Venerdì 26 Febbraio 2021 | 05:17

Il Biancorosso

Biancorossi
Al San Nicola Bari in grigio, ma adesso è vietato fermarsi

Al San Nicola Bari in grigio, ma adesso è vietato fermarsi

 

NEWS DALLE PROVINCE

TarantoIn via Crispi
Taranto, agguato in serata: grave un 20enne ferito all'addome

Taranto, agguato in serata: grave un 20enne ferito all'addome

 
LecceNella notte
Surano, la banda del buco svaligia due negozi in centro commerciale

Surano, la banda del buco svaligia due negozi in centro commerciale

 
FoggiaIl sindaco
San Marco in Lamis, Covid tra i giovani: 11 positivi tra 1 e 25 anni

San Marco in Lamis, Covid tra i giovani: 11 positivi tra 1 e 25 anni

 
PotenzaL'incidente
San Severino, pescatore precipita in Bosco Magnano: soccorso dai pompieri

San Severino, pescatore precipita in Bosco Magnano: soccorso dai pompieri

 
BariIl progetto
Bari, Finacantieri investe 26mln: punta su meccatronica e innovazione

Bari, Finacantieri investe 26mln: punta su meccatronica e innovazione

 
BatNella Bat
Trani, spaccio di droga in famiglia, coinvolto anche 14enne: un arresto e 3 denunce

Trani, spaccio di droga in famiglia, coinvolto anche 14enne: un arresto e 3 denunce

 

i più letti

90% produzione in Campania

Fichi, arcobaleno di frutti estivi

A spasso nella biodiversità di Puglia, tanti sapori dal Foggiano fino al Salento

Ci fa compagnia da millenni, chiede pochissimo e ricambia la poca acqua di cui ha bisogno con frutti gustosi e abbondanti. Sua maestà il fico accompagna l’alimentazione dei popoli mediterranei

A SANGUE - Così si chiamano quelli dal colore rosso

A SANGUE - Così si chiamano quelli dal colore rosso

Ci fa compagnia da millenni, chiede pochissimo e ricambia la poca acqua di cui ha bisogno con frutti gustosi e abbondanti. Sua maestà il fico, che accompagna l’alimentazione dei popoli mediterranei da millenni, è uno dei simboli della biodiversità della Puglia. Ma in Italia, oramai il 90% della produzione è concentrata in Campania (nel Cilento).

Frutta d’estate, da dove arriva? Nel tacco d’Italia la produzione diretta alla commercializzazione e per lo più le aree fra Bari, Brindisi e Lecce con prevalente destinazione per il mercato fresco. A volte li guardiamo distrattamente, come ornamento dei nostri giardini. In realtà il patrimonio genetico pugliese di fichi è probabilmente il più ricco e vario che esista in ambito nazionale. Infatti, è stato oggetto di operazioni di recupero nell'ambito di progetti di salvaguardia della biodiversità coordinati dal CRSFA di Locorotondo e dall’Università di Bari.

Quali sono le varietà più famose coltivate in Puglia? “Senz’altro c’è la Petrelli (nota anche con i nomi di San Vito, San Giovanni, Colummaro bianco) che è diffusa sia lungo la costa adriatica fino al litorale brindisino, sia nell’entroterra, nei territori pre-murgiani del barese, con maturazione che va dai primi di giugno fino a quasi metà luglio. Poi ci sono i cosiddetti forniti, verdi o con sfumature rossastre, che maturano dalla fine luglio alla metà di agosto”, ci dice Lorenzo Laghezza, agronomo di Agrimeca di Turi.

Altri ecotipi apprezzati di fioroni coltivati nel nord barese - con produzioni da fine giugno agli inizi di agosto - sono Rosso di Trani, Rosso violaceo di Ruvo e Rosso comune diffuso in agro di Terlizzi (anche chiamato Domenico Tauro). Quest’ultimo sta riscuotendo i maggiori risultati commerciali, per la sua elevata conservabilità (fino a 10 giorni in cella). Nel tarantino spicca il Fiorone nero di Sava.

Tra i forniti, ecco le varietà più importanti. La bianca Dottato, diffusa in tutta la regione. A metà agosto maturano il fico Indini bianco tipico nel nord di Foggia, fico nero di Oria nel brindisino, il fico Regina nel sud barese, di polpa consistente e buccia nero violacea.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su

Caratteri rimanenti: 400

LE RUBRICHE

Speciale Abbonamento - Scopri le formule per abbonarti al giornale quotidiano della Gazzetta
Gazzettaffari - Portale di annunci de La Gazzetta del Mezzogiorno
Gazzetta Necrologie