Sabato 16 Febbraio 2019 | 18:41

NEWS DALLA SEZIONE

Ai domiciliari
Cocaina e 1700 euro in tasca: un arresto a San Donaci

Cocaina e 1700 euro in tasca: un arresto a San Donaci

 
Provoca il cancro
Al Perrino in anatomia patologica è allarme formaldeide

Al Perrino in anatomia patologica è allarme formaldeide

 
Sulla via di San Vito
Brindisi, cc scoprono casolare con 50 africani tra droga e degrado, un arresto

Brindisi, scoperti 50 africani in casolare tra droga e degrado: un arresto

 
La rapina a Brindisi
Brindisi, legano il portiere dell'hotel Internazionale: caccia a 2 rapinatori

Legano il portiere dell'hotel Internazionale: caccia a 2 rapinatori

 
Dai cc di Brindisi Casale
Carne conservata male e prodotti proibiti: multato macellaio

Carne conservata male e prodotti proibiti: multato macellaio

 
Il caso
Oria, sequestrati dalla Gdf villa e terreno ad esponente della Scu

Oria, sequestrati dalla Gdf villa e terreno ad esponente della Scu

 
La rapina
Brindisi, armati di pistola assaltano la Total Erg

Brindisi, armati di pistola assaltano la Total Erg

 
Sequestrati anche 30 kg di pesce
carabinieri Nas

Latiano, lavavano pesce con acqua contaminata: ristorante sospeso

 
NEL RIONE SANT'ANGELO
Brindisi, 2 fratelli minacciati con la pistola: «I cellulari o sparo»

Brindisi, 2 fratelli minacciati con la pistola: «I cellulari o sparo»

 
Operazione dei Cc
Carovigno, nel «fortino» 2 quintali di droga: sotto accusa una famiglia

Carovigno, nel «fortino» 2 quintali di droga: sotto accusa una famiglia

 
Lotta alla droga
Carovigno, beccato mentre spacciava cocaina: arrestato 42enne

Carovigno, preso dai Cc 42enne mentre spacciava cocaina

 

NEWS DALLE PROVINCE

LecceVerso le elezioni
Lecce, il centrodestra ufficializza le primarie

Lecce, il centrodestra ufficializza le primarie

 
BariSanità
Medicina «narrativa» Un corso per i medici

Medicina «narrativa» Un corso per i medici

 
TarantoLa manifestazione
Taranto, anche Caparezza sostiene la fiaccolata per i bimbi morti di cancro

Taranto, anche Caparezza sostiene la fiaccolata per i bimbi morti di cancro

 
MateraIl caso
matera bari

Matera, svaligiavano appartamenti: in manette 3 ladri baresi

 
BatDavanti al porto
Trani, anziana in acqua: soccorsa in tempo, rischiava assideramento

Trani, anziana in acqua: soccorsa in tempo, rischiava assideramento

 
BrindisiAi domiciliari
Cocaina e 1700 euro in tasca: un arresto a San Donaci

Cocaina e 1700 euro in tasca: un arresto a San Donaci

 
PotenzaDal gip di Potenza
Lavello, donna di mezza età in crisi col marito amava «partner» under 18: condannata

Lavello, donna 40enne in crisi col marito amava «partner» under 18: condannata

 
FoggiaSfiducia al sindaco
San Giovanni Rotondo, al Comune arriva il commissario

San Giovanni Rotondo, al Comune arriva il commissario

 

Operazione della Polizia

Brindisi, «pizzo» a un'impresa
5 arresti, anche nipote vittima

Chiusa una indagine dopo 5 mesi: la tecnica era quella dei «cavalli di ritorno»

Brindisi, «pizzo» a un'impresa5 arresti, anche nipote vittima

Cinque arresti per l’estorsione ai danni di una impresa di impianti idraulici e termici di via Dalmazia con la tecnica del «cavallo di ritorno» per le restitituzione di mezzi e attrezzature rubate. La Squadra mobile chiude il cerchio - con l’operazione «Doppio Gioco» - attorno ai presunti autori individuando, dopo cinque mesi di indagini, tutti i soggetti coinvolti ed i rispettivi ruoli. Con l’accusa di estorsione aggravata in concorso, sono stati raggiunti da ordinanza di custodia cautelare i brindisini Jonathan Muolo (25 anni) e Antonio Lagatta (23 anni), entrambi già in carcere, Vittorio Corsa 23 anni) , Alessandro D’Errico (43anni) e Seku Ajkunic, di origini slave, gli ultimi tre finiti ai domiciliari.
I provvedimenti richiesti dal pm Luca Miceli, sono stati accolti dal gip Tea Vederosa. In particolare, il provvedimento restrittivo della libertà personale emesso dal Gip prevede l’applicazione della misura degli arresti domiciliari a carico dei 4 complici e modifica il precedente provvedimento custodiale, aggravandolo nel titolo, nei confronti di Jonathan Muolo al quale è ora contestato anche di aver commesso il fatto «…in più persone riunite».
Johnatan Muolo, peraltro nipote di uno dei due soci dell’azienda finita nel mirino degli estorsori, venne arrestato dagli investigatori dell’Antirapina - coordinata dall’ispettore capo Giancarlo Di Nunno e dell’Antidroga - diretta dall’ispettore capo Raffaella Conte - dopo aver riscosso dopo aver riscosso il «pizzo» in flagranza di reato. 

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su

Caratteri rimanenti: 400