucina semplice per gente intelligente: è lo slogan del celebre chef orsarese Peppe Zullo, che con la zucca riesce a cucinare tutto, dal salato al dolce.

Le fiamme di 100 falò in contemporanea prenderanno il via dalle ore 19 in poi ma, per i bambini, segnaliamo il Laboratorio delle Zucche che aprirà alle 15.30 per imparare, guidati da personale qualificato, l’arte dell’intaglio.
Ecco quindi, nel cuore della Daunia, le zucche lanterna fatte dagli orsaresi che scelgono le zucche più belle dei loro campi e le intagliano per la notte del 1° novembre in cui, puntualmente, si prevede un grande afflusso di visitatori.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su

Caratteri rimanenti: 400

LE RUBRICHE