Sabato 15 Giugno 2019 | 22:46

NEWS DALLA SEZIONE

Altissima qualità
CALICI - Una degustazione  nel castello aragonese di Taranto

Vino a Orsara, Taranto e Lecce

 
Orgoglio pugliese in tutta Italia e nel mondo
I PILASTRI - La famiglia Maci e la direttrice Assunta De Cillis

I primi 30 anni di Cantine Due Palme

 
Ciak si gira
Lidia Bastianich e chef Pietro Zito

Lidia Bastianich torna in Puglia

 
Ultimo weekend di maggio
BRINDISI - In tutta Italia per l’evento più atteso dell’anno

«Cantine aperte» con un calice

 
Puglia, da scoprire e da degustare
WEEK END - Fra natura e degustazioni e monumenti

Mangia, prega e ama il Gargano

 
Cucina
Sulla Murgia è tempo di P-Assaggi: tra gli ospiti lo chef stellato Gennaro Esposito

Sulla Murgia è tempo di P-Assaggi: tra gli ospiti lo chef stellato Gennaro Esposito

 
Turismo della Memoria
MARE - Una risorsa per la cosiddetta Valigia delle Indie che è Brindisi

Quando Brindisi fu la «capitale»

 
Gli eventi gratuiti di InPuglia365
TIPICO - Come lo è il buon formaggio pallone di Gravina

Primavera, week end in viaggio

 

Il Biancorosso

CALCIO MERCATO
Il Monopoli sulle tracce di Barretoriparte dalla Puglia l'avventura ?

Il Monopoli sulle tracce di Barreto, riparte dalla Puglia l'avventura ?

 

i più visti della sezione

NEWS DALLE PROVINCE

TarantoLa tragedia
Fragagnano, a centinaia ai funerali del pompiere morto

Fragagnano, a centinaia ai funerali del pompiere morto

 
BariIl progetto
Bari, Goldman Sachs investe nella musica lirica per aiutare ragazzi a rischio

Bari, Goldman Sachs investe nella musica lirica per aiutare ragazzi a rischio

 
NewsweekDal 23 al 27/7
Richard Gere in Basilicata: superospite alle Giornate di Maratea

Richard Gere in Basilicata: superospite alle Giornate di Maratea

 
HomeL'evento a S. Giovanni Rotondo
S. Giovanni Rotondo, al raduno della Protezione civile la più piccola volontaria d'Italia

Raduno nazionale Protezione civile, ecco la più piccola volontaria d'Italia: è pugliese

 
BrindisiAlla Bcc di Locorotondo
Cisternino, assaltano un bancomat ma i carabinieri li mettono in fuga

Cisternino, assaltano un bancomat ma i carabinieri li mettono in fuga

 
BatIl ritrovamento
San Ferdinando, Nascondeva nel box un fucile: arrestato incensurato

San Ferdinando, nascondeva nel box un fucile: arrestato incensurato

 
MateraL'iniziativa
Matera, un bonus per l'e-bike: in centinaia in fila al Comune

Matera, un bonus per l'e-bike: in centinaia in fila al Comune

 

i più letti

consumatore consapevole

Come il grano diventerà pasta?

«Costretti ad acquistare nel mondo: la produzione italiana copre solo il 70%»

LA TRAFILA - Ecco come nasce un rigatone

LA TRAFILA - Ecco come nasce un rigatone

Pasta, italiana e fatta con semola di grano duro straniero? La questione è tutta qui, ma capirne di più –aldilà di proclami anacronistici – è indispensabile per chi vuol scegliere da consumatore consapevole. Allora, tuffiamoci in un mare di grano. Il luogo è lo stabilimento Divella a Rutigliano e la fonte è l’AIDEPI (Associazione delle Industrie del Dolce e della Pasta Italiana). Cuore pulsante è “il saper fare dei pastai nella miscelazione dei grani migliori al mondo”.

“Anche all’estero c’è ottimo grano: l’83% di quello importato per fare pasta è di qualità superiore, con un contenuto proteico oltre il 13%, e viene pagato circa il 15% in più di quello nazionale”. “Solo il 35% del grano italiano ha contenuto proteico superiore al 13% e circa il 30% di quello italiano è sotto il 12%, quindi non adatto alla pastificazione”.

“La produzione media annua italiana copre il 70% del necessario. Siamo obbligati a importare dall’estero il 30% o il 40% del totale, a seconda dell’annata (meno della metà di 200 anni fa). E i pastai italiani lo fanno, da sempre, scegliendo il meglio in Francia, Australia, Messico e Nord America”. Se 1 chicco di grano duro italiano su 3 è ai limiti dei parametri richiesti, la miscelazione con grano estero più tenace gli consente di diventare pasta ottima e salubre.

“La semola di grano duro – commentano Vincenzo e Francesco Divella, amministratori delegati del pastificio - è l'unica ad avere la tenacità che permette alla pasta di tenere la cottura e di restare al dente. Quando è di ottima qualità, le proteine a contatto con l’acqua creano il glutine che costituisce la struttura della pasta e ne trattiene l’amido. Più forte è la tenuta della rete proteica, più strette le sue maglie, meno amido fuoriuscirà dalla pasta in cottura (lo si vede già dalla limpidezza dell’acqua nella pentola) evitando che quella patina sulla pasta che la rende collosa e scotta. Per questo, ci sta molto a cuore la qualità della materia prima, affinché la nostra pasta sia la migliore al mondo”.

Il primo passo è stato fatto con gli accordi di filiera, ma serve maggiore collaborazione tra cerealicoltori, molini e pastifici, per consentire l’approvvigionamento sul mercato domestico.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su

Caratteri rimanenti: 400